Facebook e Instagram: l'acquisizione è stata completata 07/09/2012 ore 08:07

Facebook e Instagram: l'acquisizione è stata completata

Autore: Paolo Corsini Categoria: Mercato
Giunto l'OK da parte delle autorità antitrust nord Americane, Facebook ha completato l'acquisizione di Instagram. Cambia tuttavia il costo, che scende dall'originario miliardo di dollari a poco pià di 730 milioni: uno degli effetti della svalutazione delle azioni Facebook

Facebook ha completato l'operazione di acquisizione di Instagram, annunciata inizialmente lo scorso mese di Aprile e sino ad ora in attesa del nulla osta da parte dell'autorità di antitrust nord Americana.

L'accordo era stato inizialmente quantificato con controvalore pari a circa 1 miliardo di dollari, ma a seguito della quotazione in borsa di Facebook e della successiva contrazione del valore delle azioni è ora quantificabile in poco più di 730 milioni di dollari. Facebook ha offerto per Instagram 300 milioni di dollari in contanti e 23 milioni di azioni Facebook.

E' stato nuovamente rimarcato come sia intenzione di Facebook quella di continuare lo sviluppo di Instagram in modo indipendente, mantenendone il brand e le linee guida differenti da quelle di Facebook. L'accesso alle risorse, in termini di ricerca e sviluppo, interne a Facebook dovrebbe permettere al team di Instagram di migliorare rapidamente la propria applicazione.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul blog ufficiale di Facebook, a questo indirizzo.

Commenti (8) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Pegamugh pubblicato il 07 Settembre 2012, 09:50
wow due colossi dell'informatica che si uniscono, mi immagino già le quotazioni in borsa che volano!
Commento # 2 di: LORENZ0 pubblicato il 07 Settembre 2012, 12:02
Originariamente inviato da: Pegamugh
wow due colossi dell'informatica che si uniscono, mi immagino già le quotazioni in borsa che volano!


"colossi dell'informatica" FaceBook ed Instagram????? ah beh...

Spero per chi ha venduto Instagram che le quotazioni si alzino perchè, a mio parere, proprio quei "23 milioni di azioni" sono il punto nero dell'operazione! sono quotate (adesso) 18,96 e sono partite da quasi 40 solo pochi mesi fa...
Ritengo non appena FaceBook si sgonfierà che le sue azioni faranno la fine di tante azioni della "new economy" solo una decina di anni fa: cioè diventeranno carta straccia!
Commento # 3 di: DevilTyphoon pubblicato il 07 Settembre 2012, 13:27
Chi ha investito in FB ora sarà un tantinello incazzato.
Commento # 4 di: Gnaffer pubblicato il 07 Settembre 2012, 14:28
No.. una cosa non ho capito.. perchè allo scendere del valore di fb in borsa è sceso il prezzo che fb stessa ha dovuto pagare?
Non dovrebbe essere l'incontrario? cioè il prezzo dell'acquisizione diminuisce se Instagram diminuisce di valore
Commento # 5 di: Ilovemarco pubblicato il 07 Settembre 2012, 19:53
Originariamente inviato da: Gnaffer
No.. una cosa non ho capito.. perchè allo scendere del valore di fb in borsa è sceso il prezzo che fb stessa ha dovuto pagare?
Non dovrebbe essere l'incontrario? cioè il prezzo dell'acquisizione diminuisce se Instagram diminuisce di valore


Perchè per contratto una parte del pagamento facebook l'avrebbe corrisposta in un numero n di azioni. Inizialmente era n (= numero di azioni pattuito) x 38 dollari,ora che il valore delle azioni è sceso mi pare a 20 dollari circa il corrispettivo totale è sceso.

Stupidi quelli che hanno contrattato per insta.
Commento # 6 di: Wildhoney pubblicato il 07 Settembre 2012, 23:26
Originariamente inviato da: LORENZ0
"colossi dell'informatica" FaceBook ed Instagram????? ah beh...

Spero per chi ha venduto Instagram che le quotazioni si alzino perchè, a mio parere, proprio quei "23 milioni di azioni" sono il punto nero dell'operazione! sono quotate (adesso) 18,96 e sono partite da quasi 40 solo pochi mesi fa...
Ritengo non appena FaceBook si sgonfierà che le sue azioni faranno la fine di tante azioni della "new economy" solo una decina di anni fa: cioè diventeranno carta straccia!


Così ad occhio il primo commentatore sembrava sarcastico
Commento # 7 di: Altair[ITA] pubblicato il 08 Settembre 2012, 14:35
il fascino del sarcasmo sta nel non essere afferrato da tutti
Commento # 8 di: Gnaffer pubblicato il 11 Settembre 2012, 14:14
Originariamente inviato da: Ilovemarco
Perchè per contratto una parte del pagamento facebook l'avrebbe corrisposta in un numero n di azioni. Inizialmente era n (= numero di azioni pattuito) x 38 dollari,ora che il valore delle azioni è sceso mi pare a 20 dollari circa il corrispettivo totale è sceso.

Non fa una piega grazie per la spiegazione
Totale commenti: 8 « Pagina Precedente | Pag 1 di 1 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

28.07.2014

Globalfoundries, nulla di fatto per l'acquisizione della divisione produttiva di IBM

IBM ritiene troppo bassa l'offerta avanzata da Globalfoundries e le due compagnie sospendono il confronto. Per ora un nulla di fatto, ma IBM è sempre alla...

25.07.2014

TIM lancia la tecnologia LTE Advanced, in prova a Torino: come e dove usarla

Le reti LTE-A sono per la prima volta disponibili in Italia. A lanciare il test è stato TIM, all'interno della città di Torino

25.07.2014

Google Baseline Study, uno studio su informazioni genetiche a fini medici

Baseline Study è il nuovo progetto di Google che si ripromette di analizzare il codice genetico per finalità mediche, al fine di proporre in futuro diagnosi...

25.07.2014

Poco meno di 50 milioni di tablet venduti nel secondo trimestre 2014

Crescono le vendite rispetto a 12 mesi fa ma cala il mercato prendendo come riferimento i primi 3 mesi del 2014. I consumatori sembrano voler premiare...

25.07.2014

Aumenta il fatturato ma risultato netto negativo per Amazon nel Q2 2014

L'azienda americana sconta il debutto di nuove soluzioni hardware avvenuto nel secondo trimestre 2014, Fire TV e Fire Phone, seguendo la propria politica...

24.07.2014

LG G3 guida i coreani verso risultati record per il secondo trimestre dell'anno

LG Electronics ha pubblicato i risultati trimestrali della società, con un aumento dell'utile netto del 165%: a pilotare la crescita il nuovo G3, che ha...

24.07.2014

Facebook, crescono fatturato, utili e utenti nel secondo trimestre 2014

Il social network annuncia i risultati del secondo trimestre dell'anno: tutti gli indicatori verso l'alto, con la pubblicità da mobile che inizia a costituire...

23.07.2014

Microsoft è forte nell'enterprise ma soffre nel consumer, anche per via di Nokia

I risultati del quarto trimestre dell'esercizio fiscale 2014 di Microsoft risentono fortemente dell'impatto dato dall'acquisizione di Nokia Devices. Il...

23.07.2014

WD Red e Red Pro, nuovi dischi da 3,5 pollici per NAS fino a 6TB

La serie WD Red, pensata per chi utilizza sistemi NAS, si arricchisce oggi di nuovi dischi, differenziati per gli scenari di utilizzo e per le capienze...

23.07.2014

iPad continua a perdere terreno, ma il trimestre Apple è solido

I risultati del terzo trimestre fiscale 2014 di Apple sono robusti, ma la Mela, pur non mostrando preoccupazione, non incontra le stime degli analisti...

22.07.2014

Da Intel e Berkeley Lab nuovo photoresist per la litografia EUV

Un resist che unisca alta sensibilità ed elevata risoluzione ed accuratezza è allo studio per applicazioni con la litografia Extreme Ultraviolet

22.07.2014

Cresce nel Q3 2014 la domanda di mercato per i sistemi notebook

Digitimes Research conferma i dati positivi che riguardano il mercato dei PC: ci si attende una crescita sequenziale delle vendite di poco superiore al...

22.07.2014

Inspearit e Rally Software, alleanza per crescere in Italia

Le due realtà stringono un accordo strategico per le trasformazioni Lean&Agile, con lo scopo di crescere congiuntamente sul mercato italiano

21.07.2014

Dell accetta i Bitcoin, per ora solo negli USA

Il negozio online di Dell accetta Bitcoin come opzione di pagamento per l'acquisto di PC e sistemi. Per ora solo negli USA, ma l'iniziativa potrebbe estendersi...