Apple e Foxconn, spese condivise per il miglioramento delle condizioni di lavoro

Apple e Foxconn, spese condivise per il miglioramento delle condizioni di lavoro

Autore: Andrea Bai Categoria: Mercato
Le spese necessarie al miglioramento delle condizioni di lavoro dei dipendenti Foxconn saranno sostenute anche da Apple, anche se non è noto in quale misura

Apple e Foxconn condivideranno i costi associati al miglioramento delle condizioni lavorative presso le fabbriche in Cina dove vengono assemblati i prodotti come iPhone ed iPad.

Terry Gou, CEO di Foxconn, ha rivelato che almeno inizialmente Apple contribuirà alle operazioni per le migliorie. Non è tuttavia stato rivelato quanto sarà la spesa compessiva di Foxconn e di Apple per la causa, o come saranno spartiti i costi.

Le dichiarazioni sono state rilasciate nel corso della giornata di ieri all'inaugurazione delle operazioni per la costruzione di un nuovo centro operativo da 10 mila metri quadri a Shanghai, progetto che verrà completato nel corso del 2015.

Le condizioni di lavoro dei dipendenti Foxconn sono state spesso oggetto di critica, con il produttore che è stato più volte accusato di sfruttamento dei lavoratori. Nei mesi recenti la compagnia ha lavorato per cercare di cambiare questa percezione, anche con l'intervento di Apple che ha commissionato una serie di indagini a società indipendenti.

Le indagini hanno trovato alcune violazioni, portando Foxconn a ridurre le ore di lavoro dei dipendenti e a risolvere tali violazioni. Foxconn ha inoltre aumentato il salario per i propri lavoratori come forma di compensazione per la riduzione delle ore di lavoro.

Commenti (6) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Azib pubblicato il 11 Maggio 2012, 09:38
Direi che è proprio ora! Visto tutti i miliardi che fanno, investirne alcuni per migliorare le condizioni di lavoro degli operai non credo pesi molto nel bilancio dell'azienda.
Commento # 2 di: +Benito+ pubblicato il 11 Maggio 2012, 10:44
E fu così che anche gli schiavi cinesi vollero aumentare il loro livello sociale. La fine del benessere nel mondo occidentale.
Commento # 3 di: daniluzzo pubblicato il 11 Maggio 2012, 12:28
Originariamente inviato da: +Benito+
E fu così che anche gli schiavi cinesi vollero aumentare il loro livello sociale. La fine del benessere nel mondo occidentale.


Forse l'inizio del benessere occidentale.
Molti dei problemi qui derivano dalla tentazione degli imprenditori di delocalizzare in alcune zone dell'est per abbassare i costi di produzione; e chi se ne frega se il confine tra lavoro duro e schiavitù viene spesso oltrepassato.
Condizioni pari per tutti e forse avremo più lavoro noi.
Il discorso è un po' teorico ma in linea di massima la penso così.

Poi bisogna vedere se il "miglioramento" che cerca la Apple con Foxconn non sia dello 0.000000.. % rispetto ad oggi; fate un quarto d'ora in meno a settimana e prendete 1 dollaro in più al mese. E vi mettiamo la mensa in azienda!
Commento # 4 di: +Benito+ pubblicato il 11 Maggio 2012, 15:23
Se le componenti di cui è fatto tutto oggigiorno avessero i costi necessari per farle qui, i prezzi degli oggetti sarebbero più alti. Concordo che è parobabilmente l'unica via ma la gente è mediamente troppo stupida per capire che se si vuole andare avanti senza finire un baratro ci sarà da accettare dei compromessi non trascurabili. Fosse per me darei un premio a chi è una socca e invece di impegnare la scuola pubblica impara a usare l'aratro.
Commento # 5 di: egrrob pubblicato il 11 Maggio 2012, 21:27
Beh...Almeno la Apple propone qualche cosa.
Le altre multinazionali che si forniscono dalla stessa Foxconn non mi pare che si siano proposte, vedi HP, Dell ecc.
Non capisco veramente chi critica ed ha un atteggiamento negativo per partito preso
Commento # 6 di: +Benito+ pubblicato il 12 Maggio 2012, 11:52
Sono d'accordo che sia positivo che si riduca lo sfruttamento di queste popolazioni, basta rendersi conto che il loro miglioramento in qualità della vita lo paghiamo con un peggioramento della nostra qualità della vita, e che tra un po' le fabbriche si faranno nell'africa subsahariana per sfruttare manodopera ancora a più basso prezzo. Finiti gli uomini, il consumismo e l'industrializzazione così spinta finiranno...
Totale commenti: 6 « Pagina Precedente | Pag 1 di 1 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

18.12.2014

Valleytronics, si apre la strada ad una nuova tecnica per codificare l'informazione

L'idea è quella di codificare l'informazione basandosi su una caratteristica dell'elettrone diversa dalla carica e dallo spin. Un materiale bidimensionale...

17.12.2014

Siamo a quota 2 miliardi di smarthone attivi a livello globale

Superata una soglia a dir poco significativa, quella dei 2 miliardi di smartphone attivi; Android continua a farla da padrone ma nel futuro si apre spazio...

17.12.2014

Cerotti antidolorifici, anche loro presto diventeranno smart

Una struttura in rame che può flettersi ed estendersi senza subire danni: è questa la base per un cerotto termico riutilizzabile, che può essere controllato...

16.12.2014

Grosso tonfo di Samsung sul mercato smartphone, ne approfitta Xiaomi

Xiaomi cresce su base annuale alle spese di Samsung, entra nella Top 5 e insidia la connazionale Huawei. Ecco tutti i dati di Gartner per il mercato smartphone...

15.12.2014

Memorie a tecnologia ottica, il RIKEN prova una nuova strada

Un nuovo metodo di autoassemblaggio di particolari molecole fotocromiche potrebbe portare ad una più semplice produzione di memorie a tecnologia ottica...

12.12.2014

Indossabili e smart devices, previsioni di scenari per i prossimi anni

Gartner elabora una serie di previsioni rivolte ai dispositivi indossabili, ai sensori biometrici e ai dispositivi per la realtà virtuale/aumentata

11.12.2014

HP prepara Linux++, sistema operativo dedicato a The Machine

A partire da giugno 2015 HP metterà a disposizione una versione di Linux specifica per la sua nuova concezione di computer per avvicinare ad essa ricercatori,...

11.12.2014

Globalfoundries in cerca di ordinativi da Qualcomm e Apple

La fonderia spera di riuscire ad accaparrarsi qualche ordinativo per la produzione dei chip a 14 nanometri da parte delle due compagnie fabless

10.12.2014

Apple e IBM annunciano le prime app di IBM MobileFirst for iOS

Presentate le prime app nate dalla collaborazione strategica tra i due colossi, annunciata durante lo scorso mese di luglio

09.12.2014

Nel 2018 tablet o smartphone per tutte le attività online per oltre la metà degli utenti

Nel giro di pochi anni, soprattutto sul traino dei mercati emergenti, i dispositivi mobile saranno usati da oltre la metà del pubblico come unico strumento...

09.12.2014

TSMC ordina scanner EUV da ASML per prepararsi ai 7 nanometri

La fonderia taiwanese ha già ordinato due scanner EUV che saranno però inizialmente convertiti alla produzione standard e successivamente potrebbero essere...

05.12.2014

Check Point Capsule, sicurezza contro i rischi del BYOD

L'introduzione in azienda dei dispositivi personali rappresenta un rischio per la sicurezza dei dati, ne sono sempre più consapevoli i responsabili IT

04.12.2014

L'Università di Manchester scopre la permeabilità del grafene ai protoni

Potenzialità molto interessanti per lo sviluppo di batterie a celle di combustibile di maggior efficienza, ma la strada è ancora lunga

04.12.2014

Mercato server, un terzo trimestre di indugi con crescita limitata

HP, pur con un calo in consegne e fatturato, resta leader di mercato. A Cisco lo scettro della maggior crescita