Western Digital, al ribasso le previsioni di fatturato del terzo trimestre

Western Digital, al ribasso le previsioni di fatturato del terzo trimestre

Autore: Andrea Bai Categoria: Mercato
Il produttore di hard disk, a fronte di un generale calo della domanda sul mercato PC, decide di rivedere al ribasso le previsioni di fatturato per il trimestre che si concluderà a settembre

Dopo aver mostrato in anteprima all'IDF i primi dischi da 5 millimetri di spessore che troveranno presto posto nei sistemi Ultrabook, e dopo aver annunciato l'introduzione, prevista per il prossimo anno, degli hard disk riempiti con elio (ne abbiamo parlato qui), Western Digital rilascia una revisione al ribasso delle stime per i risultati del terzo trimestre 2012.

Secondo il principale produttore di hard disk, il terzo trimestre 2012 sarà caratterizzato da un Total Available Market (TAM) per gli hard disk inferiore dell'11% rispetto a quanto originariamente preventivato. Questo ha portato la compagnia ha ridurre le stime di fatturato per il trimestre che si concluderà il 28 settembre 2012.

Western Digital sostiene che il TAM per il mercato hard disk sia di circa 140 milioni di unità, rispetto ai 157 milioni previsti in precedenza. La causa è individuata in un mutamento della domanda da parte del pubblico e in un ribilanciamento delle scorte. L'azienda si aspetta così di registrare un fatturato compreso tra i 3,9 e i 4 miliardi di dollari, inferiore rispetto a quanto stimato in precedenza e compreso tra i 4,2 e i 4,3 miliardi di dollari. La compagnia continua comunque a stimare i propri margini lordi per il trimestre di settembre attorno al 30%.

Le motivazioni che hanno portato Western Digital a rivedere verso il basso le stime di fatturato sono grossomodo le medesime che hanno spinto anche Intel a ritrattare le previsioni per il terzo trimestre dell'anno, come abbiamo avuto modo di osservare qualche giorno fa. Anche Western Digital concorda su un generale indebolimento della domanda nei mercati maturi e su una periodo back-to-school, che tipicamente rinvigorisce consegne e fatturati in questo periodo dell'anno, non particolarmente entusiasmante.

Commenti (30) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Sevenday pubblicato il 17 Settembre 2012, 14:34
Sinceramente a me NON dispiace.
Hanno marciato sulla catastrofe, hanno fatto cartello con la cugina Seagate ed ancora NON abbassano i prezzi.

Per me possono piangere ancora un pò...
Commento # 2 di: AUTOMAN pubblicato il 17 Settembre 2012, 14:35
Secondo me la domanda ci sarebbe eccome, sono i prezzi che ancora non sono scesi a buoni livelli. Io avrei bisogno di qualche Tb di spazio ma tengo duro con quelli che ho
Commento # 3 di: HSH pubblicato il 17 Settembre 2012, 14:37
penso che siamo tutti d'accordo, loro aumentano i prezzi con motivazioni pretestuose, e noi non compriamo + dischi ma tiriamo avanti con quel che abbiamo.... quando ritorneranno ai livelli pre alluvione, allora forse.... ma nel frattempo che ribassino pure le loro stime i furboni
Commento # 4 di: Cfranco pubblicato il 17 Settembre 2012, 14:44
Che strano ... la gente compra meno hd ... con i prezzi che hanno non se l' aspettava nessuno
Commento # 5 di: Floris pubblicato il 17 Settembre 2012, 14:55
Ad un calo della domanda dovrebbe seguire un ribasso nei prezzi...si spera!
Commento # 6 di: Maury pubblicato il 17 Settembre 2012, 14:56
Io non prenderò più un HD finchè i prezzi non torneranno alla situazione pre "speculazione da voltastomaco"...
Commento # 7 di: roccia1234 pubblicato il 17 Settembre 2012, 15:45
Il discorso è sempre il solito... finchè non tornano a 30, massimo 35€ al TB per i dischi da storage, non si compra (almeno, IO non compro, anche se avrei bisogno di un po' di spazio).
Al momento siamo a circa 45€ al TB, ancora troppo.

Non mi stupisco che abbiano previsto di vendere meno e/o abbiano venduto meno.
Commento # 8 di: vampirodolce1 pubblicato il 17 Settembre 2012, 15:50
Originariamente inviato da: roccia1234
finchè non tornano a 30, massimo 35€ al TB per i dischi da storage, non si compra (almeno, IO non compro, anche se avrei bisogno di un po' di spazio).
Al momento siamo a circa 45€ al TB, ancora troppo.
Posso chiederti dove trovi i WD a 45eur/TB? Io un caviar green 2TB l'ho visto a circa 105 euro su internet, un Elements 2TB a 120 euro.
Nei negozi fisici un paio di mesi fa l'Elements 2TB era a 155 euro.
Grazie.
Commento # 9 di: Sevenday pubblicato il 17 Settembre 2012, 15:57
Un WD green da 2tb sulla chiave sta a 90 euri...quindi 45 euro/tb.

3Tb a 129 euri...
Commento # 10 di: vampirodolce1 pubblicato il 17 Settembre 2012, 15:59
Mi dai il sito completo, eventualmente in MP?
Totale commenti: 30 « Pagina Precedente | Pag 1 di 3 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

31.01.2015

Google manca le aspettative di Wall Street, ma il trimestre è positivo

Google ha annunciato i risultati finanziari dell'ultimo trimestre del 2014. La società è in crescita su base annuale, ma non riesce a raggiungere le aspettative...

30.01.2015

F5 Networks rafforza la partnership con Cisco e presenta la nuova versione di BIG-IQ

Nell'annunciare la nuova versione della soluzione destinata all'Application Delivery, F5 Networks rafforza la partnership strategia con Cisco grazie ad...

30.01.2015

Gli USA ridefiniscono la banda larga a 25/3Mbps: il dato che fa vergognare l'Italia

La Federal Communications Commission (FCC) ha ridefinito i criteri per la banda larga, non più da 4/1 Mbps rispettivamente in download e upload, ma da...

29.01.2015

Doloroso quarto trimestre per Samsung, calano gli utili per la prima volta in tre anni

Come ampiamente previsto, Samsung fa segnare un trimestre in negativo con calo di utili e fatturato per la prima volta in tre anni. A trascinare verso...

29.01.2015

Servizi a pagamento non richiesti: ecco cosa chiede il Garante agli operatori telefonici

Già pubblica la prima delibera che affronta il problema dell'attivazione non richiesta dei servizi cosiddetti Premium sui telefoni cellulari. Sono tre...

29.01.2015

Solida la trimestrale di Facebook, grazie agli utenti da mobile

Il social network pubblica i risultati del quarto trimestre fiscale e dell'intero anno. Buona crescita in utile e fatturato, quest'ultimo costituito in...

28.01.2015

Quantum Dot stampabili dall'University of Illinois

Un particolare sistema simile alla stampa a getto di inchiostro permette di realizzare pattern complessi e ad alta definizione di quantum dot, aprendo...

28.01.2015

Apple, ancora un trimestre da record grazie ai nuovi iPhone

La Mela fa segnare il record della sua storia per quanto riguarda utili e fatturato. La Cina diventa un mercato di importanti dimensioni, e a fronte di...

27.01.2015

In crescita le vendite di Lumia e Surface, l'hardware di Microsoft

I risultati trimestrali dell'azienda, riferiti al periodo di fine 2014, mostrano un fatturato in crescita e un'azienda in costante trasformazione. Buoni...

27.01.2015

IBM, taglio di 111 mila dipendenti? Non proprio

Alcune indiscrezioni parlano di un'operazione che porterà al taglio del 26% della forza lavoro dell'azienda. Ma Big Blue smentisce le dimensioni dell'operazione,...

27.01.2015

Un chip tridimensionale con transistor a nanotubi di carbonio

Un gruppo di ricercatori della Stanford University è riuscito ad impiegare i nanotubi di carbonio per creare un circuito integrato monolitico con memoria...

26.01.2015

Chip mobile di Intel: vendono tanto, ma costano all'azienda anche di più

Intel ha perseguito nel corso del 2014 una strategia commerciale mirante alla crescita della quota di mercato nei dispositivi mobile, tablet e smartphone....

26.01.2015

Un laser di germanio-stagno per i collegamenti ottici on-chip

Un gruppo di ricercatori studia un modo per realizzare laser a base di semiconduttori direttamente sul silicio, per costruire un sistema di comunicazioni...

26.01.2015

Samsung e Apple i principali acquirenti di semiconduttori nel 2014

Le due aziende insieme acquistano semiconduttori per un valore combinato di 57 miliardi di dollari. Ma i colossi cinesi iniziano a crescere e i prossimi...