Trimestre in calo per HP: colpa anche degli hard disk

Trimestre in calo per HP: colpa anche degli hard disk

Autore: Paolo Corsini Categoria: Mercato
Risultato trimestrale in contrazione per HP, complice in questo sia la riorganizzazione interna sia il ridotto approvvigionamento di hard disk sul mercato. Diminuiscono sia fatturato sia utili, ma per la nuova CEO lo scenario di sviluppo futuro non è in discussione

I risultati finanziari rilasciati nella serata di ieri da HP sono i primi che hanno visto il nuovo CEO Meg Whitman a capo dell'azienda per tutto il periodo. Considerando lo scenario economico globale non sono però da considerare un indice della fiducia e dell'operato del nuovo CEO, quanto uno spaccato di quello che è ora l'azienda e di quello che vuole diventare nel corso dei prossimi anni.

Partiamo dai numeri: nel primo trimestre fiscale dell'esercizio 2012, concluso lo scorso 31 Gennaio, HP ha totalizzato un fatturato di 30 miliardi di dollari, in calo del 7% prendendo quale riferimento lo stesso periodo dello scorso anno. L'utile netto di periodo è stato pari a 1,5 miliardi di dollari, in contrazione del 44% rispetto ai 2,6 miliardi dello stesso periodo dello scorso anno. In calo anche l'utile per azione, passato da 1,17 dollari a 0,73 dollari con una diminuzione del 38%.

Sono state le divisioni PC e server quelle a registrare i risultati peggiori, prendendo quale riferimento i trimestri precedenti. Il fatturato del Personal System Group, responsabile delle soluzioni consumer, è diminuito del 15% mentre quello legato a sistemi server e networking ha registrato una contrazione del 10%. In calo anche la divisione stampa, con il 7%, mentre quella legata ai servizi ha registrato un incremento dell'1%. A ribaltare la tendenza media il fatturato delle vendite di soluzioni software, in crescita del 30% circa, e quello dei servizi finanziari con un +15%.

Quali le cause alla base di questo risultato? Da un lato l'operazione di riorganizzazione interna all'azienda, percorso che stando alle parole della CEO è solo all'inizio e richiederà un lungo periodo di tempo per venir completato. Dall'altro l'impatto negativo dato dallo shortage di hard disk, conseguente alle inondazioni in Thailandia che hanno fermato per diverse settimane la produzione di questi componenti da parte dei principali produttori mondiali. La ridotte disponibilità di hard disk ha influenzato sia le soluzioni consumer come quelle server; per il secondo trimestre dell'esercizio fiscale 2012 HP prevede che questo fenomeno continuerà ad influenzare le vendite benché con una incidenza inferiore rispetto a quanto registrato sino ad ora.

I risultati finanziari dettagliati sono disponibili sul sito HP a questo indirizzo.

Commenti (5) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Revelator pubblicato il 23 Febbraio 2012, 11:02
portassero la produzione in europa...( di HD)
Commento # 2 di: roccia1234 pubblicato il 23 Febbraio 2012, 11:08
Originariamente inviato da: Revelator
portassero la produzione in europa...( di HD)


allora preparati a spendere 250€ per un disco da 1 tb
Commento # 3 di: Revelator pubblicato il 23 Febbraio 2012, 12:31
Originariamente inviato da: roccia1234
allora preparati a spendere 250€ per un disco da 1 tb


appunto questo è uno scandalo.ci facciamo belli con la schiavitù altrui. e la nostra economia va a picco se gli schiavi non lavorano.
Commento # 4 di: rb1205 pubblicato il 23 Febbraio 2012, 13:15
Originariamente inviato da: Revelator
appunto questo è uno scandalo.ci facciamo belli con la schiavitù altrui. e la nostra economia va a picco se gli schiavi non lavorano.


Scandalo? è così che ha funzionato e funziona tuttora la società umana: il forte aprofitta del debole. Non è giusto, è barbaro e tutto quello che vuoi, ma parlare di scandalo è ridicolo.
Commento # 5 di: Revelator pubblicato il 23 Febbraio 2012, 13:52
Originariamente inviato da: rb1205
Scandalo? è così che ha funzionato e funziona tuttora la società umana: il forte aprofitta del debole. Non è giusto, è barbaro e tutto quello che vuoi, ma parlare di scandalo è ridicolo.


de gustibus.
Totale commenti: 5 « Pagina Precedente | Pag 1 di 1 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

28.11.2014

È guerra fra operatori: TIM rilancia con 4G Plus fino a 225Mbps in altre 60 città

TIM ha comunicato di aver collegato altre 60 città alle più recenti connessioni LTE Advanced fino a 225Mbps, una risposta rapida agli annunci di Vodafone...

28.11.2014

Be-Youth Academy, Itway forma 20 giovani sulla cybersecurity

Itway, società di Ravenna che progetta, distribuisce e allestisce sistemi informativi, ha avviato un'iniziativa di formazione dedicata a 20 giovani

28.11.2014

Nuova Ford Focus: parcheggia davvero da sola?

Ford ha puntato sulla tecnologia per la sua nuova Ford Focus, che si connette al celllulare via Bluetooth e USB e che si parcheggia in modo semiautomatico:...

27.11.2014

Il 2015 di HTC: smartphone al centro, ma non solo

Mark Moons, Executive Director di HTC, sintetizza il 2014 come un anno di ripresa e nel complesso positivo per la taiwanese HTC. Al centro della gamma...

27.11.2014

Vodafone risponde: LTE Advanced fino a 225Mbps attiva già da oggi in 80 città italiane

Vodafone risponde a TIM lanciando in 80 località italiane le più avanzate reti LTE Advanced, con velocità in download fino a 225 Mbps

26.11.2014

Mercato PC: consegne stabili, ma potenziale di crescita limitato

Ci sono una serie di fattori di breve termine che spingono le consegne di sistemi PC, ma la ripresa a lungo termine stenta ad arrivare

26.11.2014

Hard disk da 100TB saranno la normalità nel 2025

Nel corso di una recente conferenza si è fatto il punto sulle tecnologie di registrazione magnetica, con interessanti considerazioni sul futuro degli hard...

26.11.2014

Sempre positive le vendite di tablet, ma non più ai tassi del passato

IDC conferma l'attenuazione dei fenomeni di forti vendite nel settore dei tablet; per il 2014 atteso un tasso di crescita positivo del 7,2%, lontano dai...

25.11.2014

Nanotecnologia per filtri polarizzatori dalle maggiori prestazioni

L'University of Utah studia un nuovo filtro polarizzatore che ruotando opportunamente la luce consente il passaggio di una maggior quantità di radiazione...

24.11.2014

OCZ Saber 1000, nuovi SSD da 2,5 pollici per il settore enterprise

Continua l'aggiornamento di gamma a ritmo serrato da parte di OCZ: ecco la serie Saber 1000 per il settore enterprise, con tagli che arrivano fino a 960GB...

20.11.2014

Indossabili per il fitness, un mercato molto dinamico

Varie categorie di prodotti con funzionalità in sovrapposizione e continui cambi ai vertici delle classifiche. Il mercato degli indossabili per attività...

20.11.2014

A volte ritornano: Thorsten Heins diventa CEO di Powermat

Aveva traghettato BlackBerry nel momento più difficile dell'azienda, ora Thorsten Heins diventa CEO di Powermat, la società impegnata in soluzioni di ricarica...

19.11.2014

Raffreddamento a liquido e approccio modulare: è Hive la proposta italiana per l'HPC

Eurotech presenta Hive, il proprio sistema modulare per il calcolo parallelo che abbina architetture di tipo differente per la componente CPU e per quella...

18.11.2014

Anche per HP il mercato dei PC in Italia mostra segnali di buona ripresa

Giampiero Savorelli di HP Italia conferma il buon momento di vendite di PC nel mercato nazionale; la ricetta passa attraverso un mix tra la flessibilità...