Western Digital, al ribasso le previsioni di fatturato del terzo trimestre

Western Digital, al ribasso le previsioni di fatturato del terzo trimestre

Autore: Andrea Bai Categoria: Mercato
Il produttore di hard disk, a fronte di un generale calo della domanda sul mercato PC, decide di rivedere al ribasso le previsioni di fatturato per il trimestre che si concluderà a settembre

Dopo aver mostrato in anteprima all'IDF i primi dischi da 5 millimetri di spessore che troveranno presto posto nei sistemi Ultrabook, e dopo aver annunciato l'introduzione, prevista per il prossimo anno, degli hard disk riempiti con elio (ne abbiamo parlato qui), Western Digital rilascia una revisione al ribasso delle stime per i risultati del terzo trimestre 2012.

Secondo il principale produttore di hard disk, il terzo trimestre 2012 sarà caratterizzato da un Total Available Market (TAM) per gli hard disk inferiore dell'11% rispetto a quanto originariamente preventivato. Questo ha portato la compagnia ha ridurre le stime di fatturato per il trimestre che si concluderà il 28 settembre 2012.

Western Digital sostiene che il TAM per il mercato hard disk sia di circa 140 milioni di unità, rispetto ai 157 milioni previsti in precedenza. La causa è individuata in un mutamento della domanda da parte del pubblico e in un ribilanciamento delle scorte. L'azienda si aspetta così di registrare un fatturato compreso tra i 3,9 e i 4 miliardi di dollari, inferiore rispetto a quanto stimato in precedenza e compreso tra i 4,2 e i 4,3 miliardi di dollari. La compagnia continua comunque a stimare i propri margini lordi per il trimestre di settembre attorno al 30%.

Le motivazioni che hanno portato Western Digital a rivedere verso il basso le stime di fatturato sono grossomodo le medesime che hanno spinto anche Intel a ritrattare le previsioni per il terzo trimestre dell'anno, come abbiamo avuto modo di osservare qualche giorno fa. Anche Western Digital concorda su un generale indebolimento della domanda nei mercati maturi e su una periodo back-to-school, che tipicamente rinvigorisce consegne e fatturati in questo periodo dell'anno, non particolarmente entusiasmante.

Commenti (30) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Sevenday pubblicato il 17 Settembre 2012, 14:34
Sinceramente a me NON dispiace.
Hanno marciato sulla catastrofe, hanno fatto cartello con la cugina Seagate ed ancora NON abbassano i prezzi.

Per me possono piangere ancora un pò...
Commento # 2 di: AUTOMAN pubblicato il 17 Settembre 2012, 14:35
Secondo me la domanda ci sarebbe eccome, sono i prezzi che ancora non sono scesi a buoni livelli. Io avrei bisogno di qualche Tb di spazio ma tengo duro con quelli che ho
Commento # 3 di: HSH pubblicato il 17 Settembre 2012, 14:37
penso che siamo tutti d'accordo, loro aumentano i prezzi con motivazioni pretestuose, e noi non compriamo + dischi ma tiriamo avanti con quel che abbiamo.... quando ritorneranno ai livelli pre alluvione, allora forse.... ma nel frattempo che ribassino pure le loro stime i furboni
Commento # 4 di: Cfranco pubblicato il 17 Settembre 2012, 14:44
Che strano ... la gente compra meno hd ... con i prezzi che hanno non se l' aspettava nessuno
Commento # 5 di: Floris pubblicato il 17 Settembre 2012, 14:55
Ad un calo della domanda dovrebbe seguire un ribasso nei prezzi...si spera!
Commento # 6 di: Maury pubblicato il 17 Settembre 2012, 14:56
Io non prenderò più un HD finchè i prezzi non torneranno alla situazione pre "speculazione da voltastomaco"...
Commento # 7 di: roccia1234 pubblicato il 17 Settembre 2012, 15:45
Il discorso è sempre il solito... finchè non tornano a 30, massimo 35€ al TB per i dischi da storage, non si compra (almeno, IO non compro, anche se avrei bisogno di un po' di spazio).
Al momento siamo a circa 45€ al TB, ancora troppo.

Non mi stupisco che abbiano previsto di vendere meno e/o abbiano venduto meno.
Commento # 8 di: vampirodolce1 pubblicato il 17 Settembre 2012, 15:50
Originariamente inviato da: roccia1234
finchè non tornano a 30, massimo 35€ al TB per i dischi da storage, non si compra (almeno, IO non compro, anche se avrei bisogno di un po' di spazio).
Al momento siamo a circa 45€ al TB, ancora troppo.
Posso chiederti dove trovi i WD a 45eur/TB? Io un caviar green 2TB l'ho visto a circa 105 euro su internet, un Elements 2TB a 120 euro.
Nei negozi fisici un paio di mesi fa l'Elements 2TB era a 155 euro.
Grazie.
Commento # 9 di: Sevenday pubblicato il 17 Settembre 2012, 15:57
Un WD green da 2tb sulla chiave sta a 90 euri...quindi 45 euro/tb.

3Tb a 129 euri...
Commento # 10 di: vampirodolce1 pubblicato il 17 Settembre 2012, 15:59
Mi dai il sito completo, eventualmente in MP?
Totale commenti: 30 « Pagina Precedente | Pag 1 di 3 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

16.09.2014

Big Data, il mercato continua a crescere e inizia la maturazione

Un mercato di rapida crescita per i prossimi cinque anni, ma con alcuni segnali che dimostrano come il processo di maturazione stia iniziando

15.09.2014

Intel acquisisce i brevetti di Powerwave Technologies

L'azienda di Santa Clara si assicura la proprietà intellettuale relativa a tecnologie di infrastrutture di telecomunicazioni di Powerwave Technologies

15.09.2014

Il 75% delle app mobile non passerà i basilari test di sicurezza, parola di Gartner

Le applicazioni mobile potranno presentare, nei prossimi anni, rischi piuttosto seri per la sicurezza delle informazioni aziendali

12.09.2014

Internet of Things, nuovi grattacapi per la sicurezza in azienda

A partire dai prossimi anni i CISO dovranno iniziare ad implementare strategie ed approcci specifici per assicurare quei progetti di business che si basano...

12.09.2014

Yahoo non ha ceduto alle minacce del governo USA, ecco i documenti

L'azienda fu minacciata di una sanzione giornaliera di 250 mila dollari fino a quando non avesse acconsentito a fornire i dati degli utenti al governo

12.09.2014

Adozione del cloud, oltre la metà delle imprese europee non è pronta

C'è ancora qualche difficoltà e molto lavoro da fare prima che le realtà europee possano abbracciare il cloud in maniera completa. Una indagine di IDC...

12.09.2014

Forte domanda per i prodotti wearables anche nel mercato italiano

Le stime fornite da IDC dipingono il settore dei wearables in forte crescita nella nostra nazione, con una stima di 3 milioni di pezzi venduti entro il...

11.09.2014

Non-concorrenza sui dipendenti: i colossi della Silicon Valley a processo nel 2015

Prenderà il via ad aprile del prossimo anno il processo che vede accusati Intel, Apple, Google e Adobe di aver orchestrato misure per non rubarsi a vicenda...

11.09.2014

Telecom Italia elimina lo scatto alla risposta e unifica i prezzi, ma aumenta il canone mensile

Telecom Italia darà il via il prossimo 1° novembre 2014 alla manovra di semplificazione dei prezzi: eliminato lo scatto alla risposta e mantenuta la tariffa...

10.09.2014

Xeon D a 14 nanometri: architettura Broadwell per storage e networking

La prossima generazione di processori Intel Xeon D, adatta a sistemi networking e di storage, è basata su tecnologia produttiva a 14 nanometri e debutterà...

10.09.2014

Centinaia di dispositivi smart nell'abitazione intelligente del futuro

Entro il 2020-2025 si inizierà a concretizzare il concetto di smart home, con centinaia di dispositivi connessi che abiliteranno nuove opportunità di business...

10.09.2014

General Motors, automobili automatizzate nel giro di due anni

SuperCruise è la tecnologia che General Motors cercherà di portare sul mercato entro i prossimi due anni

08.09.2014

La Wi-Fi Alliance compie 15 anni: breve storia di un fenomeno globale

Sono passati già 15 anni dall'istituzione della Wi-Fi Alliance, il consorzio che ha regolamentato lo standard più diffuso al mondo. Ecco alcuni dei passi...

06.09.2014

E' Megan Smith il nuovo CTO degli Stati Uniti d'America

Obama nomina il nuovo CTO USA: è Megan Smith, vicepresidente Google per Google[X]. Sarà affiancata da Alex Macgillivray, ex-responsabile legale di Twitter...