Alibaba Group completa il riacquisto di azioni da Yahoo!

Alibaba Group completa il riacquisto di azioni da Yahoo!

Autore: Andrea Bai Categoria: Mercato
Concluso l'accordo tra i due colossi del web: Alibaba Group riacquista la metà del pacchetto azionario attualmente in mano a Yahoo!, la quale restituirà 3,6 miliardi di dollari ai propri investitori

Alibaba Group, la più importante realtà Cinese che opera nel campo dell'e-commerce, ha annunciato di aver completato il riacquisto di azioni da Yahoo! con un'operazione del valore di 7,6 miliardi di dollari. La chiusura dell'accordo implica così una riduzione della presenza di Yahoo! in Alibaba Group, volontà espressa dall'azienda statunitense già lo scorso mese di maggio nel contesto di una riorganizzazione dei rapporti tra le due compagnie.

Come anticipato la scorsa settimana, Alibaba ha riacquistato la metà del 40% delle proprie quote in mano a Yahoo!. Quest'ultima riceverà circa 6,3 miliardi di dollari cash, 800 milioni di dollari in azioni privilegiate di Alibaba Group e 550 milioni di dollari per un accordo di licenza su tecnologie e proprietà intellettuali. Secondo i termini dell'accordo, Alibaba Group avrà la possibilità in futuro di esercitare il diritto di riacquisto della metà delle rimanenti quote in mano a Yahoo! in sede di un'eventuale IPO. Dopo l'IPO Yahoo! avrà il diritto di vendere le quote a propria discrezione.

Jack Ma, presidente e CEO di Alibaba Group ha commentato: "Il completamento di questa transazione segna l'inizio di un nuovo capitolo delle nostre relazioni con Yahoo!. Siamo grati al supporto che Yahoo! ha dato alla nostra crescita negli ultimi sette anni e siamo lieti di essere in grado di portare singificativi ritorni ai nostri azionisti incluso Yahoo!. Non vedo l'ora di lavorare con Marissa Mayer ed il suo team nel prosieguo della nostra partnerhsip".

Alibaba Group ha finanziato la transazione con un mix di risorse liquide, debiti privilegiati e con l'emissione di azioni convertibili ordinarie e privilegiate. Si tratta del più grande pacchetto di finanziamento per una compagnia cinese del settore privato e del più grande finanziamento non a scopo di acquisizione mai effettuato da una compagnia tecnologica.

"Nel corso degli ultimi mesi abbiamo assistito a significativi scossoni nei mercati finanziari, causati da macroeventi globali e da sviluppi specifici alla Cina e al settore Internet. L'abilità di raccogliere un finanziamento in queste difficili condizioni di mercato esprime la forza del nostro business, la nostra leadership sul mercato e la fiducia che i nostri investitori e i partner finanziari ripongono nel futuro di Alibaba" sono state le parole di Joe Tsai, Chief Financial Officer di Alibaba Group.

Il ricavo netto di Yahoo! dopo la tassazione sarà di circa 4,3 miliardi di dollari. Marissa Mayer, CEO dell'azienda statunitense, ha comunicato che restituirà 3,65 miliardi di dollari agli azionisti, ovvero l'85% circa dei proventi dell'operazione. A seguito dell'accordo, Yahoo! continua ad essere proprietaria del 23% delle quote ordinarie di Alibaba Group, per un valore di circa 8,1 miliardi di dollari. A ciò va aggiunto il valore delle azioni privilegiate in mano a Yahoo!, che porta la valutazione dell'intero pacchetto a circa 8,9 miliardi di dollari.

Commenti  

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.

Lascia il tuo commento

Notizie

27.02.2015

Enter Cloud Suite, tutto a portata di mano nella nuova Dashboard

Enter Cloud Suite è la soluzione ideale per sviluppare e ospitare progetti web, mobile, siti di e-commerce, piattaforme SaaS, realizzare attività in ambito...

27.02.2015

TSMC, la produzione a 10nm parte nel 2017

La fonderia taiwanese stabilisce nel 2017 la data di avvio dei motori per la produzione a 10 nanometri, per la quale utilizzerà ancora strumenti di tradizionale...

26.02.2015

Con Android for Work Google guarda al settore PRO

Con Android for Work Google intende promuovere la diffusione del proprio sistema mobile anche nel settore professionale e nelle aziende. Si tratta di un'iniziativa...

26.02.2015

Intesi Group ottiene la certificazione Secure Signature Creation Device

L'italianissima Intesi Group ha raggiunto l'importante obiettivo di certificazione Secure Signature Creation Device per la propria piattaforma PkBox, un...

26.02.2015

Sempre più x86 anche nei sistemi server per applicazioni mission critical

I sistemi mission critical basati su architetture proprietarie continuano a registrare una contrazione nelle vendite, segnale di come il mondo dei server...

25.02.2015

Processo FinFET a 10nm, anche Samsung al lavoro

L'azienda koreana annuncia di essere al lavoro sul processo FinFET a 10 nanometri, ma avverte che per proseguire verso i 7nm e i 5nm saranno necessari...

25.02.2015

Sono stati 1,3 miliardi gli smartphone venduti nel corso del 2014

I dati IDC confermano il predominio di Android e iOS nel mercato degli smartphone, sistemi operativi che rappresentano oltre il 96% del totale dei modelli...

24.02.2015

Da Applied Materials nuovi strumenti di misurazione per la produzione FinFET e 3D NAND

Gli strumenti di misurazione impiegati per la produzione di transistor planari non sono adeguati per la produzione tridimensionale: Applied Materials sviluppa...

24.02.2015

ISSCC 2015: il futuro dei chip Intel è a 10 e 7 nanometri

La legge di Moore continuerà a guidare l'evoluzione nella produzione di semiconduttori anche nel corso dei prossimi anni, con il passaggio dagli attuali...

20.02.2015

Un network sempre più basato sul software per i servizi EOLO di NGI

E' un approccio simile all'Open Compute Project quello che l'italiana NGI ha scelto di seguire per la propria infrastruttura di rete, utilizzata per fornire...

20.02.2015

Si vendono più server in Italia, grazie alle soluzioni x86

Sono i sistemi server con processore AMD e Intel, stando ai dati SIRMI, quelli che hanno spinto in zona positiva l'intero settore nel corso del 2014

20.02.2015

DNA, utile per conservare l'informazione per l'eternità

Il DNA può essere usato per stoccare informazione digitale, ma presenta qualche problema nella conservazione a lungo termine. Un gruppo di ricercatori...

18.02.2015

In salita la strada di Apple Pay verso la Cina

Il sistema di pagamento contactless della Mela sta incontrando qualche resistenza da parte di UnionPay, l'unico interlocutore con cui si deve obbligatoriamente...

18.02.2015

Internet of Things: prodotti utili, ma con problemi di sicurezza

Una ricerca condotta da HP evidenzia limiti di sicurezza importanti per i prodotti dell'Internet of Things in commercio al momento, adottati per il monitoraggio...