Apple e Foxconn, spese condivise per il miglioramento delle condizioni di lavoro

Apple e Foxconn, spese condivise per il miglioramento delle condizioni di lavoro

Autore: Andrea Bai Categoria: Mercato
Le spese necessarie al miglioramento delle condizioni di lavoro dei dipendenti Foxconn saranno sostenute anche da Apple, anche se non è noto in quale misura

Apple e Foxconn condivideranno i costi associati al miglioramento delle condizioni lavorative presso le fabbriche in Cina dove vengono assemblati i prodotti come iPhone ed iPad.

Terry Gou, CEO di Foxconn, ha rivelato che almeno inizialmente Apple contribuirà alle operazioni per le migliorie. Non è tuttavia stato rivelato quanto sarà la spesa compessiva di Foxconn e di Apple per la causa, o come saranno spartiti i costi.

Le dichiarazioni sono state rilasciate nel corso della giornata di ieri all'inaugurazione delle operazioni per la costruzione di un nuovo centro operativo da 10 mila metri quadri a Shanghai, progetto che verrà completato nel corso del 2015.

Le condizioni di lavoro dei dipendenti Foxconn sono state spesso oggetto di critica, con il produttore che è stato più volte accusato di sfruttamento dei lavoratori. Nei mesi recenti la compagnia ha lavorato per cercare di cambiare questa percezione, anche con l'intervento di Apple che ha commissionato una serie di indagini a società indipendenti.

Le indagini hanno trovato alcune violazioni, portando Foxconn a ridurre le ore di lavoro dei dipendenti e a risolvere tali violazioni. Foxconn ha inoltre aumentato il salario per i propri lavoratori come forma di compensazione per la riduzione delle ore di lavoro.

Commenti (6) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Azib pubblicato il 11 Maggio 2012, 09:38
Direi che è proprio ora! Visto tutti i miliardi che fanno, investirne alcuni per migliorare le condizioni di lavoro degli operai non credo pesi molto nel bilancio dell'azienda.
Commento # 2 di: +Benito+ pubblicato il 11 Maggio 2012, 10:44
E fu così che anche gli schiavi cinesi vollero aumentare il loro livello sociale. La fine del benessere nel mondo occidentale.
Commento # 3 di: daniluzzo pubblicato il 11 Maggio 2012, 12:28
Originariamente inviato da: +Benito+
E fu così che anche gli schiavi cinesi vollero aumentare il loro livello sociale. La fine del benessere nel mondo occidentale.


Forse l'inizio del benessere occidentale.
Molti dei problemi qui derivano dalla tentazione degli imprenditori di delocalizzare in alcune zone dell'est per abbassare i costi di produzione; e chi se ne frega se il confine tra lavoro duro e schiavitù viene spesso oltrepassato.
Condizioni pari per tutti e forse avremo più lavoro noi.
Il discorso è un po' teorico ma in linea di massima la penso così.

Poi bisogna vedere se il "miglioramento" che cerca la Apple con Foxconn non sia dello 0.000000.. % rispetto ad oggi; fate un quarto d'ora in meno a settimana e prendete 1 dollaro in più al mese. E vi mettiamo la mensa in azienda!
Commento # 4 di: +Benito+ pubblicato il 11 Maggio 2012, 15:23
Se le componenti di cui è fatto tutto oggigiorno avessero i costi necessari per farle qui, i prezzi degli oggetti sarebbero più alti. Concordo che è parobabilmente l'unica via ma la gente è mediamente troppo stupida per capire che se si vuole andare avanti senza finire un baratro ci sarà da accettare dei compromessi non trascurabili. Fosse per me darei un premio a chi è una socca e invece di impegnare la scuola pubblica impara a usare l'aratro.
Commento # 5 di: egrrob pubblicato il 11 Maggio 2012, 21:27
Beh...Almeno la Apple propone qualche cosa.
Le altre multinazionali che si forniscono dalla stessa Foxconn non mi pare che si siano proposte, vedi HP, Dell ecc.
Non capisco veramente chi critica ed ha un atteggiamento negativo per partito preso
Commento # 6 di: +Benito+ pubblicato il 12 Maggio 2012, 11:52
Sono d'accordo che sia positivo che si riduca lo sfruttamento di queste popolazioni, basta rendersi conto che il loro miglioramento in qualità della vita lo paghiamo con un peggioramento della nostra qualità della vita, e che tra un po' le fabbriche si faranno nell'africa subsahariana per sfruttare manodopera ancora a più basso prezzo. Finiti gli uomini, il consumismo e l'industrializzazione così spinta finiranno...
Totale commenti: 6 « Pagina Precedente | Pag 1 di 1 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

22.05.2015

Apple e IBM annunciano il supporto di Apple Watch per tre app MobileFirst

Nel contesto della partnership annunciata quasi un anno fa, Apple e IBM iniziano ad estendere l'iniziativa MobileFirst anche verso Apple Watch: tre applicazioni...

22.05.2015

Quadricottero a celle di combustibile per 4 ore di autonomia di volo

Una società di Singapore realizza un quadricottero a controllo remoto basato su alimentazione a celle di combustibile, che permette di ottenere un'autonomia...

21.05.2015

Da Taiwan il primo chip tridimensionale con cella fotovoltaica integrata

Un chip monolitico che integra logica, memoria, storage e alimentazione grazie all'integrazione di una piccola cella fotovoltaica: una soluzione interessante...

21.05.2015

OCZ Z-Drive serie 6000 PCIe NVMe, oltre 6TB per il mondo server

Annunciata la nuova serie di SSD per il mondo enterprise Z-Drive 6000 da parte di OCZ. Declinati in numerosi modelli, questi SSD promettono non solo prestazioni...

20.05.2015

Il New York Stock Exchange annuncia il nuovo indice NYSE Bitcoin

Il nuovo indice, che riflette il valore in dollari di un bitcoin, sarà inizialmente stabilito sulla base delle transazioni effettuate all'interno del servizio...

20.05.2015

Continuano a diminuire le vendite di tablet, soprattutto Apple e Samsung

Le due aziende leader nel settore dei tablet risentono in misura più marcata della media della contrazione nella domanda; è questo un settore ormai maturo,...

18.05.2015

Nuovi memristori possono imitare il funzionamento del cervello umano

Migliorando le capacità di switching dei memristori è possibile imitare molto da vicino le funzionalità di conservazione ed elaborazione simultanea dell'informazione...

15.05.2015

Senza volante e senza conducente, l'auto di Google è pronta per la strada

Le autonomobili a guida autonoma di Google non potranno andare a più di 40km/h nelle prime fasi di test nelle strade pubbliche

14.05.2015

IBM Research dimostra il primo chip CMOS Silicon Photonics integrato

Dopo 15 anni di ricerca nel campo della Silicon Photonics, IBM è in grado di dimostrare il primo chip integrato con componenti elettronici e ottici che...

14.05.2015

Basta un tablet per controllare uno sciame di robot

Il Georgia Tech mette a punto un sistema di controllo che permette di governare sciami di robot in maniera semplice ed intuitiva anche per chi non è avvezzo...

13.05.2015

In futuro anche il tessuto nervoso si potrà stampare in 3D

Dalla Michigan Technological University una ricerca esplora la possibilità di realizzare tessuto nervoso sintetico tramite una tecnica molto simile alla...

13.05.2015

Mercato tecnologico consumer in Italia, bene il primo trimestre

Il primo trimestre segna un rilancio del mercato consumer tecnologico, grazie alle buone prestazioni del settore della telefonia. Fotografia, Consumer...

12.05.2015

AOL acquisita da Verizon per 4,4 miliardi di dollari

AOL viene valutata 50 dollari per azione, con un premio del 23% rispetto alla media degli ultimi tre mesi.

12.05.2015

Stampanti 3D, una strada per i farmaci personalizzati

Pastiglie di forme differenti potrebbero avere diverse dinamiche di rilascio del principio attivo del farmaco: le tecniche di stampa 3D possono consentire...