Apple e Foxconn, spese condivise per il miglioramento delle condizioni di lavoro

Apple e Foxconn, spese condivise per il miglioramento delle condizioni di lavoro

Autore: Andrea Bai Categoria: Mercato
Le spese necessarie al miglioramento delle condizioni di lavoro dei dipendenti Foxconn saranno sostenute anche da Apple, anche se non è noto in quale misura

Apple e Foxconn condivideranno i costi associati al miglioramento delle condizioni lavorative presso le fabbriche in Cina dove vengono assemblati i prodotti come iPhone ed iPad.

Terry Gou, CEO di Foxconn, ha rivelato che almeno inizialmente Apple contribuirà alle operazioni per le migliorie. Non è tuttavia stato rivelato quanto sarà la spesa compessiva di Foxconn e di Apple per la causa, o come saranno spartiti i costi.

Le dichiarazioni sono state rilasciate nel corso della giornata di ieri all'inaugurazione delle operazioni per la costruzione di un nuovo centro operativo da 10 mila metri quadri a Shanghai, progetto che verrà completato nel corso del 2015.

Le condizioni di lavoro dei dipendenti Foxconn sono state spesso oggetto di critica, con il produttore che è stato più volte accusato di sfruttamento dei lavoratori. Nei mesi recenti la compagnia ha lavorato per cercare di cambiare questa percezione, anche con l'intervento di Apple che ha commissionato una serie di indagini a società indipendenti.

Le indagini hanno trovato alcune violazioni, portando Foxconn a ridurre le ore di lavoro dei dipendenti e a risolvere tali violazioni. Foxconn ha inoltre aumentato il salario per i propri lavoratori come forma di compensazione per la riduzione delle ore di lavoro.

Commenti (6) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Azib pubblicato il 11 Maggio 2012, 09:38
Direi che è proprio ora! Visto tutti i miliardi che fanno, investirne alcuni per migliorare le condizioni di lavoro degli operai non credo pesi molto nel bilancio dell'azienda.
Commento # 2 di: +Benito+ pubblicato il 11 Maggio 2012, 10:44
E fu così che anche gli schiavi cinesi vollero aumentare il loro livello sociale. La fine del benessere nel mondo occidentale.
Commento # 3 di: daniluzzo pubblicato il 11 Maggio 2012, 12:28
Originariamente inviato da: +Benito+
E fu così che anche gli schiavi cinesi vollero aumentare il loro livello sociale. La fine del benessere nel mondo occidentale.


Forse l'inizio del benessere occidentale.
Molti dei problemi qui derivano dalla tentazione degli imprenditori di delocalizzare in alcune zone dell'est per abbassare i costi di produzione; e chi se ne frega se il confine tra lavoro duro e schiavitù viene spesso oltrepassato.
Condizioni pari per tutti e forse avremo più lavoro noi.
Il discorso è un po' teorico ma in linea di massima la penso così.

Poi bisogna vedere se il "miglioramento" che cerca la Apple con Foxconn non sia dello 0.000000.. % rispetto ad oggi; fate un quarto d'ora in meno a settimana e prendete 1 dollaro in più al mese. E vi mettiamo la mensa in azienda!
Commento # 4 di: +Benito+ pubblicato il 11 Maggio 2012, 15:23
Se le componenti di cui è fatto tutto oggigiorno avessero i costi necessari per farle qui, i prezzi degli oggetti sarebbero più alti. Concordo che è parobabilmente l'unica via ma la gente è mediamente troppo stupida per capire che se si vuole andare avanti senza finire un baratro ci sarà da accettare dei compromessi non trascurabili. Fosse per me darei un premio a chi è una socca e invece di impegnare la scuola pubblica impara a usare l'aratro.
Commento # 5 di: egrrob pubblicato il 11 Maggio 2012, 21:27
Beh...Almeno la Apple propone qualche cosa.
Le altre multinazionali che si forniscono dalla stessa Foxconn non mi pare che si siano proposte, vedi HP, Dell ecc.
Non capisco veramente chi critica ed ha un atteggiamento negativo per partito preso
Commento # 6 di: +Benito+ pubblicato il 12 Maggio 2012, 11:52
Sono d'accordo che sia positivo che si riduca lo sfruttamento di queste popolazioni, basta rendersi conto che il loro miglioramento in qualità della vita lo paghiamo con un peggioramento della nostra qualità della vita, e che tra un po' le fabbriche si faranno nell'africa subsahariana per sfruttare manodopera ancora a più basso prezzo. Finiti gli uomini, il consumismo e l'industrializzazione così spinta finiranno...
Totale commenti: 6 « Pagina Precedente | Pag 1 di 1 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

24.11.2014

OCZ Saber 1000, nuovi SSD da 2,5 pollici per il settore enterprise

Continua l'aggiornamento di gamma a ritmo serrato da parte di OCZ: ecco la serie Saber 1000 per il settore enterprise, con tagli che arrivano fino a 960GB...

20.11.2014

Indossabili per il fitness, un mercato molto dinamico

Varie categorie di prodotti con funzionalità in sovrapposizione e continui cambi ai vertici delle classifiche. Il mercato degli indossabili per attività...

20.11.2014

A volte ritornano: Thorsten Heins diventa CEO di Powermat

Aveva traghettato BlackBerry nel momento più difficile dell'azienda, ora Thorsten Heins diventa CEO di Powermat, la società impegnata in soluzioni di ricarica...

19.11.2014

Raffreddamento a liquido e approccio modulare: è Hive la proposta italiana per l'HPC

Eurotech presenta Hive, il proprio sistema modulare per il calcolo parallelo che abbina architetture di tipo differente per la componente CPU e per quella...

18.11.2014

Anche per HP il mercato dei PC in Italia mostra segnali di buona ripresa

Giampiero Savorelli di HP Italia conferma il buon momento di vendite di PC nel mercato nazionale; la ricetta passa attraverso un mix tra la flessibilità...

18.11.2014

All'asta 50 mila bitcoin dal sequestro di Silk Road

Dopo l'asta del mese di giugno lo US Marshals Service accetta offerte per altri 50 mila bitcoin, che saranno messi all'asta in 20 tranches

18.11.2014

Intel si prepara ad unire le divisioni PC e mobile

I confini tra PC, tablet, smartphone sono sempre più sfumati e Intel decide di unificare le due divisioni: la riorganizzazione partirà dall'inizio del...

18.11.2014

Facebook at Work, il social network si prepara ad entrare in azienda

Nuove funzioni di collaborazione e comunicazione, specifiche per il mondo del lavoro: Facebook si prepara a sfidare Slack, Yammer, Google Drive, OneDrive...

18.11.2014

TeamViewer 10, non solo controllo remoto

Il software di controllo remoto si arricchisce di funzionalità che lo avvicinano al mondo della collaborazione e della comunicazione. La beta è già disponibile,...

17.11.2014

Microsoft con Nadella diventa il secondo marchio al mondo come capitalizzazione di mercato

Nei due gradini più alti del podio fra le aziende dal più alto valore di capitalizzazione di mercato americano vi sono adesso due società del settore tecnologico,...

17.11.2014

Anche il Q3 2014 negativo per le vendite di elettronica di consumo in Italia

I dati GFK certificano un calo del 3%, rispetto alllo stesso periodo del 2013, nelle vendite di beni di elettronica di consumo in Italia. Buoni risultati...

13.11.2014

TSMC avvia la produzione valutativa per il processo 16nm FinFET Plus

La fonderia taiwanese inizia a realizzare i primi chip di valutazione con il nuovo processo produttivo. Tra i primi clienti, per i quali la produzione...

13.11.2014

Con .Net e Visual Studio Microsoft si apre agli sviluppatori

Dall'evento Connect (); due importanti annunci di Microsoft che vanno nella direzione di estendere l'ambito di utilizzo dei propri strumenti destinati...