680 GPU NVIDIA Tesla in un supercomputer giapponese

680 GPU NVIDIA Tesla in un supercomputer giapponese

Autore: Paolo Corsini Categoria: Periferiche
NVIDIA annuncia una partnership con il Tokyo Institute of Technology (Tokyo Tech): 170 sistemi Rack Tesla operano ora nel supercomputer TSUBAME

NVIDIA può vantare una nuova importante collaborazione nel proprio progetto di diffusione delle soluzioni GPU Computing della famiglia Tesla. Il Tokyo Institute of Technology (Tokyo Tech) ha infatti annunciato di aver concluso una collaborazione con NVIDIA che prevede l'utilizzo di 170 sistemi Tesla S1070 all'interno del proprio supercomputer TSUBAME.

Grazie all'utilizzo di questi sistemi Tesla il nuovo supercomputer giapponese ha incrementato la propria potenza elaborativa massima teorica sino a 170 TFLOPS, e circa 77,48 TFLOPS di potenza utilizzando Linkpack, tool di misura universalmente adottato per valutare le prestazioni velocistiche dei supercomputer.

Le soluzioni Tesla S1070 prevedono l'integrazione di 4 schede video Tesla, dotate di GPU GT200 ciascuna con 240 stream processors, all'interno di un chassis Rack a 1 unità; il sistema è collegato ad un PC di controllo attraverso due connettori PCI Express, ciascuno dei quali governa una coppia di schede video.

L'implementazione dei 170 sistemi Tesla S1070 ha richiesto circa 1 settimana di lavoro, senza la necessità di dover interrompere il funzionamento del supercomputer TSUBAME durante l'installazione dei rack. Le soluzioni Tesla operano in parallelo con vari server rack sviluppati da Sun: ricordiamo come ogni coppia di GPU implementata in ogni sistema Tesla S1070 richieda di venir pilotata da un PC, con un requisito minimo dato dall'avere almeno un core di processore abbinato ad ogni GPU.

tokio_tesla_1.jpg (60884 bytes)

tokio_tesla_2.jpg (46136 bytes)

tokio_tesla_3.jpg (51017 bytes)

Nella giornata di ieri NVIDIA ha annunciato il debutto delle proprie soluzioni Tesla Personal Supercomputer: si tratta di un reference design di sistema con i tradizionali componenti  di un PC workstation nel quale sono state montate sino a 4 schede Tesla C1060, con le quali è quindi possibile ottenere la stessa potenza elaborativa di un sistema Tesla S1070 avendo già integrata la parte di PC per il controllo delle schede Tesla e per i tradizionali ambiti di utilizzo di un PC.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web NVIDIA a questo indirizzo.

Commenti (32) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Evangelion01 pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:04
Ecco, con questa configurazione forse crysis ce la fa a girare a palla....
Commento # 2 di: amagriva pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:14
Non ci credo...

Inesorabile è arrivato il commento su Crysis...
Pazzesco! Chissà se è sempre la stessa persona?
Magari c'ha un alert e un motore di ricerca impostato ad hoc!
Commento # 3 di: daboss87 pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:19
E allora lo scrivo anche io "magari forse crysis ora non va a scatti"

TIE', così impari!! XD
Commento # 4 di: cignox1 pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:29
Pazzesco, sembra ieri che la nVidia ha detto "Mammamia, che bestie 'ste nostre scheduccie. Proviamo a tirar fuori il GPGPU".
Ecco qua, senza neanche accorgersene, Tesla a destra e a manca, con estensioni per il GPGPU in arrivo anche sulle prossime DX, e tutti a parlare dei teraflop di geForce e Radeon.

E tuuto questo soltanto perche' una decina di anni fa qualcuno voleva giochetti piu' carini (ah, che nostalgia al pensiero delle prime 3dfx e matrox che si facevano la guerra con 4 o 8 megabytes e alcune migliaia di poligoni gridando 'io c'ho lo z-buffer e il multitexturing!!').

Insomma, e' strano pensare che construiscono supercomputer con l'hardware pensato per i videogiochi degli smanettoni. Anche il Cell rientra in un certo senso nella categoria...
Commento # 5 di: mau.c pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:31
allora forse ci gira anche fsx con i dettagli al massimo. ma sinceramente ne dubito anche perchè è molto più pesante di crysis...

sarebbe carino se si potessero avere un po' di info in più su come vengono usati questi supercomputer, cosa gli viene fatto calcolare. anche solo indicativamente..
Commento # 6 di: Wilfrick pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:41
Qualche conto non mi torna:
riferendomi ad una notizia di ieri, si diceva che un sistema tesla formato da 4 schede arriva fino ad un massimo teorico di 4 tflop.
I sistemi montati qui sono 170 (680 gpu, 4 in ogni sistema, quindi 170), ma i tflop "aumentati" in questo computer sono "solo" 170... c'è qualcosa che non va. Se i teorici di ogni sistema sono 4, ogni scheda quindi ne dovrebbe fare 1, pertanto 680 in più. Perchè solo 170? Mi sfugge qualcosa?
Commento # 7 di: Manuel333 pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:41
gli viene fatto calcolare il Pgreco
Commento # 8 di: jo.li. pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:48
L'utilizzo delle moderne GPU incrementera notevolmente le capacità di calcolo dei normali pc comprese la codifica-decodifica di tutti i flussi audio-video.
Commento # 9 di: piffe pubblicato il 19 Novembre 2008, 13:03
Originariamente inviato da: Manuel333
gli viene fatto calcolare il Pgreco

Tutto 'sto casino per tirare fuori 3,14???
Commento # 10 di: wlog pubblicato il 19 Novembre 2008, 13:05
Un sistema del genere è molto adatto alla simulazione di grossi sistemi dinamici, magari per le simulazioni di fisica ed ingegneria.... Come ad esempio lo studio dei terremoti e dei loro effetti sulle case, oppure lo studio dei materiali e delle loro reazioni in situazioni critiche...
Totale commenti: 32 « Pagina Precedente | Pag 1 di 4 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

02.10.2014

High Performance Data Center: un seminario per il mondo enterprise

Organizzato a Bologna per la giornata di Giovedì 9 Ottobre un seminario sull'High Performance Data Center, dedicato al mondo enterprise e organizzato da...

02.10.2014

Spazio ai produttori emergenti nel mercato dei tablet

Apple e Samsung mantengono le principali quote di mercato tra i produttori mondiali di tablet ma è evidente come le preferenze dei consumatori si stiano...

01.10.2014

Arriva in Italia la fibra a 300Mbps di Vodafone

Già disponibile a Milano la fibra ottica a 300Mbps di Vodafone. Obiettivo: raggiungere l'80% di copertura del capoluogo lombardo entro il 2015

30.09.2014

Display touchscreen economici grazie al grafene

Impiegare il grafene al posto dell'ossido di indio-stagno permette di semplificare e di rendere più economica la produzione dei display touchscreen

29.09.2014

Globalfoundries prossima all'acquisizione della divisione semiconduttori di IBM

Le due aziende avrebbero ripreso le trattative, trovando un punto di accordo: IBM metterà sul piatto un incentivo di 2 miliardi di dollari per sbarazzarsi...

29.09.2014

Lenovo perfeziona l'acquisizione della divisione server x86 di IBM

L'operazione ha avuto l'avallo delle autorità del mercato e sarà conclusa il prossimo 1 ottobre: a partire da quella data Lenovo avrà la proprietà del...

29.09.2014

Fastweb promette la fibra ottica in oltre 100 città entro il 2016

Fastweb estende il piano per la Banda Ultralarga in Italia, promettendo entro la fine del 2016 copertura in oltre 100 città

29.09.2014

Intel guarda alla Cina e investe in due realtà per lo sviluppo di SoC

L'azienda di Santa Clara decide di collaborare con due realtà impegnate nel mondo dei SoC allo scopo di aggredire il mercato dei dispositivi mobile

29.09.2014

Prosegue la difficile ripresa di BlackBerry: trimestrale in rosso ma meglio del passato

L'azienda canadese chiude il secondo trimestre dell'esercizio fiscale 2015 con un passivo più contenuto rispetto al passato;la fase di ristrutturazione...

27.09.2014

OLED fosforescenti, trovato il modo di migliorare l'emissione di luce blu

La componente blu dei pixel PHOLED è meno longeva e meno efficiente di quelle rosse e verdi. Un gruppo di ricercatori spiega perché e riesce a trovare...

25.09.2014

Microsoft Technology Center italiano: per le aziende, verso la digitalizzazione

Con il nuovo Microsoft Technology Center italiano l'azienda di Seattle punta sul guidare e aiutare le aziende nazionali che sono in un percorso di evoluzione...

25.09.2014

Partnership Apple-IBM: otto mesi di confronti e un proposito iniziale completamente diverso

I due colossi erano inizialmente focalizzati su un differente tipo di collaborazione ma il confronto reciproco ha in breve portato verso la promozione...

24.09.2014

I Big Data in tour per l'Italia con SAP

Le potenzialità dei Big Data illustrati con esempi concreti e in produzione: SAP Big Data Tour fa tappa in Italia dal 22 settembre al 2 ottobre

24.09.2014

PayPal aiuta i commercianti ad accettare i Bitcoin come forma di pagamento

Grazie ad una collaborazione con Coinbase, Bitpay e GoCoin, PayPal permetterà ai commercianti, se lo vorranno, di sfruttare la moneta virtuale come opzione...