680 GPU NVIDIA Tesla in un supercomputer giapponese

680 GPU NVIDIA Tesla in un supercomputer giapponese

Autore: Paolo Corsini Categoria: Periferiche
NVIDIA annuncia una partnership con il Tokyo Institute of Technology (Tokyo Tech): 170 sistemi Rack Tesla operano ora nel supercomputer TSUBAME

NVIDIA può vantare una nuova importante collaborazione nel proprio progetto di diffusione delle soluzioni GPU Computing della famiglia Tesla. Il Tokyo Institute of Technology (Tokyo Tech) ha infatti annunciato di aver concluso una collaborazione con NVIDIA che prevede l'utilizzo di 170 sistemi Tesla S1070 all'interno del proprio supercomputer TSUBAME.

Grazie all'utilizzo di questi sistemi Tesla il nuovo supercomputer giapponese ha incrementato la propria potenza elaborativa massima teorica sino a 170 TFLOPS, e circa 77,48 TFLOPS di potenza utilizzando Linkpack, tool di misura universalmente adottato per valutare le prestazioni velocistiche dei supercomputer.

Le soluzioni Tesla S1070 prevedono l'integrazione di 4 schede video Tesla, dotate di GPU GT200 ciascuna con 240 stream processors, all'interno di un chassis Rack a 1 unità; il sistema è collegato ad un PC di controllo attraverso due connettori PCI Express, ciascuno dei quali governa una coppia di schede video.

L'implementazione dei 170 sistemi Tesla S1070 ha richiesto circa 1 settimana di lavoro, senza la necessità di dover interrompere il funzionamento del supercomputer TSUBAME durante l'installazione dei rack. Le soluzioni Tesla operano in parallelo con vari server rack sviluppati da Sun: ricordiamo come ogni coppia di GPU implementata in ogni sistema Tesla S1070 richieda di venir pilotata da un PC, con un requisito minimo dato dall'avere almeno un core di processore abbinato ad ogni GPU.

tokio_tesla_1.jpg (60884 bytes)

tokio_tesla_2.jpg (46136 bytes)

tokio_tesla_3.jpg (51017 bytes)

Nella giornata di ieri NVIDIA ha annunciato il debutto delle proprie soluzioni Tesla Personal Supercomputer: si tratta di un reference design di sistema con i tradizionali componenti  di un PC workstation nel quale sono state montate sino a 4 schede Tesla C1060, con le quali è quindi possibile ottenere la stessa potenza elaborativa di un sistema Tesla S1070 avendo già integrata la parte di PC per il controllo delle schede Tesla e per i tradizionali ambiti di utilizzo di un PC.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web NVIDIA a questo indirizzo.

Commenti (32) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Evangelion01 pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:04
Ecco, con questa configurazione forse crysis ce la fa a girare a palla....
Commento # 2 di: amagriva pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:14
Non ci credo...

Inesorabile è arrivato il commento su Crysis...
Pazzesco! Chissà se è sempre la stessa persona?
Magari c'ha un alert e un motore di ricerca impostato ad hoc!
Commento # 3 di: daboss87 pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:19
E allora lo scrivo anche io "magari forse crysis ora non va a scatti"

TIE', così impari!! XD
Commento # 4 di: cignox1 pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:29
Pazzesco, sembra ieri che la nVidia ha detto "Mammamia, che bestie 'ste nostre scheduccie. Proviamo a tirar fuori il GPGPU".
Ecco qua, senza neanche accorgersene, Tesla a destra e a manca, con estensioni per il GPGPU in arrivo anche sulle prossime DX, e tutti a parlare dei teraflop di geForce e Radeon.

E tuuto questo soltanto perche' una decina di anni fa qualcuno voleva giochetti piu' carini (ah, che nostalgia al pensiero delle prime 3dfx e matrox che si facevano la guerra con 4 o 8 megabytes e alcune migliaia di poligoni gridando 'io c'ho lo z-buffer e il multitexturing!!').

Insomma, e' strano pensare che construiscono supercomputer con l'hardware pensato per i videogiochi degli smanettoni. Anche il Cell rientra in un certo senso nella categoria...
Commento # 5 di: mau.c pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:31
allora forse ci gira anche fsx con i dettagli al massimo. ma sinceramente ne dubito anche perchè è molto più pesante di crysis...

sarebbe carino se si potessero avere un po' di info in più su come vengono usati questi supercomputer, cosa gli viene fatto calcolare. anche solo indicativamente..
Commento # 6 di: Wilfrick pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:41
Qualche conto non mi torna:
riferendomi ad una notizia di ieri, si diceva che un sistema tesla formato da 4 schede arriva fino ad un massimo teorico di 4 tflop.
I sistemi montati qui sono 170 (680 gpu, 4 in ogni sistema, quindi 170), ma i tflop "aumentati" in questo computer sono "solo" 170... c'è qualcosa che non va. Se i teorici di ogni sistema sono 4, ogni scheda quindi ne dovrebbe fare 1, pertanto 680 in più. Perchè solo 170? Mi sfugge qualcosa?
Commento # 7 di: Manuel333 pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:41
gli viene fatto calcolare il Pgreco
Commento # 8 di: jo.li. pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:48
L'utilizzo delle moderne GPU incrementera notevolmente le capacità di calcolo dei normali pc comprese la codifica-decodifica di tutti i flussi audio-video.
Commento # 9 di: piffe pubblicato il 19 Novembre 2008, 13:03
Originariamente inviato da: Manuel333
gli viene fatto calcolare il Pgreco

Tutto 'sto casino per tirare fuori 3,14???
Commento # 10 di: wlog pubblicato il 19 Novembre 2008, 13:05
Un sistema del genere è molto adatto alla simulazione di grossi sistemi dinamici, magari per le simulazioni di fisica ed ingegneria.... Come ad esempio lo studio dei terremoti e dei loro effetti sulle case, oppure lo studio dei materiali e delle loro reazioni in situazioni critiche...
Totale commenti: 32 « Pagina Precedente | Pag 1 di 4 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

17.12.2014

Siamo a quota 2 miliardi di smarthone attivi a livello globale

Superata una soglia a dir poco significativa, quella dei 2 miliardi di smartphone attivi; Android continua a farla da padrone ma nel futuro si apre spazio...

17.12.2014

Cerotti antidolorifici, anche loro presto diventeranno smart

Una struttura in rame che può flettersi ed estendersi senza subire danni: è questa la base per un cerotto termico riutilizzabile, che può essere controllato...

16.12.2014

Grosso tonfo di Samsung sul mercato smartphone, ne approfitta Xiaomi

Xiaomi cresce su base annuale alle spese di Samsung, entra nella Top 5 e insidia la connazionale Huawei. Ecco tutti i dati di Gartner per il mercato smartphone...

15.12.2014

Memorie a tecnologia ottica, il RIKEN prova una nuova strada

Un nuovo metodo di autoassemblaggio di particolari molecole fotocromiche potrebbe portare ad una più semplice produzione di memorie a tecnologia ottica...

12.12.2014

Indossabili e smart devices, previsioni di scenari per i prossimi anni

Gartner elabora una serie di previsioni rivolte ai dispositivi indossabili, ai sensori biometrici e ai dispositivi per la realtà virtuale/aumentata

11.12.2014

HP prepara Linux++, sistema operativo dedicato a The Machine

A partire da giugno 2015 HP metterà a disposizione una versione di Linux specifica per la sua nuova concezione di computer per avvicinare ad essa ricercatori,...

11.12.2014

Globalfoundries in cerca di ordinativi da Qualcomm e Apple

La fonderia spera di riuscire ad accaparrarsi qualche ordinativo per la produzione dei chip a 14 nanometri da parte delle due compagnie fabless

10.12.2014

Apple e IBM annunciano le prime app di IBM MobileFirst for iOS

Presentate le prime app nate dalla collaborazione strategica tra i due colossi, annunciata durante lo scorso mese di luglio

09.12.2014

Nel 2018 tablet o smartphone per tutte le attività online per oltre la metà degli utenti

Nel giro di pochi anni, soprattutto sul traino dei mercati emergenti, i dispositivi mobile saranno usati da oltre la metà del pubblico come unico strumento...

09.12.2014

TSMC ordina scanner EUV da ASML per prepararsi ai 7 nanometri

La fonderia taiwanese ha già ordinato due scanner EUV che saranno però inizialmente convertiti alla produzione standard e successivamente potrebbero essere...

05.12.2014

Check Point Capsule, sicurezza contro i rischi del BYOD

L'introduzione in azienda dei dispositivi personali rappresenta un rischio per la sicurezza dei dati, ne sono sempre più consapevoli i responsabili IT

04.12.2014

L'Università di Manchester scopre la permeabilità del grafene ai protoni

Potenzialità molto interessanti per lo sviluppo di batterie a celle di combustibile di maggior efficienza, ma la strada è ancora lunga

04.12.2014

Mercato server, un terzo trimestre di indugi con crescita limitata

HP, pur con un calo in consegne e fatturato, resta leader di mercato. A Cisco lo scettro della maggior crescita

03.12.2014

I ricercatori della Drexel Univerity scoprono quasi per caso l'argilla conduttiva

Potrebbe essere la base per costruire nuovi elettrodi per supercondensatori e batterie dalle maggiori prestazioni