IBM presenta un transceiver ottico da 1Tb/s

IBM presenta un transceiver ottico da 1Tb/s

Autore: Andrea Bai Categoria: Scienza e tecnologia
Big Blue presenta il primo transceiver ottico in grado di arrivare ad una velocità di trasferimento dati di mille miliardi di bit al secondo. Si apre la strada ad una nuova era delle interconnessioni ottiche

In occasione della Optical Fiber Communication Conference svoltasi la scorsa settimana a Los Angeles, gli scienziati IBM hanno presentato il prototipo di un nuovo chip ottico denominato "Holey Optochip": si tratta di un transceiver ottico parallelo capace, per la prima volta al mondo, di trasferire mille miliardi di bit al secondo (1Tb/s).

Il nuovo Holey Optochip è in grado di muovere i dati a velocità otto volte superiori a quelle dei componenti ottici paralleli oggi disponibili, con una rivoluzione el modo in cui si accede ai dati, li si condivide e li si impiega per l'ingresso in una nuova era delle telecomunicazioni, del computing e dell'intrattenimento. La velocità di un transcevier è equivalente alla larghezza di banda oggi consumata da 100 mila utenti che si connettono alla rete con una connessione a 10Mbit/s. Oppure, messa in altri termini, il nuovo Holey Optochip consentirebbe di trasferire l'intero archivio web della biblioteca del congresso USA in circa un'ora.

Clint Schow, ricercatore di IBM che ha partecipato al progetto, commenta: "Con il raggiungimento di mille miliardi e di bit al secondo l'Holey Optochip rappresenta una pietra miliare nello sviluppo di transceiver chip-scale in grado di gestire il volume di informazioni nell'era dei Big Data. Abbiamo inseguito i più elevati livelli di integrazione, di efficienza energetica e di prestazioni per tutti i componenti ottici tramite il packaging e l'innovazione dei circuiti. Abbiamo l'obiettivo di migliorare la tecnologia per portarla alla commercializzazione nel corso del prossimo decennio".

Utilizzando un nuovo approccio progettuale gli scienziati IBM hanno sviluppato l'Holey Optochip praticando 48 fori attraverso un convenzionale chip CMOS in silicio. I fori permettono l'accesso ottico dal retro del chip a 24 canali di trasmissione e 24 canali di ricezione per realizzare un modulo ottico compatto, con elevate prestazioni ed elevata efficienza energetica, in grado di effettuare trasferimenti dati a velocità record. L'Holey Optochip è completato alla presenza di ventiquattro canali VCSEL (Vertical Cavity Surface Emitting Laser) a 850nm e da un array di fotodiodi saldati direttamente su di esso. L'aspetto importante di questa ricerca è l'impiego di componenti commercialmente disponibili oggi per la realizzazione del modulo Holey Optochip, predisponendo la possibilità di produrre ad economie di scala. Il nuovo transceiver consuma inoltre meno di 5 watt.

Con la presentazione del prototipo dell'Holey Optochip IBM ha dimostrato la possibilità di realizzare nel breve termine interconnessioni ad elevata velocità e a basso consumo e che le tecnologie ottiche rappresentano l'unico mezzo di trasmissione capace di anticipare la sempre crescente domanda di larghezza di banda. Il futuro del computing sarà basato in maniera preponderante sulla tecnologia di chip ottici per semplificare la crescita dei big data e del cloud computing e per spingere lo sviluppo della prossima generazione di applicazioni datacenter.

Commenti (2) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: H.D. Lion pubblicato il 14 Marzo 2012, 09:27
Gulp, potrebbero inventare anche il teletrasporto con quei chip...Ma chi gielo dice alla Telecom che deve aggiornare tutte le linee telefoniche per aumentare la banda? E soprattutto come dirottare i fondi statali per finanziarli?
Commento # 2 di: virus_101 pubblicato il 14 Marzo 2012, 11:16
Quoto appieno, cazzo io che sto un poco piu' distante della media dalla centrale non vado oltre una schifosissima 640 ..... nel 2012!!!! E? FOLLIA.

Qui parlano di trasmissioni da 1tb/s e telecom non e' in grado di fornire nemmeno 1 connessione decente per il 2012... diomio che schifo...

Epoi e' pazzesco che ci siano tonnellate di commenti su news della cippa e se queste beh :woosh: (non trovo la gif deella balla di fieno ) ...

Vabbe io resto sempre speranzoso di andarmene tanto qua non fanno mai nulla e chi lavora nell'IT soffre della penalizzazione assurda di telecom. Mentre in paesi come romania hanno gia' le 50 Mb effettive in casa..... Grande ibm vieni a salvarci con at&t e distruggete telecom!!!!
Totale commenti: 2 « Pagina Precedente | Pag 1 di 1 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

09.02.2016

Batterie litio-ione con anodi di silicio grazie alle gabbiette di grafene

Dalla Stanford University arriva un metodo per ricoprire le particelle di silicio con un guscio di grafene che permette di mantenere le prestazioni degli...

05.02.2016

Niente droni al Super Bowl in un raggio di 50 chilometri

Le autorità di volo americane hanno indetto un enorme ban nella circolazione di velivoli e droni nei "pressi" del Levi's Stadium, dove il 7 febbraio si...

05.02.2016

Via libera all'acquisizione Western Digital - SanDisk da parte della Commissione Europea

La Commissione Europea autorizza l'operazione: nessun pericolo per la concorrenza nel settore dello storage una volta che la nuova realtà si sarà formata...

05.02.2016

Panasonic e Fujifilm insieme per il sensore 'organico', anche a doppia sensibilità

In pratica al posto dei fotodiodi in silicio viene posizionato nel sensore uno strato di materiale organico fotosensibile, che opera da raccoglitore di...

05.02.2016

Ancora una perdita trimestrale per HTC, in attesa del debutto di M10 e Vive

L'azienda taiwanese continua a registrare un dato di utile negativo nel proprio ultimo trimestre, pur a fronte di un incremento nelle vendite. Per la prima...

04.02.2016

Piccoli alberi elettromeccanici per produrre energia elettrica dalle vibrazioni

Dalla Ohio State University un esperimento mostra la possibilità di impiegare piccole strutture ad albero per raccogliere le vibrazioni dell'ambiente e...

03.02.2016

Indossabili, il mercato crescerà a doppia cifra nel 2016

Cresce il mercato degli indossabili, con smartband e smartwatch a trainare il carro. Ma il 2016 vedrà anche l'inizio della diffusione dei dispositivi Head...

03.02.2016

Yahoo, cura da cavallo per risollevare la società. Chiude anche l'ufficio di Milano

Importanti operazioni strategiche in vista per la compagnia, che pensa di liberarsi degli asset non fondamentali e di tagliare del 15% la forza lavoro

02.02.2016

Alphabet supera Apple ed è l'azienda che vale di più al mondo

Alphabet (di cui Google fa parte) è adesso la società dal più alto valore di capitalizzazione di mercato al mondo. Il valore azionario della società è...

01.02.2016

Facebook e video, una strategia per accrescere il fatturato

Il popolare social network crede sempre di più nei video come strumento per poter vendere più pubblicità ed accrescere il fatturato

01.02.2016

Flexiramics, un nuovo materiale flessibile, ignifugo e isolante per i PCB

Una startup olandese scopre quasi per caso un nuovo materiale con proprietà interessanti per la produzione di PCB a basso costo

01.02.2016

Stampa 3D, sempre più attenzione in Europa

L'attenzione verso la stampa 3D sta crescendo e nei prossimi anni in Europa occidentale si verificherà una crescita della spesa per questo tipo di tecnologie...

28.01.2016

Facebook, un 2015 stellare: grande crescita di utenti, fatturato e utili

Risultati impressionanti per il social network, che vede crescere sensibilmente fatturato e utili grazie ad una strategia sul mobile che sta dando i suoi...

28.01.2016

Anche Enel ha un nuovo logo: ma non vi ricorda qualcosa?

Nuovo logo e ristrutturazione visiva anche per Enel, che ha presentato le novità il 26 gennaio a Madrid. Ma sorgono alcuni dubbi sull'effettiva creatività...