680 GPU NVIDIA Tesla in un supercomputer giapponese

680 GPU NVIDIA Tesla in un supercomputer giapponese

Autore: Paolo Corsini Categoria: Periferiche
NVIDIA annuncia una partnership con il Tokyo Institute of Technology (Tokyo Tech): 170 sistemi Rack Tesla operano ora nel supercomputer TSUBAME

NVIDIA può vantare una nuova importante collaborazione nel proprio progetto di diffusione delle soluzioni GPU Computing della famiglia Tesla. Il Tokyo Institute of Technology (Tokyo Tech) ha infatti annunciato di aver concluso una collaborazione con NVIDIA che prevede l'utilizzo di 170 sistemi Tesla S1070 all'interno del proprio supercomputer TSUBAME.

Grazie all'utilizzo di questi sistemi Tesla il nuovo supercomputer giapponese ha incrementato la propria potenza elaborativa massima teorica sino a 170 TFLOPS, e circa 77,48 TFLOPS di potenza utilizzando Linkpack, tool di misura universalmente adottato per valutare le prestazioni velocistiche dei supercomputer.

Le soluzioni Tesla S1070 prevedono l'integrazione di 4 schede video Tesla, dotate di GPU GT200 ciascuna con 240 stream processors, all'interno di un chassis Rack a 1 unità; il sistema è collegato ad un PC di controllo attraverso due connettori PCI Express, ciascuno dei quali governa una coppia di schede video.

L'implementazione dei 170 sistemi Tesla S1070 ha richiesto circa 1 settimana di lavoro, senza la necessità di dover interrompere il funzionamento del supercomputer TSUBAME durante l'installazione dei rack. Le soluzioni Tesla operano in parallelo con vari server rack sviluppati da Sun: ricordiamo come ogni coppia di GPU implementata in ogni sistema Tesla S1070 richieda di venir pilotata da un PC, con un requisito minimo dato dall'avere almeno un core di processore abbinato ad ogni GPU.

tokio_tesla_1.jpg (60884 bytes)

tokio_tesla_2.jpg (46136 bytes)

tokio_tesla_3.jpg (51017 bytes)

Nella giornata di ieri NVIDIA ha annunciato il debutto delle proprie soluzioni Tesla Personal Supercomputer: si tratta di un reference design di sistema con i tradizionali componenti  di un PC workstation nel quale sono state montate sino a 4 schede Tesla C1060, con le quali è quindi possibile ottenere la stessa potenza elaborativa di un sistema Tesla S1070 avendo già integrata la parte di PC per il controllo delle schede Tesla e per i tradizionali ambiti di utilizzo di un PC.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web NVIDIA a questo indirizzo.

Commenti (32) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Evangelion01 pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:04
Ecco, con questa configurazione forse crysis ce la fa a girare a palla....
Commento # 2 di: amagriva pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:14
Non ci credo...

Inesorabile è arrivato il commento su Crysis...
Pazzesco! Chissà se è sempre la stessa persona?
Magari c'ha un alert e un motore di ricerca impostato ad hoc!
Commento # 3 di: daboss87 pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:19
E allora lo scrivo anche io "magari forse crysis ora non va a scatti"

TIE', così impari!! XD
Commento # 4 di: cignox1 pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:29
Pazzesco, sembra ieri che la nVidia ha detto "Mammamia, che bestie 'ste nostre scheduccie. Proviamo a tirar fuori il GPGPU".
Ecco qua, senza neanche accorgersene, Tesla a destra e a manca, con estensioni per il GPGPU in arrivo anche sulle prossime DX, e tutti a parlare dei teraflop di geForce e Radeon.

E tuuto questo soltanto perche' una decina di anni fa qualcuno voleva giochetti piu' carini (ah, che nostalgia al pensiero delle prime 3dfx e matrox che si facevano la guerra con 4 o 8 megabytes e alcune migliaia di poligoni gridando 'io c'ho lo z-buffer e il multitexturing!!').

Insomma, e' strano pensare che construiscono supercomputer con l'hardware pensato per i videogiochi degli smanettoni. Anche il Cell rientra in un certo senso nella categoria...
Commento # 5 di: mau.c pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:31
allora forse ci gira anche fsx con i dettagli al massimo. ma sinceramente ne dubito anche perchè è molto più pesante di crysis...

sarebbe carino se si potessero avere un po' di info in più su come vengono usati questi supercomputer, cosa gli viene fatto calcolare. anche solo indicativamente..
Commento # 6 di: Wilfrick pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:41
Qualche conto non mi torna:
riferendomi ad una notizia di ieri, si diceva che un sistema tesla formato da 4 schede arriva fino ad un massimo teorico di 4 tflop.
I sistemi montati qui sono 170 (680 gpu, 4 in ogni sistema, quindi 170), ma i tflop "aumentati" in questo computer sono "solo" 170... c'è qualcosa che non va. Se i teorici di ogni sistema sono 4, ogni scheda quindi ne dovrebbe fare 1, pertanto 680 in più. Perchè solo 170? Mi sfugge qualcosa?
Commento # 7 di: Manuel333 pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:41
gli viene fatto calcolare il Pgreco
Commento # 8 di: jo.li. pubblicato il 19 Novembre 2008, 12:48
L'utilizzo delle moderne GPU incrementera notevolmente le capacità di calcolo dei normali pc comprese la codifica-decodifica di tutti i flussi audio-video.
Commento # 9 di: piffe pubblicato il 19 Novembre 2008, 13:03
Originariamente inviato da: Manuel333
gli viene fatto calcolare il Pgreco

Tutto 'sto casino per tirare fuori 3,14???
Commento # 10 di: wlog pubblicato il 19 Novembre 2008, 13:05
Un sistema del genere è molto adatto alla simulazione di grossi sistemi dinamici, magari per le simulazioni di fisica ed ingegneria.... Come ad esempio lo studio dei terremoti e dei loro effetti sulle case, oppure lo studio dei materiali e delle loro reazioni in situazioni critiche...
Totale commenti: 32 « Pagina Precedente | Pag 1 di 4 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

17.04.2015

Vodafone porta il Wi-Fi condiviso in Italia: ecco cos'è, pro e contro

Gli utenti italiani di Vodafone possono adesso accedere ad una rete estesa di hotspot per collegarsi alle reti dei clienti stessi della società. Nasce...

17.04.2015

AMD abbandona SeaMicro: niente più microserver

AMD annuncia l'uscita di scena dal mercato dei sistemi server ad elevata densità, e con questo abbandonando il marchio SeaMicro che aveva acquistato alcuni...

17.04.2015

Un trimestre ancora in rosso per AMD

Fatturato in calo e nuova perdita trimestrale per AMD, che non sembra al momento in grado di fronteggiare in modo efficace il calo nella domanda di soluzioni...

16.04.2015

I supercomputer del futuro guidati da NVLink, nella strategia di NVIDIA

La tecnologia NVLink di NVIDIA sarà al centro del supercomputer Summit, previsto in funzione per il 2018 e basato sull'abbinamento tra le GPU della famiglia...

16.04.2015

Panasonic aggiorna il prorpio tablet Toughbook 4K da 20 pollici

Un prodotto particolare per via della diagonale elevata e della risoluzione 4K, che pur se con un prezzo dimezzato rispetto alla prima generazione rimane...

16.04.2015

Nokia si compra Alcatel-Lucent, nasce un nuovo colosso delle infrastrutture di telecomunicazione

L'operazione vale oltre 15 miliardi di euro e darà vita ad una realtà con una enorme potenza di fuoco in termini di attività R&D. Nokia sta inoltre considerando...

15.04.2015

Google presto anche operatore telefonico virtuale con Fi: tutti i nuovi dettagli

Sono emersi numerosi dettagli sul nuovo servizio di telefonia virtuale di Google attraverso il codice dell'app che servirà per gestire il proprio account...

15.04.2015

Meno CPU per sistemi PC, ma più per i datacenter: questo il Q1 di Intel

L'azienda americana registra un dato trimestrale allineato a quello dei primi 3 mesi del 2014, pur con grandi cambiamenti. Calano le vendite di soluzioni...

14.04.2015

Nulla di fatto tra Intel ed Altera, le trattative si arenano sull'offerta

Le due realtà non trovano l'accordo e le trattative arrivano al capolinea. Adesso Intel potrebbe pensare a qualcosa di più grande, come l'acquisizione...

13.04.2015

Google al lavoro in prima persona su nuove batterie che durano di più

I laboratori Google X stanno sviluppando una nuova tipologia di batterie agli ioni di litio e a stato solido per rispondere alle nuove esigenze dei settori...

10.04.2015

Diffondere IoT in Italia, l'impegno comune di Microsoft ed STMicroelectronics

Accordo di collaborazione tra Microsoft Italia ed STMicroelectronics per realizzare un ecosistema di sviluppo sensor-to-cloud che semplifichi lo sviluppo...

09.04.2015

Dal Caltech uno scanner 3D a portata di smartphone

Usare lo smartphone per effettuare scansioni in 3D? Potrebbe presto essere possibile, grazie ad un sensore realizzato dal Caltech capace di rilevare i...

08.04.2015

L'alluminio è meglio del litio: da Stanford una nuova batteria rivoluzionaria

Un batteria agli ioni di alluminio è più sicura, economica e soprattutto ha una longevità maggiore delle batterie prodotte con le tecnologie attuali. I...

08.04.2015

Sono con Android 2 smartphone su 3 venduti in Italia

I dati Kantar delineano uno scenario di mercato molto chiaro nel settore degli smartphone: in Italia, a Febbraio 2015, 2 modelli su 3 sono Android. A seguire...