Oracle e Sun: l'acquisizione si avvicina

Oracle e Sun: l'acquisizione si avvicina

Autore: Fabio Boneschi Categoria: Mercato
Il Dipartimento di Giustizia americano ha dato il proprio parere favorevole all'acquisizione. Ora si attende la decisione degli organismi antitrust europei

Il primo passo per l'acquisizione di Sun da parte di Oracle è stato fatto: il Dipartimento di Giustizia americano ha dato il proprio parere favorevole. La notizia viene riportata da una nota ufficiale dell'azienda da cui emergono altri dettagli. Oracle dovrà sottostare a precise condizioni, per ora non meglio precisate, e dovrà attendere il parere degli organismi antitrust dell'Unione Europea.

L'acquisizione era stata annunciata lo scorso aprile, quando si dava per conclusa l'operazione da parte di IBM. Big Blue, invece, si è ritirato dal progetto avendo perso la sua condizione di negoziatore esclusivo. La creazione di un nuovo colosso costituito da Sun e Oracle porterà al mercato nuove energie e, sicuramente, infastidirà IBM che si troverà a competere nei medesimi ambiti.

Il presidente di Oracle nei mesi scorsi aveva commentato in questo modo l'iniziativa:

"L'acquisizione permetterà di incrementare di almeno 15 centesimi i ricavi per azione non-GAAP di Oracle. Stimiamo che l'acquisizione del business di Sun contribuirà ad un profitto operativo non-GAAP per oltre 1,5 miliardi di dollari nel primo anno, in crescita fino a 2 miliardi nel secondo anno. L'acquisizione di Sun risulterà pertanto maggiormente remunerativa per il primo anno di quanto abbiamo stimato per le acquisizioni di BEA, PeopleSoft e Siebel combinate".

Commenti (28) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Abufinzio pubblicato il 21 Agosto 2009, 18:05
2 miliardi
e noi che giochiamo al superenalotto
tsè
Commento # 2 di: Liquid.Tension pubblicato il 21 Agosto 2009, 18:34
Originariamente inviato da: Abufinzio
2 miliardi
e noi che giochiamo al superenalotto
tsè


e VOI che giocate al superenalotto
Commento # 3 di: PGI-Bis pubblicato il 21 Agosto 2009, 18:39
Dubito che porterà nuove energie. Direi piuttosto che eliminerà dal mercato le energie che Sun profondeva in attiva poi rivelatesi non sufficientemente profittevoli. Rock docet?

http://www.channelregister.co.uk/20...lls_rock_sparc/
Commento # 4 di: Ratatosk pubblicato il 21 Agosto 2009, 18:49
Finiremo per pagare per tutti i DBMS, peccato...
Commento # 5 di: fraussantin pubblicato il 21 Agosto 2009, 18:50
Originariamente inviato da: Liquid.Tension
e VOI che giocate al superenalotto


e LORO che giocano al superenalotto
Commento # 6 di: certo85 pubblicato il 21 Agosto 2009, 19:15
Da quello che sapevo io il processore Rock era già stato dichiarato un fallimento...
Adesso vedo se trovo qualche info precisa...
Commento # 7 di: Kuarl pubblicato il 21 Agosto 2009, 20:23
il problema di rock non era tanto l'architettura quanto il prezzo eccessivo e gli elevati requisiti termici/energetici. E' sempre stato un problema degli sparc, e per questo hanno sempre faticato contro i processori più economici ed efficienti di intel. Alla fine sun in un periodo di vacche magre ha deciso di tagliare i rami secchi, oracle però è interessata ad avere un offerta server a 360 gradi e quindi il processore rientra in questi suoi piani, ma per competere con intel ne hanno di lavoro da fare... i soldi e gli ingegneri però non gli mancano di certo.
Commento # 8 di: OutOfBounds pubblicato il 21 Agosto 2009, 21:12
mmmh, così a naso la cosa non mi piace.. o forse non mi piace oracle.
Commento # 9 di: Il mio nome è legione pubblicato il 21 Agosto 2009, 22:41
Originariamente inviato da: OutOfBounds
mmmh, così a naso la cosa non mi piace.. o forse non mi piace oracle.


Perchè IBM è meglio?
Commento # 10 di: DKDIB pubblicato il 22 Agosto 2009, 01:07
Il terrore e' che Oracle non matterra' piu' attivi buona parte dei progetti open source di Sun, ipotizzando che continui a non essere un'azienda rivolta all'utenza SOHO...

In pratica la sensazione e' che Oracle abbia acquisito Sun solo per il comparto server (e tutt'al piu' per Solaris, VirtualBox e *forse* StarOffice), mentre abbandonera' tutto il resto, in primis le versioni open source anche di quei pochi prodotti software che dovesse decidere di mantenere in sviluppo.

Al contrario un'acquisizione da parte di IBM avrebbe rinquorato un po' tutti, essendo un'azienda storicamente attiva nell'open source (al pari dellavecchia Sun) e con tutto l'interesse a rafforzarsi/affacciarsi in tutti i settori software dove operava Sun (virtualizzazione, DBMS, suite per l'ufficio, ...).
Totale commenti: 28 « Pagina Precedente | Pag 1 di 3 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

18.12.2014

Valleytronics, si apre la strada ad una nuova tecnica per codificare l'informazione

L'idea è quella di codificare l'informazione basandosi su una caratteristica dell'elettrone diversa dalla carica e dallo spin. Un materiale bidimensionale...

17.12.2014

Siamo a quota 2 miliardi di smarthone attivi a livello globale

Superata una soglia a dir poco significativa, quella dei 2 miliardi di smartphone attivi; Android continua a farla da padrone ma nel futuro si apre spazio...

17.12.2014

Cerotti antidolorifici, anche loro presto diventeranno smart

Una struttura in rame che può flettersi ed estendersi senza subire danni: è questa la base per un cerotto termico riutilizzabile, che può essere controllato...

16.12.2014

Grosso tonfo di Samsung sul mercato smartphone, ne approfitta Xiaomi

Xiaomi cresce su base annuale alle spese di Samsung, entra nella Top 5 e insidia la connazionale Huawei. Ecco tutti i dati di Gartner per il mercato smartphone...

15.12.2014

Memorie a tecnologia ottica, il RIKEN prova una nuova strada

Un nuovo metodo di autoassemblaggio di particolari molecole fotocromiche potrebbe portare ad una più semplice produzione di memorie a tecnologia ottica...

12.12.2014

Indossabili e smart devices, previsioni di scenari per i prossimi anni

Gartner elabora una serie di previsioni rivolte ai dispositivi indossabili, ai sensori biometrici e ai dispositivi per la realtà virtuale/aumentata

11.12.2014

HP prepara Linux++, sistema operativo dedicato a The Machine

A partire da giugno 2015 HP metterà a disposizione una versione di Linux specifica per la sua nuova concezione di computer per avvicinare ad essa ricercatori,...

11.12.2014

Globalfoundries in cerca di ordinativi da Qualcomm e Apple

La fonderia spera di riuscire ad accaparrarsi qualche ordinativo per la produzione dei chip a 14 nanometri da parte delle due compagnie fabless

10.12.2014

Apple e IBM annunciano le prime app di IBM MobileFirst for iOS

Presentate le prime app nate dalla collaborazione strategica tra i due colossi, annunciata durante lo scorso mese di luglio

09.12.2014

Nel 2018 tablet o smartphone per tutte le attività online per oltre la metà degli utenti

Nel giro di pochi anni, soprattutto sul traino dei mercati emergenti, i dispositivi mobile saranno usati da oltre la metà del pubblico come unico strumento...

09.12.2014

TSMC ordina scanner EUV da ASML per prepararsi ai 7 nanometri

La fonderia taiwanese ha già ordinato due scanner EUV che saranno però inizialmente convertiti alla produzione standard e successivamente potrebbero essere...

05.12.2014

Check Point Capsule, sicurezza contro i rischi del BYOD

L'introduzione in azienda dei dispositivi personali rappresenta un rischio per la sicurezza dei dati, ne sono sempre più consapevoli i responsabili IT

04.12.2014

L'Università di Manchester scopre la permeabilità del grafene ai protoni

Potenzialità molto interessanti per lo sviluppo di batterie a celle di combustibile di maggior efficienza, ma la strada è ancora lunga

04.12.2014

Mercato server, un terzo trimestre di indugi con crescita limitata

HP, pur con un calo in consegne e fatturato, resta leader di mercato. A Cisco lo scettro della maggior crescita