Nuovo cambio della guardia in Yahoo: il CEO lascia l'azienda

Nuovo cambio della guardia in Yahoo: il CEO lascia l'azienda

Autore: Paolo Corsini Categoria: Mercato
Ufficialmente Scott Thompson abbandona Yahoo per questioni personali; alla base della sua uscita di scena le polemiche sorte nei giorni scorsi circa una informazione falsa fornita nel suo curriculum vitae, tale da far dubitare sulla sua capacità nel dirigere un'azienda in difficoltà come Yahoo

Il CEO di Yahoo, Scott Thompson, ha deciso di abbandonare il proprio ruolo nell'azienda a seguito della controversia venutasi a creare nel corso degli ultimi 10 giorni. Ricordiamo come il fondo d'investimento Third Point, con il controllo di circa il 6% del capitale sociale dell'azienda, ha richiesto il licenziamento di Thompson dopo aver scoperto che erano state divulgate da Yahoo informazioni non corrette sul background scolastico del CEO.

Nel comunicato stampa ufficiale, disponibile a questo indirizzo, viene semplicemente indicato che Thompson ha lasciato l'azienda, senza aggiungere null'altro. Viene invece indicato che il consiglio di amministrazione abbia raggiunto un accordo con Third Point, che vede 3 sue figure di riferimento entrare nel consiglio di amministrazione di Yahoo a partire dal prossimo 16 Maggio.

Il consiglio di amministrazione dell'azienda ha condotto, nel corso della settimana, un'analisi interna incentrata sulle informazioni fornite da Thompson, verificando come queste non siano state frutto di un errore o di una svista, come inizialmente indicato dallo stesso Thompson. Sembra che la laurea errata in informatica e contabilità, al posto di una in sola contabilità effettivamente conseguita da Thompson negli anni '80, sia stata indicata dallo stesso Thompson in un curriculum vitae da lui fornito.

La situazione, decisamente imbarazzante per il consiglio di amministrazione, ha ovviamente avuto ripercussioni tra i dipendenti, poco propensi ad accogliere scuse poco credibili da parte di un CEO da poco al comando e che sino ad ora non è stato capace di azioni significative, miranti a riportare l'azienda agli antichi splendori. La sua uscita di scena è quindi diventata a tutti gli effetti un atto dovuto per l'azienda.

Ross Levinsohn prenderà il posto di Thompson con effetto immediato come interim CEO, in attesa che la posizione venga assegnata dal consiglio di amministrazione ad un candidato la cui ricerca è già stata avviata. Fred Amoroso è stato inoltre nominato presidente del consiglio di amministrazione, sostituendo in questo Roy Bostock: la finalità di questo cambio di ruolo è quella di accelerare ulteriormente il processo di scelta del nuovo CEO.

Rimane ora da capire quale potrà essere il futuro di Yahoo, da troppo tempo vittima di un mercato che l'ha vista in vetta negli anni passati e che è diventato territorio troppo competitivo e difficile. Il susseguirsi di CEO incapaci di formulare una strategia di successo, dei quali Thompson è stato l'ultimo, lascia immaginare un futuro ancora difficile e ricco di ostacoli per questa storica azienda del web mondiale.

Update: è stata diffusa in queste ore una nuova notizia secondo cui il motivo per cui Scott Thompson, ex CEO di Yahoo, ha lasciato la propria posizione all'interno dell'azienda non è legato solamente ai problemi relativi alla laurea apparentemente mai conseguita. Sembra infatti che il noto dirigente abbia dovuto lasciare il proprio ruolo in quanto affetto da carcinoma alla ghiandola tiroidea, un problema di salute che costringerà l'ex CEO a un percorso di cure che ne limiterebbe la disponibilità professionale.

Commenti (3) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: maxmax80 pubblicato il 14 Maggio 2012, 08:38
ormai il mondo intero -me compreso- sta continuando ad arrichire sempre e solo google...gli altri provider senza adls sono destinati al fallimento..
Commento # 2 di: cat1 pubblicato il 14 Maggio 2012, 10:28
edit
Commento # 3 di: eeetc pubblicato il 14 Maggio 2012, 14:29
A questo punto non so se sia più dannoso per l'immagine dell'azienda lasciare il CEO al suo posto nonostante la bufala sulla laurea o procedere all'ennesimo suo cambio in poco tempo, dando l'impressione di una nave in tempesta senza nocchiero..
Totale commenti: 3 « Pagina Precedente | Pag 1 di 1 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

19.09.2014

È cinese l'IPO record negli Stati Uniti: Alibaba raccoglie 21,8 miliardi di dollari

Dopo aver rivisto al rialzo il prezzo delle azioni nelle ultime ore, Alibaba fa registrare un risultato record per quanto riguarda le IPO della storia...

19.09.2014

Microsoft licenzia altri 2100 dipendenti in tutto il mondo

L'azienda di Redmond prosegue con la seconda fase del piano di riduzione della forza lavoro dopo i 13 mila licenziamenti di luglio

19.09.2014

Larry Ellison non è più CEO di Oracle

Il fondatore dell'azienda decide di fare un passo indietro: la sua posizione sarà ricoperta da Mark Hurd e Safra Catz, mentre Ellison occuperà la poltrona...

17.09.2014

Da Thecus i primi NAS con Windows Storage Server 2012 R2 Essential

In vendita dal mese di Ottobre i primi NAS Thecus abbinati a sistema operativo Windows Storage Server 2012 R2 Essential, una soluzione per le PMI interessate...

16.09.2014

Big Data, il mercato continua a crescere e inizia la maturazione

Un mercato di rapida crescita per i prossimi cinque anni, ma con alcuni segnali che dimostrano come il processo di maturazione stia iniziando

15.09.2014

Intel acquisisce i brevetti di Powerwave Technologies

L'azienda di Santa Clara si assicura la proprietà intellettuale relativa a tecnologie di infrastrutture di telecomunicazioni di Powerwave Technologies

15.09.2014

Il 75% delle app mobile non passerà i basilari test di sicurezza, parola di Gartner

Le applicazioni mobile potranno presentare, nei prossimi anni, rischi piuttosto seri per la sicurezza delle informazioni aziendali

12.09.2014

Internet of Things, nuovi grattacapi per la sicurezza in azienda

A partire dai prossimi anni i CISO dovranno iniziare ad implementare strategie ed approcci specifici per assicurare quei progetti di business che si basano...

12.09.2014

Yahoo non ha ceduto alle minacce del governo USA, ecco i documenti

L'azienda fu minacciata di una sanzione giornaliera di 250 mila dollari fino a quando non avesse acconsentito a fornire i dati degli utenti al governo

12.09.2014

Adozione del cloud, oltre la metà delle imprese europee non è pronta

C'è ancora qualche difficoltà e molto lavoro da fare prima che le realtà europee possano abbracciare il cloud in maniera completa. Una indagine di IDC...

12.09.2014

Forte domanda per i prodotti wearables anche nel mercato italiano

Le stime fornite da IDC dipingono il settore dei wearables in forte crescita nella nostra nazione, con una stima di 3 milioni di pezzi venduti entro il...

11.09.2014

Non-concorrenza sui dipendenti: i colossi della Silicon Valley a processo nel 2015

Prenderà il via ad aprile del prossimo anno il processo che vede accusati Intel, Apple, Google e Adobe di aver orchestrato misure per non rubarsi a vicenda...

11.09.2014

Telecom Italia elimina lo scatto alla risposta e unifica i prezzi, ma aumenta il canone mensile

Telecom Italia darà il via il prossimo 1° novembre 2014 alla manovra di semplificazione dei prezzi: eliminato lo scatto alla risposta e mantenuta la tariffa...

10.09.2014

Xeon D a 14 nanometri: architettura Broadwell per storage e networking

La prossima generazione di processori Intel Xeon D, adatta a sistemi networking e di storage, è basata su tecnologia produttiva a 14 nanometri e debutterà...