IBM presenta un transceiver ottico da 1Tb/s

IBM presenta un transceiver ottico da 1Tb/s

Autore: Andrea Bai Categoria: Scienza e tecnologia
Big Blue presenta il primo transceiver ottico in grado di arrivare ad una velocità di trasferimento dati di mille miliardi di bit al secondo. Si apre la strada ad una nuova era delle interconnessioni ottiche

In occasione della Optical Fiber Communication Conference svoltasi la scorsa settimana a Los Angeles, gli scienziati IBM hanno presentato il prototipo di un nuovo chip ottico denominato "Holey Optochip": si tratta di un transceiver ottico parallelo capace, per la prima volta al mondo, di trasferire mille miliardi di bit al secondo (1Tb/s).

Il nuovo Holey Optochip è in grado di muovere i dati a velocità otto volte superiori a quelle dei componenti ottici paralleli oggi disponibili, con una rivoluzione el modo in cui si accede ai dati, li si condivide e li si impiega per l'ingresso in una nuova era delle telecomunicazioni, del computing e dell'intrattenimento. La velocità di un transcevier è equivalente alla larghezza di banda oggi consumata da 100 mila utenti che si connettono alla rete con una connessione a 10Mbit/s. Oppure, messa in altri termini, il nuovo Holey Optochip consentirebbe di trasferire l'intero archivio web della biblioteca del congresso USA in circa un'ora.

Clint Schow, ricercatore di IBM che ha partecipato al progetto, commenta: "Con il raggiungimento di mille miliardi e di bit al secondo l'Holey Optochip rappresenta una pietra miliare nello sviluppo di transceiver chip-scale in grado di gestire il volume di informazioni nell'era dei Big Data. Abbiamo inseguito i più elevati livelli di integrazione, di efficienza energetica e di prestazioni per tutti i componenti ottici tramite il packaging e l'innovazione dei circuiti. Abbiamo l'obiettivo di migliorare la tecnologia per portarla alla commercializzazione nel corso del prossimo decennio".

Utilizzando un nuovo approccio progettuale gli scienziati IBM hanno sviluppato l'Holey Optochip praticando 48 fori attraverso un convenzionale chip CMOS in silicio. I fori permettono l'accesso ottico dal retro del chip a 24 canali di trasmissione e 24 canali di ricezione per realizzare un modulo ottico compatto, con elevate prestazioni ed elevata efficienza energetica, in grado di effettuare trasferimenti dati a velocità record. L'Holey Optochip è completato alla presenza di ventiquattro canali VCSEL (Vertical Cavity Surface Emitting Laser) a 850nm e da un array di fotodiodi saldati direttamente su di esso. L'aspetto importante di questa ricerca è l'impiego di componenti commercialmente disponibili oggi per la realizzazione del modulo Holey Optochip, predisponendo la possibilità di produrre ad economie di scala. Il nuovo transceiver consuma inoltre meno di 5 watt.

Con la presentazione del prototipo dell'Holey Optochip IBM ha dimostrato la possibilità di realizzare nel breve termine interconnessioni ad elevata velocità e a basso consumo e che le tecnologie ottiche rappresentano l'unico mezzo di trasmissione capace di anticipare la sempre crescente domanda di larghezza di banda. Il futuro del computing sarà basato in maniera preponderante sulla tecnologia di chip ottici per semplificare la crescita dei big data e del cloud computing e per spingere lo sviluppo della prossima generazione di applicazioni datacenter.

Commenti (2) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: H.D. Lion pubblicato il 14 Marzo 2012, 09:27
Gulp, potrebbero inventare anche il teletrasporto con quei chip...Ma chi gielo dice alla Telecom che deve aggiornare tutte le linee telefoniche per aumentare la banda? E soprattutto come dirottare i fondi statali per finanziarli?
Commento # 2 di: virus_101 pubblicato il 14 Marzo 2012, 11:16
Quoto appieno, cazzo io che sto un poco piu' distante della media dalla centrale non vado oltre una schifosissima 640 ..... nel 2012!!!! E? FOLLIA.

Qui parlano di trasmissioni da 1tb/s e telecom non e' in grado di fornire nemmeno 1 connessione decente per il 2012... diomio che schifo...

Epoi e' pazzesco che ci siano tonnellate di commenti su news della cippa e se queste beh :woosh: (non trovo la gif deella balla di fieno ) ...

Vabbe io resto sempre speranzoso di andarmene tanto qua non fanno mai nulla e chi lavora nell'IT soffre della penalizzazione assurda di telecom. Mentre in paesi come romania hanno gia' le 50 Mb effettive in casa..... Grande ibm vieni a salvarci con at&t e distruggete telecom!!!!
Totale commenti: 2 « Pagina Precedente | Pag 1 di 1 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

17.04.2015

Vodafone porta il Wi-Fi condiviso in Italia: ecco cos'è, pro e contro

Gli utenti italiani di Vodafone possono adesso accedere ad una rete estesa di hotspot per collegarsi alle reti dei clienti stessi della società. Nasce...

17.04.2015

AMD abbandona SeaMicro: niente più microserver

AMD annuncia l'uscita di scena dal mercato dei sistemi server ad elevata densità, e con questo abbandonando il marchio SeaMicro che aveva acquistato alcuni...

17.04.2015

Un trimestre ancora in rosso per AMD

Fatturato in calo e nuova perdita trimestrale per AMD, che non sembra al momento in grado di fronteggiare in modo efficace il calo nella domanda di soluzioni...

16.04.2015

I supercomputer del futuro guidati da NVLink, nella strategia di NVIDIA

La tecnologia NVLink di NVIDIA sarà al centro del supercomputer Summit, previsto in funzione per il 2018 e basato sull'abbinamento tra le GPU della famiglia...

16.04.2015

Panasonic aggiorna il prorpio tablet Toughbook 4K da 20 pollici

Un prodotto particolare per via della diagonale elevata e della risoluzione 4K, che pur se con un prezzo dimezzato rispetto alla prima generazione rimane...

16.04.2015

Nokia si compra Alcatel-Lucent, nasce un nuovo colosso delle infrastrutture di telecomunicazione

L'operazione vale oltre 15 miliardi di euro e darà vita ad una realtà con una enorme potenza di fuoco in termini di attività R&D. Nokia sta inoltre considerando...

15.04.2015

Google presto anche operatore telefonico virtuale con Fi: tutti i nuovi dettagli

Sono emersi numerosi dettagli sul nuovo servizio di telefonia virtuale di Google attraverso il codice dell'app che servirà per gestire il proprio account...

15.04.2015

Meno CPU per sistemi PC, ma più per i datacenter: questo il Q1 di Intel

L'azienda americana registra un dato trimestrale allineato a quello dei primi 3 mesi del 2014, pur con grandi cambiamenti. Calano le vendite di soluzioni...

14.04.2015

Nulla di fatto tra Intel ed Altera, le trattative si arenano sull'offerta

Le due realtà non trovano l'accordo e le trattative arrivano al capolinea. Adesso Intel potrebbe pensare a qualcosa di più grande, come l'acquisizione...

13.04.2015

Google al lavoro in prima persona su nuove batterie che durano di più

I laboratori Google X stanno sviluppando una nuova tipologia di batterie agli ioni di litio e a stato solido per rispondere alle nuove esigenze dei settori...

10.04.2015

Diffondere IoT in Italia, l'impegno comune di Microsoft ed STMicroelectronics

Accordo di collaborazione tra Microsoft Italia ed STMicroelectronics per realizzare un ecosistema di sviluppo sensor-to-cloud che semplifichi lo sviluppo...

09.04.2015

Dal Caltech uno scanner 3D a portata di smartphone

Usare lo smartphone per effettuare scansioni in 3D? Potrebbe presto essere possibile, grazie ad un sensore realizzato dal Caltech capace di rilevare i...

08.04.2015

L'alluminio è meglio del litio: da Stanford una nuova batteria rivoluzionaria

Un batteria agli ioni di alluminio è più sicura, economica e soprattutto ha una longevità maggiore delle batterie prodotte con le tecnologie attuali. I...

08.04.2015

Sono con Android 2 smartphone su 3 venduti in Italia

I dati Kantar delineano uno scenario di mercato molto chiaro nel settore degli smartphone: in Italia, a Febbraio 2015, 2 modelli su 3 sono Android. A seguire...