Cloud e virtualizzazione: come cambierà l'end user computing secondo VMware

Cloud e virtualizzazione: come cambierà l'end user computing secondo VMware

Autore: Andrea Bai   Categoria: Software

“La cessione del supporto a Windows XP metterà molte aziende nella situazione di dover riconsiderare in che maniera offrire gli strumenti tecnologici ai dipendenti, portando ad una trasformazione dell'ambiente operativo”

Introduzione

8 aprile 2014: è questo il giorno in cui Microsoft cesserà tutte le attività di supporto ufficiale al sistema operativo Windows XP. Entro questa data tutte le aziende che ancora oggi si affidano a questo sistema operativo dovranno obbligatoriamente aver completato la migrazione verso una nuova piattaforma: un processo complesso che richiede ingenti attività di pianficazione nonché investimenti numericamente rilevanti. Molte delle aziende che ancora basano la propria infrastruttura IT su Windows XP si troveranno proprio in questi anni a dover decidere come proseguire il proprio cammino nell'ambito dell'End-User Computing (EUC): si tratta di un grosso nodo da sciogliere, poiché rappresenterà il modo in cui le aziende forniranno gli strumenti tecnologici ai propri lavoratori.

Nel corso degli ultimi anni si sono infatti affermati nuovi e diversi paradigmi tecnologici che hanno messo sempre più decisioni da prendere dinnanzi ai dipartimenti IT delle aziende. Molti utenti si aspettano di lavorare (o lo richiedono) con dispositivi multipli, la globalizzazione e la connettività hanno portato ad una "dispersione" della forza lavoro che il progresso delle tecnologie mobile provvede a riconnettere e a far collaborare. Adesso esistono il cloud e la virtualizzazione, con piattaforme ed applicazioni che possono essere distribuite e centralizzate, senza che l'utente possa percepire la differenza rispetto ad un ambiente di lavoro più "tradizionale".

Questa situazione porta ad una reale esplosione nelle possibilità di scelta, che di norma rappresenta una buona cosa. Ma così non è, dal momento questo mare di possibilità genera confusione e fa emergere numerose domande alle quali l'IT deve essere in grado di rispondere: gli utenti divengono più esperti e sofisticati, quanto e che tipo di supporto hanno bisogno? Possono e dovrebbero lavorare con i propri dispositivi e le proprie applicazioni? Come si concilia questo con i dati sensibili? Quali sono i nuovi rischi collegati a queste nuove tendenze? Quanto controllo deve avere l'IT nel rendere disponibili queste tecnologie agli utenti-dipendenti?

Si evince pertanto che l'end-user computing non è più un processo lineare di aggiornamento e sostituzione, come è stato fino ad ora, ma diventa un vero e proprio percorso attraversato da molteplici alternative. Alternative che spesso appaiono essere complesse e divergenti e per questo motivo ogni azienda si trova nella situazione di dover capire quale strada seguire e in quale momento, per ciascun gruppo di lavoratori. Ma questo è possibile ad una sola condizione: sapere quale sia la destinazione.


Brian Gammage, Chief Market Technologist per VMware

Quando si parla di virtualizzazione e cloud, che rappresenteranno i punti fermi sui quali si poggerà l'evoluzione dell'End-User Computing, non si può non trascurare la posizione di una realtà che attualmente detiene l'85% del mercato mondiale della virtualizzazione: VMware. E' Brian Gammage, Chief Market Technologist dell'azienda statunitense, che illustra quale sia la visione dell'azienda nell'ambito dell'End-User Computing, cercando di prevedere in che modo le aziende dovrebbero pianificare il proprio percorso per individuare in che modo affrontare i propri investimenti. Gammage sottolinea un concetto che deve essere tenuto presente per tutta la durata della fase evolutiva: l'End-User Computing non riguarda la tecnologia ma riguarda il modo in cui gli utenti lavorano tramite la tecnologia. E' per questo che decisioni sbagliate rischiano di ostacolare la produttività e la capacità di crescita di un'azienda.

Notizie

31.01.2015

Google manca le aspettative di Wall Street, ma il trimestre è positivo

Google ha annunciato i risultati finanziari dell'ultimo trimestre del 2014. La società è in crescita su base annuale, ma non riesce a raggiungere le aspettative...

30.01.2015

F5 Networks rafforza la partnership con Cisco e presenta la nuova versione di BIG-IQ

Nell'annunciare la nuova versione della soluzione destinata all'Application Delivery, F5 Networks rafforza la partnership strategia con Cisco grazie ad...

30.01.2015

Gli USA ridefiniscono la banda larga a 25/3Mbps: il dato che fa vergognare l'Italia

La Federal Communications Commission (FCC) ha ridefinito i criteri per la banda larga, non più da 4/1 Mbps rispettivamente in download e upload, ma da...

29.01.2015

Doloroso quarto trimestre per Samsung, calano gli utili per la prima volta in tre anni

Come ampiamente previsto, Samsung fa segnare un trimestre in negativo con calo di utili e fatturato per la prima volta in tre anni. A trascinare verso...

29.01.2015

Servizi a pagamento non richiesti: ecco cosa chiede il Garante agli operatori telefonici

Già pubblica la prima delibera che affronta il problema dell'attivazione non richiesta dei servizi cosiddetti Premium sui telefoni cellulari. Sono tre...

29.01.2015

Solida la trimestrale di Facebook, grazie agli utenti da mobile

Il social network pubblica i risultati del quarto trimestre fiscale e dell'intero anno. Buona crescita in utile e fatturato, quest'ultimo costituito in...

28.01.2015

Quantum Dot stampabili dall'University of Illinois

Un particolare sistema simile alla stampa a getto di inchiostro permette di realizzare pattern complessi e ad alta definizione di quantum dot, aprendo...

28.01.2015

Apple, ancora un trimestre da record grazie ai nuovi iPhone

La Mela fa segnare il record della sua storia per quanto riguarda utili e fatturato. La Cina diventa un mercato di importanti dimensioni, e a fronte di...

27.01.2015

In crescita le vendite di Lumia e Surface, l'hardware di Microsoft

I risultati trimestrali dell'azienda, riferiti al periodo di fine 2014, mostrano un fatturato in crescita e un'azienda in costante trasformazione. Buoni...

27.01.2015

IBM, taglio di 111 mila dipendenti? Non proprio

Alcune indiscrezioni parlano di un'operazione che porterà al taglio del 26% della forza lavoro dell'azienda. Ma Big Blue smentisce le dimensioni dell'operazione,...

27.01.2015

Un chip tridimensionale con transistor a nanotubi di carbonio

Un gruppo di ricercatori della Stanford University è riuscito ad impiegare i nanotubi di carbonio per creare un circuito integrato monolitico con memoria...

26.01.2015

Chip mobile di Intel: vendono tanto, ma costano all'azienda anche di più

Intel ha perseguito nel corso del 2014 una strategia commerciale mirante alla crescita della quota di mercato nei dispositivi mobile, tablet e smartphone....

26.01.2015

Un laser di germanio-stagno per i collegamenti ottici on-chip

Un gruppo di ricercatori studia un modo per realizzare laser a base di semiconduttori direttamente sul silicio, per costruire un sistema di comunicazioni...

26.01.2015

Samsung e Apple i principali acquirenti di semiconduttori nel 2014

Le due aziende insieme acquistano semiconduttori per un valore combinato di 57 miliardi di dollari. Ma i colossi cinesi iniziano a crescere e i prossimi...