Trimestre in calo per HP: colpa anche degli hard disk

Trimestre in calo per HP: colpa anche degli hard disk

Autore: Paolo Corsini Categoria: Mercato
Risultato trimestrale in contrazione per HP, complice in questo sia la riorganizzazione interna sia il ridotto approvvigionamento di hard disk sul mercato. Diminuiscono sia fatturato sia utili, ma per la nuova CEO lo scenario di sviluppo futuro non è in discussione

I risultati finanziari rilasciati nella serata di ieri da HP sono i primi che hanno visto il nuovo CEO Meg Whitman a capo dell'azienda per tutto il periodo. Considerando lo scenario economico globale non sono però da considerare un indice della fiducia e dell'operato del nuovo CEO, quanto uno spaccato di quello che è ora l'azienda e di quello che vuole diventare nel corso dei prossimi anni.

Partiamo dai numeri: nel primo trimestre fiscale dell'esercizio 2012, concluso lo scorso 31 Gennaio, HP ha totalizzato un fatturato di 30 miliardi di dollari, in calo del 7% prendendo quale riferimento lo stesso periodo dello scorso anno. L'utile netto di periodo è stato pari a 1,5 miliardi di dollari, in contrazione del 44% rispetto ai 2,6 miliardi dello stesso periodo dello scorso anno. In calo anche l'utile per azione, passato da 1,17 dollari a 0,73 dollari con una diminuzione del 38%.

Sono state le divisioni PC e server quelle a registrare i risultati peggiori, prendendo quale riferimento i trimestri precedenti. Il fatturato del Personal System Group, responsabile delle soluzioni consumer, è diminuito del 15% mentre quello legato a sistemi server e networking ha registrato una contrazione del 10%. In calo anche la divisione stampa, con il 7%, mentre quella legata ai servizi ha registrato un incremento dell'1%. A ribaltare la tendenza media il fatturato delle vendite di soluzioni software, in crescita del 30% circa, e quello dei servizi finanziari con un +15%.

Quali le cause alla base di questo risultato? Da un lato l'operazione di riorganizzazione interna all'azienda, percorso che stando alle parole della CEO è solo all'inizio e richiederà un lungo periodo di tempo per venir completato. Dall'altro l'impatto negativo dato dallo shortage di hard disk, conseguente alle inondazioni in Thailandia che hanno fermato per diverse settimane la produzione di questi componenti da parte dei principali produttori mondiali. La ridotte disponibilità di hard disk ha influenzato sia le soluzioni consumer come quelle server; per il secondo trimestre dell'esercizio fiscale 2012 HP prevede che questo fenomeno continuerà ad influenzare le vendite benché con una incidenza inferiore rispetto a quanto registrato sino ad ora.

I risultati finanziari dettagliati sono disponibili sul sito HP a questo indirizzo.

Commenti (5) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Revelator pubblicato il 23 Febbraio 2012, 11:02
portassero la produzione in europa...( di HD)
Commento # 2 di: roccia1234 pubblicato il 23 Febbraio 2012, 11:08
Originariamente inviato da: Revelator
portassero la produzione in europa...( di HD)


allora preparati a spendere 250€ per un disco da 1 tb
Commento # 3 di: Revelator pubblicato il 23 Febbraio 2012, 12:31
Originariamente inviato da: roccia1234
allora preparati a spendere 250€ per un disco da 1 tb


appunto questo è uno scandalo.ci facciamo belli con la schiavitù altrui. e la nostra economia va a picco se gli schiavi non lavorano.
Commento # 4 di: rb1205 pubblicato il 23 Febbraio 2012, 13:15
Originariamente inviato da: Revelator
appunto questo è uno scandalo.ci facciamo belli con la schiavitù altrui. e la nostra economia va a picco se gli schiavi non lavorano.


Scandalo? è così che ha funzionato e funziona tuttora la società umana: il forte aprofitta del debole. Non è giusto, è barbaro e tutto quello che vuoi, ma parlare di scandalo è ridicolo.
Commento # 5 di: Revelator pubblicato il 23 Febbraio 2012, 13:52
Originariamente inviato da: rb1205
Scandalo? è così che ha funzionato e funziona tuttora la società umana: il forte aprofitta del debole. Non è giusto, è barbaro e tutto quello che vuoi, ma parlare di scandalo è ridicolo.


de gustibus.
Totale commenti: 5 « Pagina Precedente | Pag 1 di 1 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

12.02.2016

I wearable entrano in catena di montaggio nella fabbrica Ford a Valencia

Ford ha sviluppato un’app che permette ai tecnici del controllo qualità di effettuare in pochi istanti verifiche specifiche sulle auto in catena di montaggio,...

11.02.2016

Droni: grande successo per quelli gonfiabili

Accanto a velivoli ad ala fissa e a quelli multirotori esistono anche i droni gonfiabili: che possa essere nel dirigibile il futuro delle consegne coi...

11.02.2016

Yahoo: al via i tagli del personale

Nelle scorse settimane l'azienda aveva anticipato la decisione di ridurre il proprio organico di circa il 15%; i primi licenziamenti comunicati in questi...

11.02.2016

Sino a 32 core per le CPU AMD Opteron basate su architettura Zen

La prossima generazione di processori AMD destinati a sistemi server, basati su architettura nota con il nome in codice di Zen, verrà offerta anche in...

11.02.2016

Il tassello da muro e il synchro flash cos'hanno in comune? Il loro inventore, Artur Fischer

Il compianto Artur Fischer è stato un inventore davvero prolifico: è passato alla storia per il suo tassello a espansione in plastica, ma a lui dobbiamo...

10.02.2016

BlackBerry taglia altri 200 impiegati

Ancora una sforbiciata ai dipendenti BlackBerry: la compagnia sta cercando di trasformarsi e figure legate ad attività precedenti sembrano non essere adeguate...

10.02.2016

Facebook, si lavora su reti mesh millimeter-wave per connettere aree rurali

Il social network deposita due brevetti per lo sviluppo di reti ideali per le aree rurali e non urbanizzate. Rientra nel contesto di Internet.org per diffondere...

09.02.2016

Batterie litio-ione con anodi di silicio grazie alle gabbiette di grafene

Dalla Stanford University arriva un metodo per ricoprire le particelle di silicio con un guscio di grafene che permette di mantenere le prestazioni degli...

05.02.2016

Niente droni al Super Bowl in un raggio di 50 chilometri

Le autorità di volo americane hanno indetto un enorme ban nella circolazione di velivoli e droni nei "pressi" del Levi's Stadium, dove il 7 febbraio si...

05.02.2016

Via libera all'acquisizione Western Digital - SanDisk da parte della Commissione Europea

La Commissione Europea autorizza l'operazione: nessun pericolo per la concorrenza nel settore dello storage una volta che la nuova realtà si sarà formata...

05.02.2016

Panasonic e Fujifilm insieme per il sensore 'organico', anche a doppia sensibilità

In pratica al posto dei fotodiodi in silicio viene posizionato nel sensore uno strato di materiale organico fotosensibile, che opera da raccoglitore di...

05.02.2016

Ancora una perdita trimestrale per HTC, in attesa del debutto di M10 e Vive

L'azienda taiwanese continua a registrare un dato di utile negativo nel proprio ultimo trimestre, pur a fronte di un incremento nelle vendite. Per la prima...

04.02.2016

Piccoli alberi elettromeccanici per produrre energia elettrica dalle vibrazioni

Dalla Ohio State University un esperimento mostra la possibilità di impiegare piccole strutture ad albero per raccogliere le vibrazioni dell'ambiente e...

03.02.2016

Indossabili, il mercato crescerà a doppia cifra nel 2016

Cresce il mercato degli indossabili, con smartband e smartwatch a trainare il carro. Ma il 2016 vedrà anche l'inizio della diffusione dei dispositivi Head...