IBM presenta un transceiver ottico da 1Tb/s

IBM presenta un transceiver ottico da 1Tb/s

Autore: Andrea Bai Categoria: Scienza e tecnologia
Big Blue presenta il primo transceiver ottico in grado di arrivare ad una velocità di trasferimento dati di mille miliardi di bit al secondo. Si apre la strada ad una nuova era delle interconnessioni ottiche

In occasione della Optical Fiber Communication Conference svoltasi la scorsa settimana a Los Angeles, gli scienziati IBM hanno presentato il prototipo di un nuovo chip ottico denominato "Holey Optochip": si tratta di un transceiver ottico parallelo capace, per la prima volta al mondo, di trasferire mille miliardi di bit al secondo (1Tb/s).

Il nuovo Holey Optochip è in grado di muovere i dati a velocità otto volte superiori a quelle dei componenti ottici paralleli oggi disponibili, con una rivoluzione el modo in cui si accede ai dati, li si condivide e li si impiega per l'ingresso in una nuova era delle telecomunicazioni, del computing e dell'intrattenimento. La velocità di un transcevier è equivalente alla larghezza di banda oggi consumata da 100 mila utenti che si connettono alla rete con una connessione a 10Mbit/s. Oppure, messa in altri termini, il nuovo Holey Optochip consentirebbe di trasferire l'intero archivio web della biblioteca del congresso USA in circa un'ora.

Clint Schow, ricercatore di IBM che ha partecipato al progetto, commenta: "Con il raggiungimento di mille miliardi e di bit al secondo l'Holey Optochip rappresenta una pietra miliare nello sviluppo di transceiver chip-scale in grado di gestire il volume di informazioni nell'era dei Big Data. Abbiamo inseguito i più elevati livelli di integrazione, di efficienza energetica e di prestazioni per tutti i componenti ottici tramite il packaging e l'innovazione dei circuiti. Abbiamo l'obiettivo di migliorare la tecnologia per portarla alla commercializzazione nel corso del prossimo decennio".

Utilizzando un nuovo approccio progettuale gli scienziati IBM hanno sviluppato l'Holey Optochip praticando 48 fori attraverso un convenzionale chip CMOS in silicio. I fori permettono l'accesso ottico dal retro del chip a 24 canali di trasmissione e 24 canali di ricezione per realizzare un modulo ottico compatto, con elevate prestazioni ed elevata efficienza energetica, in grado di effettuare trasferimenti dati a velocità record. L'Holey Optochip è completato alla presenza di ventiquattro canali VCSEL (Vertical Cavity Surface Emitting Laser) a 850nm e da un array di fotodiodi saldati direttamente su di esso. L'aspetto importante di questa ricerca è l'impiego di componenti commercialmente disponibili oggi per la realizzazione del modulo Holey Optochip, predisponendo la possibilità di produrre ad economie di scala. Il nuovo transceiver consuma inoltre meno di 5 watt.

Con la presentazione del prototipo dell'Holey Optochip IBM ha dimostrato la possibilità di realizzare nel breve termine interconnessioni ad elevata velocità e a basso consumo e che le tecnologie ottiche rappresentano l'unico mezzo di trasmissione capace di anticipare la sempre crescente domanda di larghezza di banda. Il futuro del computing sarà basato in maniera preponderante sulla tecnologia di chip ottici per semplificare la crescita dei big data e del cloud computing e per spingere lo sviluppo della prossima generazione di applicazioni datacenter.

Commenti (2) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: H.D. Lion pubblicato il 14 Marzo 2012, 09:27
Gulp, potrebbero inventare anche il teletrasporto con quei chip...Ma chi gielo dice alla Telecom che deve aggiornare tutte le linee telefoniche per aumentare la banda? E soprattutto come dirottare i fondi statali per finanziarli?
Commento # 2 di: virus_101 pubblicato il 14 Marzo 2012, 11:16
Quoto appieno, cazzo io che sto un poco piu' distante della media dalla centrale non vado oltre una schifosissima 640 ..... nel 2012!!!! E? FOLLIA.

Qui parlano di trasmissioni da 1tb/s e telecom non e' in grado di fornire nemmeno 1 connessione decente per il 2012... diomio che schifo...

Epoi e' pazzesco che ci siano tonnellate di commenti su news della cippa e se queste beh :woosh: (non trovo la gif deella balla di fieno ) ...

Vabbe io resto sempre speranzoso di andarmene tanto qua non fanno mai nulla e chi lavora nell'IT soffre della penalizzazione assurda di telecom. Mentre in paesi come romania hanno gia' le 50 Mb effettive in casa..... Grande ibm vieni a salvarci con at&t e distruggete telecom!!!!
Totale commenti: 2 « Pagina Precedente | Pag 1 di 1 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

27.02.2015

Enter Cloud Suite, tutto a portata di mano nella nuova Dashboard

Enter Cloud Suite è la soluzione ideale per sviluppare e ospitare progetti web, mobile, siti di e-commerce, piattaforme SaaS, realizzare attività in ambito...

27.02.2015

TSMC, la produzione a 10nm parte nel 2017

La fonderia taiwanese stabilisce nel 2017 la data di avvio dei motori per la produzione a 10 nanometri, per la quale utilizzerà ancora strumenti di tradizionale...

26.02.2015

Con Android for Work Google guarda al settore PRO

Con Android for Work Google intende promuovere la diffusione del proprio sistema mobile anche nel settore professionale e nelle aziende. Si tratta di un'iniziativa...

26.02.2015

Intesi Group ottiene la certificazione Secure Signature Creation Device

L'italianissima Intesi Group ha raggiunto l'importante obiettivo di certificazione Secure Signature Creation Device per la propria piattaforma PkBox, un...

26.02.2015

Sempre più x86 anche nei sistemi server per applicazioni mission critical

I sistemi mission critical basati su architetture proprietarie continuano a registrare una contrazione nelle vendite, segnale di come il mondo dei server...

25.02.2015

Processo FinFET a 10nm, anche Samsung al lavoro

L'azienda koreana annuncia di essere al lavoro sul processo FinFET a 10 nanometri, ma avverte che per proseguire verso i 7nm e i 5nm saranno necessari...

25.02.2015

Sono stati 1,3 miliardi gli smartphone venduti nel corso del 2014

I dati IDC confermano il predominio di Android e iOS nel mercato degli smartphone, sistemi operativi che rappresentano oltre il 96% del totale dei modelli...

24.02.2015

Da Applied Materials nuovi strumenti di misurazione per la produzione FinFET e 3D NAND

Gli strumenti di misurazione impiegati per la produzione di transistor planari non sono adeguati per la produzione tridimensionale: Applied Materials sviluppa...

24.02.2015

ISSCC 2015: il futuro dei chip Intel è a 10 e 7 nanometri

La legge di Moore continuerà a guidare l'evoluzione nella produzione di semiconduttori anche nel corso dei prossimi anni, con il passaggio dagli attuali...

20.02.2015

Un network sempre più basato sul software per i servizi EOLO di NGI

E' un approccio simile all'Open Compute Project quello che l'italiana NGI ha scelto di seguire per la propria infrastruttura di rete, utilizzata per fornire...

20.02.2015

Si vendono più server in Italia, grazie alle soluzioni x86

Sono i sistemi server con processore AMD e Intel, stando ai dati SIRMI, quelli che hanno spinto in zona positiva l'intero settore nel corso del 2014

20.02.2015

DNA, utile per conservare l'informazione per l'eternità

Il DNA può essere usato per stoccare informazione digitale, ma presenta qualche problema nella conservazione a lungo termine. Un gruppo di ricercatori...

18.02.2015

In salita la strada di Apple Pay verso la Cina

Il sistema di pagamento contactless della Mela sta incontrando qualche resistenza da parte di UnionPay, l'unico interlocutore con cui si deve obbligatoriamente...

18.02.2015

Internet of Things: prodotti utili, ma con problemi di sicurezza

Una ricerca condotta da HP evidenzia limiti di sicurezza importanti per i prodotti dell'Internet of Things in commercio al momento, adottati per il monitoraggio...