Alibaba Group completa il riacquisto di azioni da Yahoo! 19/09/2012 ore 15:00

Alibaba Group completa il riacquisto di azioni da Yahoo!

Autore: Andrea Bai Categoria: Mercato
Concluso l'accordo tra i due colossi del web: Alibaba Group riacquista la metà del pacchetto azionario attualmente in mano a Yahoo!, la quale restituirà 3,6 miliardi di dollari ai propri investitori

Alibaba Group, la più importante realtà Cinese che opera nel campo dell'e-commerce, ha annunciato di aver completato il riacquisto di azioni da Yahoo! con un'operazione del valore di 7,6 miliardi di dollari. La chiusura dell'accordo implica così una riduzione della presenza di Yahoo! in Alibaba Group, volontà espressa dall'azienda statunitense già lo scorso mese di maggio nel contesto di una riorganizzazione dei rapporti tra le due compagnie.

Come anticipato la scorsa settimana, Alibaba ha riacquistato la metà del 40% delle proprie quote in mano a Yahoo!. Quest'ultima riceverà circa 6,3 miliardi di dollari cash, 800 milioni di dollari in azioni privilegiate di Alibaba Group e 550 milioni di dollari per un accordo di licenza su tecnologie e proprietà intellettuali. Secondo i termini dell'accordo, Alibaba Group avrà la possibilità in futuro di esercitare il diritto di riacquisto della metà delle rimanenti quote in mano a Yahoo! in sede di un'eventuale IPO. Dopo l'IPO Yahoo! avrà il diritto di vendere le quote a propria discrezione.

Jack Ma, presidente e CEO di Alibaba Group ha commentato: "Il completamento di questa transazione segna l'inizio di un nuovo capitolo delle nostre relazioni con Yahoo!. Siamo grati al supporto che Yahoo! ha dato alla nostra crescita negli ultimi sette anni e siamo lieti di essere in grado di portare singificativi ritorni ai nostri azionisti incluso Yahoo!. Non vedo l'ora di lavorare con Marissa Mayer ed il suo team nel prosieguo della nostra partnerhsip".

Alibaba Group ha finanziato la transazione con un mix di risorse liquide, debiti privilegiati e con l'emissione di azioni convertibili ordinarie e privilegiate. Si tratta del più grande pacchetto di finanziamento per una compagnia cinese del settore privato e del più grande finanziamento non a scopo di acquisizione mai effettuato da una compagnia tecnologica.

"Nel corso degli ultimi mesi abbiamo assistito a significativi scossoni nei mercati finanziari, causati da macroeventi globali e da sviluppi specifici alla Cina e al settore Internet. L'abilità di raccogliere un finanziamento in queste difficili condizioni di mercato esprime la forza del nostro business, la nostra leadership sul mercato e la fiducia che i nostri investitori e i partner finanziari ripongono nel futuro di Alibaba" sono state le parole di Joe Tsai, Chief Financial Officer di Alibaba Group.

Il ricavo netto di Yahoo! dopo la tassazione sarà di circa 4,3 miliardi di dollari. Marissa Mayer, CEO dell'azienda statunitense, ha comunicato che restituirà 3,65 miliardi di dollari agli azionisti, ovvero l'85% circa dei proventi dell'operazione. A seguito dell'accordo, Yahoo! continua ad essere proprietaria del 23% delle quote ordinarie di Alibaba Group, per un valore di circa 8,1 miliardi di dollari. A ciò va aggiunto il valore delle azioni privilegiate in mano a Yahoo!, che porta la valutazione dell'intero pacchetto a circa 8,9 miliardi di dollari.

Commenti (1) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: M47AMP pubblicato il 21 Settembre 2012, 01:42
Tante belle parole e misteri per nascondere una cruda verità

"Yahoo!. Quest'ultima riceverà circa 6,3 miliardi di dollari cash, 800 milioni di dollari in azioni privilegiate di Alibaba Group e 550 milioni di dollari per un accordo di licenza su tecnologie e proprietà intellettuali"

La Cina rifinanzia e ricapitalizza nei fatti una azienda americana con carta straccia, ovvero la moneta americana stessa che non può più continuare a tenere nei suoi forzieri dove resta ad ammuffire.

Paga 6,3 miliardi di dollari una tantum al controvalore di poter decidere da se le sue politiche commerciali e licenze quotate 550 milioni di dollari, che pure deve pagare. Più 800 milioni di dollari in azioni privilegiate che andranno a rifinanziare con il loro gettito Yahoo stessa.

Tutti a bocca aperta: "Si tratta del più grande pacchetto di finanziamento per una compagnia cinese del settore privato e del più grande finanziamento non a scopo di acquisizione mai effettuato da una compagnia tecnologica"

Che ci guadagnano i Cinesi se hanno finaziato l'operazione con: "Alibaba Group ha finanziato la transazione con un mix di risorse liquide, debiti privilegiati e con l'emissione di azioni convertibili ordinarie e privilegiate". A chi sono state vendute le azioni con i proventi delle quali ricomperarsi le SUE azioni in mano a Yahoo!

Misteri della finanza. Che cosa vi si nasconde dietro? La cruda verità? I Cinesi non sono secondi a nessuno in disinvoltura finanziaria. Ma quel po' di trasparenza che esiste in Occidente da loro manca del tutto, gole profonde comprese.

Non solo la carta straccia è stata adoperata nella transazione, ma fior di azioni.
Totale commenti: 1 « Pagina Precedente | Pag 1 di 1 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

25.07.2014

TIM lancia la tecnologia LTE Advanced, in prova a Torino: come e dove usarla

Le reti LTE-A sono per la prima volta disponibili in Italia. A lanciare il test è stato TIM, all'interno della città di Torino

25.07.2014

Google Baseline Study, uno studio su informazioni genetiche a fini medici

Baseline Study è il nuovo progetto di Google che si ripromette di analizzare il codice genetico per finalità mediche, al fine di proporre in futuro diagnosi...

25.07.2014

Poco meno di 50 milioni di tablet venduti nel secondo trimestre 2014

Crescono le vendite rispetto a 12 mesi fa ma cala il mercato prendendo come riferimento i primi 3 mesi del 2014. I consumatori sembrano voler premiare...

25.07.2014

Aumenta il fatturato ma risultato netto negativo per Amazon nel Q2 2014

L'azienda americana sconta il debutto di nuove soluzioni hardware avvenuto nel secondo trimestre 2014, Fire TV e Fire Phone, seguendo la propria politica...

24.07.2014

LG G3 guida i coreani verso risultati record per il secondo trimestre dell'anno

LG Electronics ha pubblicato i risultati trimestrali della società, con un aumento dell'utile netto del 165%: a pilotare la crescita il nuovo G3, che ha...

24.07.2014

Facebook, crescono fatturato, utili e utenti nel secondo trimestre 2014

Il social network annuncia i risultati del secondo trimestre dell'anno: tutti gli indicatori verso l'alto, con la pubblicità da mobile che inizia a costituire...

23.07.2014

Microsoft è forte nell'enterprise ma soffre nel consumer, anche per via di Nokia

I risultati del quarto trimestre dell'esercizio fiscale 2014 di Microsoft risentono fortemente dell'impatto dato dall'acquisizione di Nokia Devices. Il...

23.07.2014

WD Red e Red Pro, nuovi dischi da 3,5 pollici per NAS fino a 6TB

La serie WD Red, pensata per chi utilizza sistemi NAS, si arricchisce oggi di nuovi dischi, differenziati per gli scenari di utilizzo e per le capienze...

23.07.2014

iPad continua a perdere terreno, ma il trimestre Apple è solido

I risultati del terzo trimestre fiscale 2014 di Apple sono robusti, ma la Mela, pur non mostrando preoccupazione, non incontra le stime degli analisti...

22.07.2014

Da Intel e Berkeley Lab nuovo photoresist per la litografia EUV

Un resist che unisca alta sensibilità ed elevata risoluzione ed accuratezza è allo studio per applicazioni con la litografia Extreme Ultraviolet

22.07.2014

Cresce nel Q3 2014 la domanda di mercato per i sistemi notebook

Digitimes Research conferma i dati positivi che riguardano il mercato dei PC: ci si attende una crescita sequenziale delle vendite di poco superiore al...

22.07.2014

Inspearit e Rally Software, alleanza per crescere in Italia

Le due realtà stringono un accordo strategico per le trasformazioni Lean&Agile, con lo scopo di crescere congiuntamente sul mercato italiano

21.07.2014

Dell accetta i Bitcoin, per ora solo negli USA

Il negozio online di Dell accetta Bitcoin come opzione di pagamento per l'acquisto di PC e sistemi. Per ora solo negli USA, ma l'iniziativa potrebbe estendersi...

21.07.2014

Corrente elettrica dalla condensa, una nuova idea dal MIT

I ricercatori del MIT trovano, quasi per caso, un modo per sfruttare la condensa e produrre una piccola corrente elettrica per alimentare dispositivi elettronici...