Facebook e Instagram: l'acquisizione è stata completata

Facebook e Instagram: l'acquisizione è stata completata

Autore: Paolo Corsini Categoria: Mercato
Giunto l'OK da parte delle autorità antitrust nord Americane, Facebook ha completato l'acquisizione di Instagram. Cambia tuttavia il costo, che scende dall'originario miliardo di dollari a poco pià di 730 milioni: uno degli effetti della svalutazione delle azioni Facebook

Facebook ha completato l'operazione di acquisizione di Instagram, annunciata inizialmente lo scorso mese di Aprile e sino ad ora in attesa del nulla osta da parte dell'autorità di antitrust nord Americana.

L'accordo era stato inizialmente quantificato con controvalore pari a circa 1 miliardo di dollari, ma a seguito della quotazione in borsa di Facebook e della successiva contrazione del valore delle azioni è ora quantificabile in poco più di 730 milioni di dollari. Facebook ha offerto per Instagram 300 milioni di dollari in contanti e 23 milioni di azioni Facebook.

E' stato nuovamente rimarcato come sia intenzione di Facebook quella di continuare lo sviluppo di Instagram in modo indipendente, mantenendone il brand e le linee guida differenti da quelle di Facebook. L'accesso alle risorse, in termini di ricerca e sviluppo, interne a Facebook dovrebbe permettere al team di Instagram di migliorare rapidamente la propria applicazione.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul blog ufficiale di Facebook, a questo indirizzo.

Commenti (8) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Pegamugh pubblicato il 07 Settembre 2012, 09:50
wow due colossi dell'informatica che si uniscono, mi immagino già le quotazioni in borsa che volano!
Commento # 2 di: LORENZ0 pubblicato il 07 Settembre 2012, 12:02
Originariamente inviato da: Pegamugh
wow due colossi dell'informatica che si uniscono, mi immagino già le quotazioni in borsa che volano!


"colossi dell'informatica" FaceBook ed Instagram????? ah beh...

Spero per chi ha venduto Instagram che le quotazioni si alzino perchè, a mio parere, proprio quei "23 milioni di azioni" sono il punto nero dell'operazione! sono quotate (adesso) 18,96 e sono partite da quasi 40 solo pochi mesi fa...
Ritengo non appena FaceBook si sgonfierà che le sue azioni faranno la fine di tante azioni della "new economy" solo una decina di anni fa: cioè diventeranno carta straccia!
Commento # 3 di: DevilTyphoon pubblicato il 07 Settembre 2012, 13:27
Chi ha investito in FB ora sarà un tantinello incazzato.
Commento # 4 di: Gnaffer pubblicato il 07 Settembre 2012, 14:28
No.. una cosa non ho capito.. perchè allo scendere del valore di fb in borsa è sceso il prezzo che fb stessa ha dovuto pagare?
Non dovrebbe essere l'incontrario? cioè il prezzo dell'acquisizione diminuisce se Instagram diminuisce di valore
Commento # 5 di: Ilovemarco pubblicato il 07 Settembre 2012, 19:53
Originariamente inviato da: Gnaffer
No.. una cosa non ho capito.. perchè allo scendere del valore di fb in borsa è sceso il prezzo che fb stessa ha dovuto pagare?
Non dovrebbe essere l'incontrario? cioè il prezzo dell'acquisizione diminuisce se Instagram diminuisce di valore


Perchè per contratto una parte del pagamento facebook l'avrebbe corrisposta in un numero n di azioni. Inizialmente era n (= numero di azioni pattuito) x 38 dollari,ora che il valore delle azioni è sceso mi pare a 20 dollari circa il corrispettivo totale è sceso.

Stupidi quelli che hanno contrattato per insta.
Commento # 6 di: Wildhoney pubblicato il 07 Settembre 2012, 23:26
Originariamente inviato da: LORENZ0
"colossi dell'informatica" FaceBook ed Instagram????? ah beh...

Spero per chi ha venduto Instagram che le quotazioni si alzino perchè, a mio parere, proprio quei "23 milioni di azioni" sono il punto nero dell'operazione! sono quotate (adesso) 18,96 e sono partite da quasi 40 solo pochi mesi fa...
Ritengo non appena FaceBook si sgonfierà che le sue azioni faranno la fine di tante azioni della "new economy" solo una decina di anni fa: cioè diventeranno carta straccia!


Così ad occhio il primo commentatore sembrava sarcastico
Commento # 7 di: Altair[ITA] pubblicato il 08 Settembre 2012, 14:35
il fascino del sarcasmo sta nel non essere afferrato da tutti
Commento # 8 di: Gnaffer pubblicato il 11 Settembre 2012, 14:14
Originariamente inviato da: Ilovemarco
Perchè per contratto una parte del pagamento facebook l'avrebbe corrisposta in un numero n di azioni. Inizialmente era n (= numero di azioni pattuito) x 38 dollari,ora che il valore delle azioni è sceso mi pare a 20 dollari circa il corrispettivo totale è sceso.

Non fa una piega grazie per la spiegazione
Totale commenti: 8 « Pagina Precedente | Pag 1 di 1 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

03.03.2015

HP acquisisce Aruba Networks per 3 miliardi di dollari

Le due aziende stringono un accordo definitivo: Aruba Networks diventerà parte di HP, la quale avrà la possibilità di completare il proprio portfolio di...

27.02.2015

Enter Cloud Suite, tutto a portata di mano nella nuova Dashboard

Enter Cloud Suite è la soluzione ideale per sviluppare e ospitare progetti web, mobile, siti di e-commerce, piattaforme SaaS, realizzare attività in ambito...

27.02.2015

TSMC, la produzione a 10nm parte nel 2017

La fonderia taiwanese stabilisce nel 2017 la data di avvio dei motori per la produzione a 10 nanometri, per la quale utilizzerà ancora strumenti di tradizionale...

26.02.2015

Con Android for Work Google guarda al settore PRO

Con Android for Work Google intende promuovere la diffusione del proprio sistema mobile anche nel settore professionale e nelle aziende. Si tratta di un'iniziativa...

26.02.2015

Intesi Group ottiene la certificazione Secure Signature Creation Device

L'italianissima Intesi Group ha raggiunto l'importante obiettivo di certificazione Secure Signature Creation Device per la propria piattaforma PkBox, un...

26.02.2015

Sempre più x86 anche nei sistemi server per applicazioni mission critical

I sistemi mission critical basati su architetture proprietarie continuano a registrare una contrazione nelle vendite, segnale di come il mondo dei server...

25.02.2015

Processo FinFET a 10nm, anche Samsung al lavoro

L'azienda koreana annuncia di essere al lavoro sul processo FinFET a 10 nanometri, ma avverte che per proseguire verso i 7nm e i 5nm saranno necessari...

25.02.2015

Sono stati 1,3 miliardi gli smartphone venduti nel corso del 2014

I dati IDC confermano il predominio di Android e iOS nel mercato degli smartphone, sistemi operativi che rappresentano oltre il 96% del totale dei modelli...

24.02.2015

Da Applied Materials nuovi strumenti di misurazione per la produzione FinFET e 3D NAND

Gli strumenti di misurazione impiegati per la produzione di transistor planari non sono adeguati per la produzione tridimensionale: Applied Materials sviluppa...

24.02.2015

ISSCC 2015: il futuro dei chip Intel è a 10 e 7 nanometri

La legge di Moore continuerà a guidare l'evoluzione nella produzione di semiconduttori anche nel corso dei prossimi anni, con il passaggio dagli attuali...

20.02.2015

Un network sempre più basato sul software per i servizi EOLO di NGI

E' un approccio simile all'Open Compute Project quello che l'italiana NGI ha scelto di seguire per la propria infrastruttura di rete, utilizzata per fornire...

20.02.2015

Si vendono più server in Italia, grazie alle soluzioni x86

Sono i sistemi server con processore AMD e Intel, stando ai dati SIRMI, quelli che hanno spinto in zona positiva l'intero settore nel corso del 2014

20.02.2015

DNA, utile per conservare l'informazione per l'eternità

Il DNA può essere usato per stoccare informazione digitale, ma presenta qualche problema nella conservazione a lungo termine. Un gruppo di ricercatori...

18.02.2015

In salita la strada di Apple Pay verso la Cina

Il sistema di pagamento contactless della Mela sta incontrando qualche resistenza da parte di UnionPay, l'unico interlocutore con cui si deve obbligatoriamente...