Fair Labor Association: "decine di problemi" negli stabilimenti Foxconn

Fair Labor Association: "decine di problemi" negli stabilimenti Foxconn

Autore: Andrea Bai Categoria: Mercato
L'indagine commissionata da Apple pare aver trovato una situazione che necessita di essere corretta. Nelle prossime settimane verranno divulgati ulteriori dettagli

Iniziano ad emergere i primi risultati dell'indagine della Fair Labor Association, commissionata in tempi recenti da Apple allo scopo di verificare le condizioni di lavoro dei dipendenti nelle fabbriche dei propri partner produttivi. Secondo le prime notizie l'indagine avrebbe già individuato "decine di problemi" negli stabilimenti di Foxconn a Shenzen, in Cina. E' quanto emerge da un colloquio telefonico tra la testata Bloomberg ed il CEO della FLA Auret van Heerden.

Le ispezioni della FLA sono state avviate lo scorso 13 febbraio, quando Apple ha aderito alla Fair Labor Association e ha chiesto l'ispezione degli stabilimenti produttivi di proprietà dei tre suoi partner di maggior spessore.

"Abbiamo trovato decine di problemi. Credo che vi sarà qualche annuncio significativo a breve" sono state le parole di van Heerden riferendosi a un incontro nel quale gli ispettori della FLA hanno presentato al team dirigenziale di Foxconn i risultati preliminari delle indagini. La Fair Labor Association dovrebbe rilasciare ulteriori informazioni nel corso delle prossime settimane, e Foxconn dovrà prendere una posizione ufficiale contestando i risultati o collaborando per evitare ulteriori violazioni. Foxconn fa comunque sapere, in una dichiarazione inviata via e-mail a Bloomberg, di stare collaborando pienamente con l'indagine e di essere pronta ad agire su tutte le raccomandazioni elaborate dalla FLA.

Van Heerden ha inoltre dichiarato che il team di 30 ispettori intervisterà nel corso delle prossime settimane 35 mila impiegati Foxconn, mediante incontri con piccoli gruppi di lavoratori scelti in maniera tale da riflettere la demografia del campus in termini di età, genere e livello di specializzazione. I lavoratori registreranno le risposte su tablet connessi ai server FLA, in maniera tale che possano essere elaborati rapidamente.

Intanto Heather White, fondatrice di Verité, un altro gruppo per il monitoraggio delle condizioni di lavoro, mostra una certa dose di scetticismo osservando come molte violazioni, come ad esempio l'uso di sostanze tossiche o gli straordinari forzati, siano difficili da rilevare: "Si tratta di cose che non emergono da un'indagine pianificata in anticipo". Secondo White, inoltre, anche le interviste potrebbero portare a risposte poco indicative, sottolineando come i lavoratori siano più propensi a parlare apertamente nelle loro abitazioni o comunque al di fuori del luogo di lavoro.

Commenti (10) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: TheMonzOne pubblicato il 21 Febbraio 2012, 10:26
Van Heerden ha inoltre dichiarato che il team di 30 ispettori intervisterà nel corso delle prossime settimane 35 mila impiegati Foxconn, mediante incontri con piccoli gruppi di lavoratori scelti in maniera tale da riflettere la demografia del campus in termini di età, genere e livello di specializzazione. I lavoratori registreranno le risposte su tablet connessi ai server FLA, in maniera tale che possano essere elaborati rapidamente.

Intanto Heather White, fondatrice di Verité, un altro gruppo per il monitoraggio delle condizioni di lavoro, mostra una certa dose di scetticismo osservando come molte violazioni, come ad esempio l'uso di sostanze tossiche o gli straordinari forzati, siano difficili da rilevare: "Si tratta di cose che non emergono da un'indagine pianificata in anticipo". Secondo White, inoltre, anche le interviste potrebbero portare a risposte poco indicative, sottolineando come i lavoratori siano più propensi a parlare apertamente nelle loro abitazioni o comunque al di fuori del luogo di lavoro.
Già mi immagino le domande del questionario:

"1) Vieni sfruttato da tuo datore di lavoro? SI - NO"
"2) Sei sottopagato? SI - NO"
"3) Ti costringono ad usare sostanze pericolose senza darti appositi strumenti protettivi? SI - NO"
....

"*Nota: il questionario è assolutamente anonimo, il tuo datore di lavoro non conoscerà mai le risposte che hai dato."

Un po' come il questionario da compilare quando si va negli Stati Uniti dove ti viene chiesto se sei un terrorista
Commento # 2 di: gd350turbo pubblicato il 21 Febbraio 2012, 10:37
Appunto !
I dipendenti temendo di perdere il posto di lavoro che per quanto disumano esso sia è quello che gli da da vivere, daranno come risposta NO...


Commento # 3 di: Raghnar-The coWolf- pubblicato il 21 Febbraio 2012, 11:06
Brava Apple...

Beh sui questionari anonimi ogni tanto si leggono cose interessanti... Ovviamente i dati vanno saputi analizzare...
Commento # 4 di: winebar pubblicato il 21 Febbraio 2012, 12:08
Originariamente inviato da: TheMonzOne
Già mi immagino le domande del questionario:

"1) Vieni sfruttato da tuo datore di lavoro? SI - NO"
"2) Sei sottopagato? SI - NO"
"3) Ti costringono ad usare sostanze pericolose senza darti appositi strumenti protettivi? SI - NO"
....

"*Nota: il questionario è assolutamente anonimo, il tuo datore di lavoro non conoscerà mai le risposte che hai dato."

Un po' come il questionario da compilare quando si va negli Stati Uniti dove ti viene chiesto se sei un terrorista


LOOOOOOL

In ogni caso mi stupisce questa dichiarazione, la FLA non è famosa per le sue indagini "super partes".
Commento # 5 di: Raghnar-The coWolf- pubblicato il 21 Febbraio 2012, 12:12
cioè?
Commento # 6 di: winebar pubblicato il 21 Febbraio 2012, 12:37
Originariamente inviato da: Raghnar-The coWolf-
cioè?


Da:

http://www.tomshw.it/cont/news/apple-l-ispezione-nelle-fabbriche-diventa-un-reality-show/35909/1.html

La risposta di Apple alle critiche quindi è stata almeno veloce. Resta da vedere se sarà anche efficace, e le voci critiche si sono già fatte sentire. Sarah Ryan di Change.org per esempio ha ricordato che i metodi della FLA sono "circondati di controversie in termini di efficacia e obiettività", mentre Taren Stinebrickner-Kauffman di SumofUs.org ha detto a Wired che "speriamo che questo sia un passo nella giusta direzione, ma non si avvicina nemmeno alla soluzione. La FLA non ha dei gran precedenti per quanto riguarda il condurre indagini credibili".

Proprio così. Per alcuni il partner scelto da Apple è piuttosto un'estensione delle pubbliche relazioni aziendali, tanto che esiste persino un sito dedicato a tenerlo d'occhio, che si chiama FLA Watch.

Di certo è legittimo dubitare sull'utilità delle indagini, degli audit come strumenti per migliorare la cosa, ma si può star certi del fatto che servono per migliorare l'immagine di un'azienda presso i propri clienti. Sembra però che stavolta Apple abbia scelto un partner che si è già fatto terra bruciata intorno. "In altre parole, la FLA è un'agenzia informativa, non d'azione. I cambiamenti per i lavoratori Foxconn possono arrivare solo dalla Foxconn stessa, dal governo cinese o da Apple", scrive Christina Bonnington.

"[COLOR="Red"]Nella migliore delle ipotesi questo è un buon primo passo[/COLOR]", conclude Stinebrickner-Kauffman, "[COLOR="Red"]nella peggiore, l'inizio di una campagna per ripulirsi l'immagine[/COLOR]".
Commento # 7 di: PhoEniX-VooDoo pubblicato il 21 Febbraio 2012, 14:33
Originariamente inviato da: TheMonzOne

...

Un po' come il questionario da compilare quando si va negli Stati Uniti dove ti viene chiesto se sei un terrorista



ero convinto che quella domanda fosse posta diversamente, tipo:

da 1 a 10 quanto sei terrorista?



Commento # 8 di: TheMonzOne pubblicato il 21 Febbraio 2012, 15:01
Originariamente inviato da: PhoEniX-VooDoo
ero convinto che quella domanda fosse posta diversamente, tipo:

da 1 a 10 quanto sei terrorista?



Un mio amico è appena andato in America per il viaggio di nozze, la domanda precisa del modulo, a memoria, era questa:
"Ha mai svolto o svolge attivita di spionaggio o sabotaggio; attivita terroristiche; genocidio; o fra il 1933 ed il 1945 ha preso parte, in qualsiasi modo, alle persecuzioni associate alla Germania nazista o ai suoi alleati? SI - NO"
Commento # 9 di: winebar pubblicato il 21 Febbraio 2012, 15:10
Originariamente inviato da: TheMonzOne
Un mio amico è appena andato in America per il viaggio di nozze, la domanda precisa del modulo, a memoria, era questa:
"Ha mai svolto o svolge attivita di spionaggio o sabotaggio; attivita terroristiche; genocidio; o fra il 1933 ed il 1945 ha preso parte, in qualsiasi modo, alle persecuzioni associate alla Germania nazista o ai suoi alleati? SI - NO"


ROTFL

Certe cose solo gli americani possono farle...
Commento # 10 di: jagemal pubblicato il 21 Febbraio 2012, 18:50
Originariamente inviato da: TheMonzOne
"Ha mai svolto o svolge attivita di spionaggio o sabotaggio; attivita terroristiche; genocidio; o fra il 1933 ed il 1945 ha preso parte, in qualsiasi modo, alle persecuzioni associate alla Germania nazista o ai suoi alleati?"


SI .. ahimè devo ammettere che nella mia vita precedente tra il 33 e il 45 ero un nazzista ..





cmq, scherzi a parte ... sta storia mi ricorda molto quella sui prodotti Nike costruiti in pelle di bambino .. alla fine credo che Nike (così come le altre) continuino a praticare le stesse identiche cose nonostante tutto il casino
Totale commenti: 10 « Pagina Precedente | Pag 1 di 1 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

18.12.2014

Valleytronics, si apre la strada ad una nuova tecnica per codificare l'informazione

L'idea è quella di codificare l'informazione basandosi su una caratteristica dell'elettrone diversa dalla carica e dallo spin. Un materiale bidimensionale...

17.12.2014

Siamo a quota 2 miliardi di smarthone attivi a livello globale

Superata una soglia a dir poco significativa, quella dei 2 miliardi di smartphone attivi; Android continua a farla da padrone ma nel futuro si apre spazio...

17.12.2014

Cerotti antidolorifici, anche loro presto diventeranno smart

Una struttura in rame che può flettersi ed estendersi senza subire danni: è questa la base per un cerotto termico riutilizzabile, che può essere controllato...

16.12.2014

Grosso tonfo di Samsung sul mercato smartphone, ne approfitta Xiaomi

Xiaomi cresce su base annuale alle spese di Samsung, entra nella Top 5 e insidia la connazionale Huawei. Ecco tutti i dati di Gartner per il mercato smartphone...

15.12.2014

Memorie a tecnologia ottica, il RIKEN prova una nuova strada

Un nuovo metodo di autoassemblaggio di particolari molecole fotocromiche potrebbe portare ad una più semplice produzione di memorie a tecnologia ottica...

12.12.2014

Indossabili e smart devices, previsioni di scenari per i prossimi anni

Gartner elabora una serie di previsioni rivolte ai dispositivi indossabili, ai sensori biometrici e ai dispositivi per la realtà virtuale/aumentata

11.12.2014

HP prepara Linux++, sistema operativo dedicato a The Machine

A partire da giugno 2015 HP metterà a disposizione una versione di Linux specifica per la sua nuova concezione di computer per avvicinare ad essa ricercatori,...

11.12.2014

Globalfoundries in cerca di ordinativi da Qualcomm e Apple

La fonderia spera di riuscire ad accaparrarsi qualche ordinativo per la produzione dei chip a 14 nanometri da parte delle due compagnie fabless

10.12.2014

Apple e IBM annunciano le prime app di IBM MobileFirst for iOS

Presentate le prime app nate dalla collaborazione strategica tra i due colossi, annunciata durante lo scorso mese di luglio

09.12.2014

Nel 2018 tablet o smartphone per tutte le attività online per oltre la metà degli utenti

Nel giro di pochi anni, soprattutto sul traino dei mercati emergenti, i dispositivi mobile saranno usati da oltre la metà del pubblico come unico strumento...

09.12.2014

TSMC ordina scanner EUV da ASML per prepararsi ai 7 nanometri

La fonderia taiwanese ha già ordinato due scanner EUV che saranno però inizialmente convertiti alla produzione standard e successivamente potrebbero essere...

05.12.2014

Check Point Capsule, sicurezza contro i rischi del BYOD

L'introduzione in azienda dei dispositivi personali rappresenta un rischio per la sicurezza dei dati, ne sono sempre più consapevoli i responsabili IT

04.12.2014

L'Università di Manchester scopre la permeabilità del grafene ai protoni

Potenzialità molto interessanti per lo sviluppo di batterie a celle di combustibile di maggior efficienza, ma la strada è ancora lunga

04.12.2014

Mercato server, un terzo trimestre di indugi con crescita limitata

HP, pur con un calo in consegne e fatturato, resta leader di mercato. A Cisco lo scettro della maggior crescita