Facebook e Instagram: l'acquisizione è stata completata 07/09/2012 ore 08:07

Facebook e Instagram: l'acquisizione è stata completata

Autore: Paolo Corsini Categoria: Mercato
Giunto l'OK da parte delle autorità antitrust nord Americane, Facebook ha completato l'acquisizione di Instagram. Cambia tuttavia il costo, che scende dall'originario miliardo di dollari a poco pià di 730 milioni: uno degli effetti della svalutazione delle azioni Facebook

Facebook ha completato l'operazione di acquisizione di Instagram, annunciata inizialmente lo scorso mese di Aprile e sino ad ora in attesa del nulla osta da parte dell'autorità di antitrust nord Americana.

L'accordo era stato inizialmente quantificato con controvalore pari a circa 1 miliardo di dollari, ma a seguito della quotazione in borsa di Facebook e della successiva contrazione del valore delle azioni è ora quantificabile in poco più di 730 milioni di dollari. Facebook ha offerto per Instagram 300 milioni di dollari in contanti e 23 milioni di azioni Facebook.

E' stato nuovamente rimarcato come sia intenzione di Facebook quella di continuare lo sviluppo di Instagram in modo indipendente, mantenendone il brand e le linee guida differenti da quelle di Facebook. L'accesso alle risorse, in termini di ricerca e sviluppo, interne a Facebook dovrebbe permettere al team di Instagram di migliorare rapidamente la propria applicazione.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul blog ufficiale di Facebook, a questo indirizzo.

Commenti (8) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Pegamugh pubblicato il 07 Settembre 2012, 09:50
wow due colossi dell'informatica che si uniscono, mi immagino già le quotazioni in borsa che volano!
Commento # 2 di: LORENZ0 pubblicato il 07 Settembre 2012, 12:02
Originariamente inviato da: Pegamugh
wow due colossi dell'informatica che si uniscono, mi immagino già le quotazioni in borsa che volano!


"colossi dell'informatica" FaceBook ed Instagram????? ah beh...

Spero per chi ha venduto Instagram che le quotazioni si alzino perchè, a mio parere, proprio quei "23 milioni di azioni" sono il punto nero dell'operazione! sono quotate (adesso) 18,96 e sono partite da quasi 40 solo pochi mesi fa...
Ritengo non appena FaceBook si sgonfierà che le sue azioni faranno la fine di tante azioni della "new economy" solo una decina di anni fa: cioè diventeranno carta straccia!
Commento # 3 di: DevilTyphoon pubblicato il 07 Settembre 2012, 13:27
Chi ha investito in FB ora sarà un tantinello incazzato.
Commento # 4 di: Gnaffer pubblicato il 07 Settembre 2012, 14:28
No.. una cosa non ho capito.. perchè allo scendere del valore di fb in borsa è sceso il prezzo che fb stessa ha dovuto pagare?
Non dovrebbe essere l'incontrario? cioè il prezzo dell'acquisizione diminuisce se Instagram diminuisce di valore
Commento # 5 di: Ilovemarco pubblicato il 07 Settembre 2012, 19:53
Originariamente inviato da: Gnaffer
No.. una cosa non ho capito.. perchè allo scendere del valore di fb in borsa è sceso il prezzo che fb stessa ha dovuto pagare?
Non dovrebbe essere l'incontrario? cioè il prezzo dell'acquisizione diminuisce se Instagram diminuisce di valore


Perchè per contratto una parte del pagamento facebook l'avrebbe corrisposta in un numero n di azioni. Inizialmente era n (= numero di azioni pattuito) x 38 dollari,ora che il valore delle azioni è sceso mi pare a 20 dollari circa il corrispettivo totale è sceso.

Stupidi quelli che hanno contrattato per insta.
Commento # 6 di: Wildhoney pubblicato il 07 Settembre 2012, 23:26
Originariamente inviato da: LORENZ0
"colossi dell'informatica" FaceBook ed Instagram????? ah beh...

Spero per chi ha venduto Instagram che le quotazioni si alzino perchè, a mio parere, proprio quei "23 milioni di azioni" sono il punto nero dell'operazione! sono quotate (adesso) 18,96 e sono partite da quasi 40 solo pochi mesi fa...
Ritengo non appena FaceBook si sgonfierà che le sue azioni faranno la fine di tante azioni della "new economy" solo una decina di anni fa: cioè diventeranno carta straccia!


Così ad occhio il primo commentatore sembrava sarcastico
Commento # 7 di: Altair[ITA] pubblicato il 08 Settembre 2012, 14:35
il fascino del sarcasmo sta nel non essere afferrato da tutti
Commento # 8 di: Gnaffer pubblicato il 11 Settembre 2012, 14:14
Originariamente inviato da: Ilovemarco
Perchè per contratto una parte del pagamento facebook l'avrebbe corrisposta in un numero n di azioni. Inizialmente era n (= numero di azioni pattuito) x 38 dollari,ora che il valore delle azioni è sceso mi pare a 20 dollari circa il corrispettivo totale è sceso.

Non fa una piega grazie per la spiegazione
Totale commenti: 8 « Pagina Precedente | Pag 1 di 1 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

21.08.2014

Buoni segnali dal mercato dei PC secondo HP, ma la spinta non è più solo Windows XP

Meg Whitman, CEO di HP, conferma la ripresa nelle vendite di sistemi PC tradizionali ma questa dinamica non sembra più particolarmente influenzata dalla...

21.08.2014

Nuovi supporti BD-DSD, fino a 200GB su singolo disco

La BDA finalizza nuove specifiche per supporti di storage ottici destinati all'uso professionale e nel mondo datacenter: fino a 200GB su un disco a doppia...

20.08.2014

Opteron A1100: il primo SoC basato su architettura ARM di AMD

Nuove informazioni sulla CPU Opteron per sistemi server di elevata densità, basata su architettura ARM a 64bit, sono state anticipate da AMD in occasione...

20.08.2014

Il mercato dei tablet si stabilizza nelle vendite, ma coinvolge sempre più produttori

Poco più di 52 milioni di tablet venduti nel corso del secondo trimestre 2014, un dato in crescita rispetto a 1 anno fa ma in misura marginale. Apple e...

20.08.2014

Si chiude un'era: Steve Ballmer lascia il CdA di Microsoft

L'ex-CEO di Microsoft ha rassegnato le proprie dimissioni con effetto immediato, in un annuncio che comunque non giunge inatteso. Si dedicherà a nuovi...

19.08.2014

Dati positivi perle vendite di GPU nel secondo trimestre 2014

Aumenta la consegna di soluzioni video nel Q2 2014 ma questo grazie alle GPU integrate nei processori. Soffre il mercato delle schede video discrete, anche...

19.08.2014

300 milioni di smartphone, il secondo trimestre è da record

Il secondo trimestre del 2014 fa segnare il superamento della soglia dei 300 milioni di smartphone consegnati. Android si conferma il dominatore del mercato...

18.08.2014

Cisco taglia 6000 posti di lavoro

L'azienda decide per un'ulteriore misura di riduzione della forza lavoro, la quarta in tre anni. Le prospettive di crescita sono buone, ma alcuni mercati...

14.08.2014

Smartphone che si ricaricano con i suoni: la nuova frontiera è vicina

Cellulari che si ricaricano a distanza con gli ultrasuoni o che catturano il rumore della strada e lo trasformano in elettricità. Fantascienza? Ci sono...

13.08.2014

Ben 23 milioni di utenti attivi su Twitter sono dei bot

Siamo vicini alla rivoluzione delle macchine se ben l'8,5% dei profili attivi su Twitter è rappresentato da bot?

08.08.2014

IBM e SyNAPSE, il computer senziente è sempre più vicino

Big Blue realizza un chip da 4096 core sinaptici usando normali tecniche di produzione: si tratta di un importante passo avanti verso il computer senziente...

07.08.2014

La paga dei CEO della Silicon Valley: Larry Ellison è re

78 milioni di dollari di paga annuale per il CEO di Oracle, che si pone al primo posto della classifica. Al capo opposto, Larry Page, con appena 1 dollaro...

07.08.2014

Smart City: parliamo di Microsoft CityNext con Rita Tenan

Le città del futuro devono essere Smart e sostenibili: ne parliamo con Rita Tenan, responsabile Public Sector per Microsoft Italia, che ci illustra la...

07.08.2014

Harvard realizza il più piccolo chip al mondo per la Risonanza Magnetica Nucleare

Gli ingegneri di Harvard riescono a miniaturizzare uno spettrometro e ad utilizzare un magnete permanente per creare un sistema NMR adatto ad applicazioni...