Facebook e Instagram: l'acquisizione è stata completata

Facebook e Instagram: l'acquisizione è stata completata

Autore: Paolo Corsini Categoria: Mercato
Giunto l'OK da parte delle autorità antitrust nord Americane, Facebook ha completato l'acquisizione di Instagram. Cambia tuttavia il costo, che scende dall'originario miliardo di dollari a poco pià di 730 milioni: uno degli effetti della svalutazione delle azioni Facebook

Facebook ha completato l'operazione di acquisizione di Instagram, annunciata inizialmente lo scorso mese di Aprile e sino ad ora in attesa del nulla osta da parte dell'autorità di antitrust nord Americana.

L'accordo era stato inizialmente quantificato con controvalore pari a circa 1 miliardo di dollari, ma a seguito della quotazione in borsa di Facebook e della successiva contrazione del valore delle azioni è ora quantificabile in poco più di 730 milioni di dollari. Facebook ha offerto per Instagram 300 milioni di dollari in contanti e 23 milioni di azioni Facebook.

E' stato nuovamente rimarcato come sia intenzione di Facebook quella di continuare lo sviluppo di Instagram in modo indipendente, mantenendone il brand e le linee guida differenti da quelle di Facebook. L'accesso alle risorse, in termini di ricerca e sviluppo, interne a Facebook dovrebbe permettere al team di Instagram di migliorare rapidamente la propria applicazione.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul blog ufficiale di Facebook, a questo indirizzo.

Commenti (8) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Pegamugh pubblicato il 07 Settembre 2012, 09:50
wow due colossi dell'informatica che si uniscono, mi immagino già le quotazioni in borsa che volano!
Commento # 2 di: LORENZ0 pubblicato il 07 Settembre 2012, 12:02
Originariamente inviato da: Pegamugh
wow due colossi dell'informatica che si uniscono, mi immagino già le quotazioni in borsa che volano!


"colossi dell'informatica" FaceBook ed Instagram????? ah beh...

Spero per chi ha venduto Instagram che le quotazioni si alzino perchè, a mio parere, proprio quei "23 milioni di azioni" sono il punto nero dell'operazione! sono quotate (adesso) 18,96 e sono partite da quasi 40 solo pochi mesi fa...
Ritengo non appena FaceBook si sgonfierà che le sue azioni faranno la fine di tante azioni della "new economy" solo una decina di anni fa: cioè diventeranno carta straccia!
Commento # 3 di: DevilTyphoon pubblicato il 07 Settembre 2012, 13:27
Chi ha investito in FB ora sarà un tantinello incazzato.
Commento # 4 di: Gnaffer pubblicato il 07 Settembre 2012, 14:28
No.. una cosa non ho capito.. perchè allo scendere del valore di fb in borsa è sceso il prezzo che fb stessa ha dovuto pagare?
Non dovrebbe essere l'incontrario? cioè il prezzo dell'acquisizione diminuisce se Instagram diminuisce di valore
Commento # 5 di: Ilovemarco pubblicato il 07 Settembre 2012, 19:53
Originariamente inviato da: Gnaffer
No.. una cosa non ho capito.. perchè allo scendere del valore di fb in borsa è sceso il prezzo che fb stessa ha dovuto pagare?
Non dovrebbe essere l'incontrario? cioè il prezzo dell'acquisizione diminuisce se Instagram diminuisce di valore


Perchè per contratto una parte del pagamento facebook l'avrebbe corrisposta in un numero n di azioni. Inizialmente era n (= numero di azioni pattuito) x 38 dollari,ora che il valore delle azioni è sceso mi pare a 20 dollari circa il corrispettivo totale è sceso.

Stupidi quelli che hanno contrattato per insta.
Commento # 6 di: Wildhoney pubblicato il 07 Settembre 2012, 23:26
Originariamente inviato da: LORENZ0
"colossi dell'informatica" FaceBook ed Instagram????? ah beh...

Spero per chi ha venduto Instagram che le quotazioni si alzino perchè, a mio parere, proprio quei "23 milioni di azioni" sono il punto nero dell'operazione! sono quotate (adesso) 18,96 e sono partite da quasi 40 solo pochi mesi fa...
Ritengo non appena FaceBook si sgonfierà che le sue azioni faranno la fine di tante azioni della "new economy" solo una decina di anni fa: cioè diventeranno carta straccia!


Così ad occhio il primo commentatore sembrava sarcastico
Commento # 7 di: Altair[ITA] pubblicato il 08 Settembre 2012, 14:35
il fascino del sarcasmo sta nel non essere afferrato da tutti
Commento # 8 di: Gnaffer pubblicato il 11 Settembre 2012, 14:14
Originariamente inviato da: Ilovemarco
Perchè per contratto una parte del pagamento facebook l'avrebbe corrisposta in un numero n di azioni. Inizialmente era n (= numero di azioni pattuito) x 38 dollari,ora che il valore delle azioni è sceso mi pare a 20 dollari circa il corrispettivo totale è sceso.

Non fa una piega grazie per la spiegazione
Totale commenti: 8 « Pagina Precedente | Pag 1 di 1 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

30.03.2015

Ancora utile trimestrale per Blackberry: la ristrutturazione porta frutti

L'azienda canadese è nuovamente riuscita a registrare un dato di utile trimestrale, pur a fronte di un fatturato che è in costante calo. Prosegue l'operazione...

27.03.2015

Saranno 3 le versioni di Xeon Phi di nuova generazione, Knights Landing

Al debutto nel corso della seconda metà del 2015 le nuove generazioni di soluzioni Intel Xeon Phi, per la prima volta anche in versioni dedicate all'installazione...

27.03.2015

Da HP nuovi servizi per la migrazione nel cloud di flussi di lavoro Oracle

Proteggere gli investimenti senza privarsi della possibilità di migrare verso il cloud: è quanto permesso dai servizi HP Elion Business Applications for...

26.03.2015

Samsung interessata ad AMD? Uno scenario teorico molto interessante

Dalla corea giungono indiscrezioni di un possibile interessamento, da parte di Samsung, verso AMD: alla base le numerose proprietà intellettuali della...

26.03.2015

Dalla Purdue University anodi per batterie dai materiali di imballaggio

I trucioli di polistirene o amido possono formare nanostrutture di carbonio che si rivelano molto più efficienti della grafite attualmente utilizzata per...

24.03.2015

Dispositivi connessi, previsioni di crescita per il 2015

Nel 2015 cresceranno del 2,8% le consegne di dispositivi connessi, ma in maniera eterogenea: in calo i PC, stabili i tablet, in crescita i telefoni mobile....

23.03.2015

Bell Labs Prize alla seconda edizione: ricercatori, fatevi avanti

L’organizzazione di ricerca e sviluppo di Alcatel-Lucent, Bell Labs, annuncia la 2' edizione del concorso internazionale che premia le idee e innovazioni...

23.03.2015

Lenovo: Gianfranco Lanci nominato Corporate President in aggiunta al ruolo di COO

A seguito della riuscita integrazione delle ultime acquisizioni Lenovo riorganizza il proprio business, nominando Gianfranco Lanci Corporate President,...

23.03.2015

Rory Read, l'ex-CEO di AMD pronto ad entrare in Dell

Già executive in IBM e Lenovo, l'ex-CEO di AMD entrerà la prossima settimana nella schiera di dirigenti Dell. Per lui una posizione di rilievo nell'ambito...

20.03.2015

Lo storage Flash ibrido è anche per le aziende di medie dimensioni

HP pensa alle esigenze di storage delle aziende di piccola e media dimensione annunciando nuove soluzioni, capaci di ottenenere tangili incrementi prestazionali...

20.03.2015

Cambio ai vertici in HTC: Cher Wang è il nuovo CEO

L'azienda taiwanese comunica un cambio strategico: il CEO passa a dirigere l'HTC Future Development Lab, mentre il presidente dell'azienda assume anche...

19.03.2015

Da Carbon3D una stampante 3D DLP a flusso continuo

Una stampante a polimerizzazione di resina che mediante opportuni accorgimenti può stampare non per stratificazioni successive ma con un processo continuo:...

19.03.2015

Dyson investe in una startup per batterie Li-Ion ad elevata autonomia

Il produttore di aspirapolveri investe 15 milioni di dollari per aiutare una startup a produrre commercialmente nuove batterie di litio a stato solido...

17.03.2015

Dalla Berkeley University un materiale artificiale come la pelle del camaleonte

I ricercatori della University of California Berkeley hanno realizzato una pellicola molto sottile che grazie a particolari elementi di silicio è in grado...