Alibaba Group completa il riacquisto di azioni da Yahoo! 19/09/2012 ore 15:00

Alibaba Group completa il riacquisto di azioni da Yahoo!

Autore: Andrea Bai Categoria: Mercato
Concluso l'accordo tra i due colossi del web: Alibaba Group riacquista la metà del pacchetto azionario attualmente in mano a Yahoo!, la quale restituirà 3,6 miliardi di dollari ai propri investitori

Alibaba Group, la più importante realtà Cinese che opera nel campo dell'e-commerce, ha annunciato di aver completato il riacquisto di azioni da Yahoo! con un'operazione del valore di 7,6 miliardi di dollari. La chiusura dell'accordo implica così una riduzione della presenza di Yahoo! in Alibaba Group, volontà espressa dall'azienda statunitense già lo scorso mese di maggio nel contesto di una riorganizzazione dei rapporti tra le due compagnie.

Come anticipato la scorsa settimana, Alibaba ha riacquistato la metà del 40% delle proprie quote in mano a Yahoo!. Quest'ultima riceverà circa 6,3 miliardi di dollari cash, 800 milioni di dollari in azioni privilegiate di Alibaba Group e 550 milioni di dollari per un accordo di licenza su tecnologie e proprietà intellettuali. Secondo i termini dell'accordo, Alibaba Group avrà la possibilità in futuro di esercitare il diritto di riacquisto della metà delle rimanenti quote in mano a Yahoo! in sede di un'eventuale IPO. Dopo l'IPO Yahoo! avrà il diritto di vendere le quote a propria discrezione.

Jack Ma, presidente e CEO di Alibaba Group ha commentato: "Il completamento di questa transazione segna l'inizio di un nuovo capitolo delle nostre relazioni con Yahoo!. Siamo grati al supporto che Yahoo! ha dato alla nostra crescita negli ultimi sette anni e siamo lieti di essere in grado di portare singificativi ritorni ai nostri azionisti incluso Yahoo!. Non vedo l'ora di lavorare con Marissa Mayer ed il suo team nel prosieguo della nostra partnerhsip".

Alibaba Group ha finanziato la transazione con un mix di risorse liquide, debiti privilegiati e con l'emissione di azioni convertibili ordinarie e privilegiate. Si tratta del più grande pacchetto di finanziamento per una compagnia cinese del settore privato e del più grande finanziamento non a scopo di acquisizione mai effettuato da una compagnia tecnologica.

"Nel corso degli ultimi mesi abbiamo assistito a significativi scossoni nei mercati finanziari, causati da macroeventi globali e da sviluppi specifici alla Cina e al settore Internet. L'abilità di raccogliere un finanziamento in queste difficili condizioni di mercato esprime la forza del nostro business, la nostra leadership sul mercato e la fiducia che i nostri investitori e i partner finanziari ripongono nel futuro di Alibaba" sono state le parole di Joe Tsai, Chief Financial Officer di Alibaba Group.

Il ricavo netto di Yahoo! dopo la tassazione sarà di circa 4,3 miliardi di dollari. Marissa Mayer, CEO dell'azienda statunitense, ha comunicato che restituirà 3,65 miliardi di dollari agli azionisti, ovvero l'85% circa dei proventi dell'operazione. A seguito dell'accordo, Yahoo! continua ad essere proprietaria del 23% delle quote ordinarie di Alibaba Group, per un valore di circa 8,1 miliardi di dollari. A ciò va aggiunto il valore delle azioni privilegiate in mano a Yahoo!, che porta la valutazione dell'intero pacchetto a circa 8,9 miliardi di dollari.

Commenti (1) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: M47AMP pubblicato il 21 Settembre 2012, 01:42
Tante belle parole e misteri per nascondere una cruda verità

"Yahoo!. Quest'ultima riceverà circa 6,3 miliardi di dollari cash, 800 milioni di dollari in azioni privilegiate di Alibaba Group e 550 milioni di dollari per un accordo di licenza su tecnologie e proprietà intellettuali"

La Cina rifinanzia e ricapitalizza nei fatti una azienda americana con carta straccia, ovvero la moneta americana stessa che non può più continuare a tenere nei suoi forzieri dove resta ad ammuffire.

Paga 6,3 miliardi di dollari una tantum al controvalore di poter decidere da se le sue politiche commerciali e licenze quotate 550 milioni di dollari, che pure deve pagare. Più 800 milioni di dollari in azioni privilegiate che andranno a rifinanziare con il loro gettito Yahoo stessa.

Tutti a bocca aperta: "Si tratta del più grande pacchetto di finanziamento per una compagnia cinese del settore privato e del più grande finanziamento non a scopo di acquisizione mai effettuato da una compagnia tecnologica"

Che ci guadagnano i Cinesi se hanno finaziato l'operazione con: "Alibaba Group ha finanziato la transazione con un mix di risorse liquide, debiti privilegiati e con l'emissione di azioni convertibili ordinarie e privilegiate". A chi sono state vendute le azioni con i proventi delle quali ricomperarsi le SUE azioni in mano a Yahoo!

Misteri della finanza. Che cosa vi si nasconde dietro? La cruda verità? I Cinesi non sono secondi a nessuno in disinvoltura finanziaria. Ma quel po' di trasparenza che esiste in Occidente da loro manca del tutto, gole profonde comprese.

Non solo la carta straccia è stata adoperata nella transazione, ma fior di azioni.
Totale commenti: 1 « Pagina Precedente | Pag 1 di 1 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

02.09.2014

Continua a crescere il mercato smartphone: 1,25 miliardi di pezzi per l'anno in corso

Il mercato degli smartphone non conosce la crisi: i mercati emergenti supportano i volumi, le aree mature i fatturati. Prevista una robusta crescita fino...

01.09.2014

Bitcoin, Charlie Shrem pronto a dichiararsi colpevole

L'ex-vicepresidente di Bitcoin Foundation si dichiarerà colpevole relativamente alle accuse di trasmissione di denaro senza licenza

01.09.2014

Crescita positiva, ma stime in calo, per le vendite di soluzioni tablet

IDC rivede al ribasso le stime di vendita dei tablet per il 2014. Il dato rimane positivo ma la spinta viene dalle regioni in via di sviluppo, con quelle...

01.09.2014

Permane una contrazione delle vendite dei prodotti di elettronica di consumo

Il mercato italiano continua un fase di contrazione del fatturato dalle vendite di prodotti di tecnologia; GfK segnala un calo di quasi il5% nel secondo...

01.09.2014

Un tamburo quantistico per le memorie del futuro

Una membrana di grafene opportunamente lavorata può mostrare proprietà elettromeccaniche e agire da sensore o da amplificatore

29.08.2014

Project Wing consegna via droni: il progetto che Google ha tenuto nascosto per due anni

Con Project Wing Google sperimenta da due anni la consegna di beni attraverso vie aeree, tramite droni. Una pratica che non interessa solamente a Big G...

29.08.2014

Dai copertoni esausti anodi per le batterie agli ioni di litio

La gomma dei copertoni esausti può essere opportunamente trattata per realizzare anodi con capacità anche migliore rispetto a quelli in grafite

29.08.2014

Consegne PC, migliorano le previsioni per l'intero 2014

Le consegne per il mercato dei PC sono ancora in flessione rispetto allo scorso anno, ma in misura minore rispetto a quanto previsto precedentemente

28.08.2014

Si mantiene positiva la domanda di server a livello globale

Tanto IDC come Gartner sono concordi nel segnalare una crescita nelle vendite di server registrata nel corso del secondo trimestre 2014, tanto in termini...

28.08.2014

Da Intel un chip 3G di piccole dimensioni per Internet of Things

L'azienda di Santa Clara sviluppa un chip 3G di piccole dimensioni, ideale per le applicazioni IoT. La futura evoluzione sarà LTE

27.08.2014

TSMC cerca di corteggiare Apple con il processo FinFET a 16nm

La fonderia taiwanese accelera l'avvio della produzione commerciale con il processo FinFET a 16nm per cercare di assicurarsi qualche ordinativo per i SoC...

26.08.2014

In aumento la spesa globale per la sicurezza IT

Il 2014 vedrà una crescita del 7,9% nella spesa globale per la sicurezza IT, che pare destinata a crescere anche nel corso del 2015

25.08.2014

AMD Power Pack: processori in bundle per i piccoli assemblatori

AMD lancia una nuova iniziativa commerciale rivolta ai piccoli assemblatori di sistemi: due versioni di processore per piattaforme socket FM2 vendute in...

22.08.2014

Stampa 3D, almeno 5-10 anni prima dell'adozione consumer

L'ampia adozione delle tecnologie di stampa 3D da parte del pubblico consumer non avverrà prima dei prossimi lustri. Le dinamiche tra il mercato business...