Windows 8: l'attesa allenta la domanda del pubblico

Windows 8: l'attesa allenta la domanda del pubblico

Autore: Andrea Bai Categoria: Software
L'arrivo sul mercato del nuovo sistema operativo potrà stimolare le vendite di nuovi sistemi da un lato, ma affosserà la domanda per nuovi PC nei mesi antecedenti al suo debutto

La banca di investimenti Piper Jaffray esprime cautela in merito all'avvento di Windows 8 ed in particolare a riguardo dei benefici che il nuovo sistema operativo sarà in grado di portare alle casse di Intel. Gus Richard, analista per la nota banca di investimenti, ha rilasciato una nota: "Crediamo che il 2012 si stia configurando come un anno difficile per Intel. Ci aspettiamo che la seconda metà dell'anno mostri una certa debolezza [nelle vendite di PC] prima del lancio di Windows 8, l'aggiornamento più significativo sin da Windows 3.0".

Ora, è noto che i cicli di aggiornamento dei sistemi operativi Microsoft hanno tradizionalmente un effetto positivo per i produttori di hardware e sistemi in genere, dal momento che aziende e consumatori acquistano nuovi PC (la cui stragrande maggioranza è basata su processori Intel) equipaggiati con il nuovo sistema operativo. Esiste però il rovescio della medaglia: nell'attesa del rilascio i consumatori posticipano l'acquisto fino a quando la novità - in questo caso Windows 8 - non si concretizza.

Fino ad ora Microsoft ha mostrato una particolare cura nell'evitare qualsiasi preciso riferimento temporale per il rilascio del nuovo sistema operativo, sebbene con la distribuzione della beta a febbraio è ragionevole supporre che il debutto sul mercato possa avvenire nel corso della seconda metà dell'anno. Secondo Richard l'attesa per Windows 8 potrebbe rallentare la domanda per qualche trimestre, andando ad impattare la crescita delle consegne PC per il 2012.

L'analista di Piper Jaffray osserva inoltre che gli sviluppatori di software hanno dovuto effettuare più modifiche del previsto al loro codice al fine di poter assicurare la corretta compatibilità con il nuovo sistema operativo e ciò solleva qualche preoccupazione sulla capacità delle applicazioni legacy di operare adeguadamente sul nuovo Windows 8, fattore che potrebbe innescare un ulteriore atteggiamento di attesa nei consumatori e, soprattutto, nelle aziende.

Commenti (43) 

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: birmarco pubblicato il 18 Gennaio 2012, 17:09
Oramai le "applicazioni legacy" sono una roba sempre più vergognosa.
La retrocompatibilità offerta da Windows è assurda eppure c'è ancora qualche programma che non è compatibile. Cmq serva di lezione a molti: mai affidare ad un branco di incompetenti lo sviluppo del proprio sistema informativo aziendale!

Non biasimo di certo le PMI che rimangono ad XP per un fatto di compatibilità, gli investimenti sui sistemi informatici aziendali sono ingenti e prima di aggiornare occorre avere ammortizzato la spesa. Su questi sistemi fatti col aggiornare è una cosa impossibile senza dover cambiare tutto il sistema o creare un'interfaccia verso i sistemi legacy residui (che poi non sono veri sistemi legacy per definizione ma lo sono di fatto) costosa e complessa e quindi sconveniente per imprese che, anche vista la crisi, fanno fatica a sopravvivere.

A parte questo, mi sembra ovvio non comprare dispositivi nuovi in vista dell'uscita di Windows 8 che, per quanto il verde dello sfondo Metro faccia schifo , sarà uno delle più importanti milestone dell'informatica. E' quindi ragionevole aspettare l'uscita di questo sistema per valutare nuovi acquisti, soprattutto in campo tablet.
Commento # 2 di: Aryan pubblicato il 18 Gennaio 2012, 17:10
Ci aspettiamo che la seconda metà dell'anno mostri una certa debolezza prima del lancio di Windows 8, l'aggiornamento più significativo sin da Windows 3.0".


Buona la droga in quei posti...
Commento # 3 di: Capozz pubblicato il 18 Gennaio 2012, 17:42
Originariamente inviato da: birmarco

A parte questo, mi sembra ovvio non comprare dispositivi nuovi in vista dell'uscita di Windows 8 che, per quanto il verde dello sfondo Metro faccia schifo , sarà uno delle più importanti milestone dell'informatica. E' quindi ragionevole aspettare l'uscita di questo sistema per valutare nuovi acquisti, soprattutto in campo tablet.


Su questo sono d'accordo. Anche io ero interessato all'acquisto di un tablet, ma se lo prenderò sarà solo con Windows 8, ios e android non li trovo adatti per qualcosa di più grande di uno smartphone.
Ovviamente il discorso è valido solo se ci sarà una valanga di programmi per ARM, altrimenti mi orienterò su altro.
Commento # 4 di: DIDAC pubblicato il 18 Gennaio 2012, 17:43
Originariamente inviato da: Aryan
Buona la droga in quei posti...


Che vuoi dire?
Commento # 5 di: kakaroth1977 pubblicato il 18 Gennaio 2012, 18:45
Quando dovrebbe uscire Windows 8 e che reali benefici apporterà rispetto a 7 ?
Commento # 6 di: mauriziofa pubblicato il 18 Gennaio 2012, 18:47
Originariamente inviato da: Aryan
Buona la droga in quei posti...


Perchè??? All'epoca di Windows NT 3.51 furono introdotti il runtime Win32 e il filesystem NTFS.

Oggi Windows 8 introduce il nuovo runtime WinRT ed il nuovo filesystem ReFs, nessun altro windows nel frattempo ha introdotto novità così significative.

Inoltre per la prima volta si cambia il target di Windows da aziendale puro a Consumer puro, se vorranno le aziende lo adoterrano se non vorranno no ma nel frattempo, sperano in Microsoft, di vendere milionate di tablet,pc, smartphone (forse anche smart TV se decidono di immetterle sul mercato) con Windows 8.

Se poi le aziende si adegueranno, bene, altrimenti non è più il target "aziende + pc" quello di windows 8 ma molto, molto più ampio.
Commento # 7 di: Daniel Dolphin pubblicato il 18 Gennaio 2012, 18:55
Originariamente inviato da: DIDAC
Che vuoi dire?


Che considerare Windows 3.0 una grande innovazione nei sistemi operativi significa che sei drogato o che non sai nulla di sistemi operativi.

Originariamente inviato da: mauriziofa
Perchè??? All'epoca di Windows NT 3.51 furono introdotti il runtime Win32 e il filesystem NTFS.

Oggi Windows 8 introduce il nuovo runtime WinRT ed il nuovo filesystem ReFs, nessun altro windows nel frattempo ha introdotto novità così significative.

Inoltre per la prima volta si cambia il target di Windows da aziendale puro a Consumer puro, se vorranno le aziende lo adoterrano se non vorranno no ma nel frattempo, sperano in Microsoft, di vendere milionate di tablet,pc, smartphone (forse anche smart TV se decidono di immetterle sul mercato) con Windows 8.

Se poi le aziende si adegueranno, bene, altrimenti non è più il target "aziende + pc" quello di windows 8 ma molto, molto più ampio.


L'articolo parla di windows 3.0 che è solo un'interfaccia grafica per il sistema operativo dos e non un sistema operativo.

Leggi con attenzione
Commento # 8 di: Uncle Scrooge pubblicato il 18 Gennaio 2012, 19:28
Più che interfaccia grafica era un ambiente operativo.

Sebbene sia sbagliato chiamarlo sistema operativo, comunque non viene definito tale nell'articolo. Si dice che è "Windows 8 è l'aggiornamento (ovvero la major release) più significativo dai tempi di Windows 3.0".

Dove sia stato detto che Windows 3.0 fosse un OS non l'ho capito.

In ogni caso, anche fosse stato detto, lo definirei un errore veniale, non tale da definire drogato chi lo commette. In fondo sempre di Windows si tratta, e oggi Windows è un OS.
Commento # 9 di: DIDAC pubblicato il 18 Gennaio 2012, 19:54
Originariamente inviato da: Uncle Scrooge
Più che interfaccia grafica era un ambiente operativo.

Sebbene sia sbagliato chiamarlo sistema operativo, comunque non viene definito tale nell'articolo. Si dice che è "Windows 8 è l'aggiornamento (ovvero la major release) più significativo dai tempi di Windows 3.0".

Dove sia stato detto che Windows 3.0 fosse un OS non l'ho capito.

In ogni caso, anche fosse stato detto, lo definirei un errore veniale, non tale da definire drogato chi lo commette. In fondo sempre di Windows si tratta, e oggi Windows è un OS.


quoto
Commento # 10 di: Daniel Dolphin pubblicato il 18 Gennaio 2012, 20:01
Originariamente inviato da: Uncle Scrooge
Più che interfaccia grafica era un ambiente operativo.

Sebbene sia sbagliato chiamarlo sistema operativo, comunque non viene definito tale nell'articolo. Si dice che è "Windows 8 è l'aggiornamento (ovvero la major release) più significativo dai tempi di Windows 3.0".

Dove sia stato detto che Windows 3.0 fosse un OS non l'ho capito.

In ogni caso, anche fosse stato detto, lo definirei un errore veniale, non tale da definire drogato chi lo commette. In fondo sempre di Windows si tratta, e oggi Windows è un OS.


corretto per quanto riguarda la definizione di ambiente operativo ma resta che windows 3.0 non è un grande aggiornamento sotto nessun punto di vista.

L'errore dell'autore è l'aver confuso Windows 3.x con Windows NT 3.1 che, pur presentando una numerazione simile a quella dei prodotti Windows 3.x, è qualcosa di completamente diverso.

P.S.
Non è corretto dire che Windows oggi è un sistema operativo in quanto il prodotto Windows (ambiente operativo) e il prodotto Windows NT (Sistema operativo) sono sempre stati due prodotti paralleli: il primo ha terminato il suo sviluppo con il prodotto dal nome commerciale "Windows ME" il secondo ha continuato il suo sviluppo con i nomi commerciali "Windows 2000" e poi "Windows XP" fino all'attuale "Windows 7" e il prossimo "Windows 8".
Totale commenti: 43 « Pagina Precedente | Pag 1 di 5 | Pagina Successiva »

Lascia il tuo commento

Notizie

27.02.2015

Enter Cloud Suite, tutto a portata di mano nella nuova Dashboard

Enter Cloud Suite è la soluzione ideale per sviluppare e ospitare progetti web, mobile, siti di e-commerce, piattaforme SaaS, realizzare attività in ambito...

27.02.2015

TSMC, la produzione a 10nm parte nel 2017

La fonderia taiwanese stabilisce nel 2017 la data di avvio dei motori per la produzione a 10 nanometri, per la quale utilizzerà ancora strumenti di tradizionale...

26.02.2015

Con Android for Work Google guarda al settore PRO

Con Android for Work Google intende promuovere la diffusione del proprio sistema mobile anche nel settore professionale e nelle aziende. Si tratta di un'iniziativa...

26.02.2015

Intesi Group ottiene la certificazione Secure Signature Creation Device

L'italianissima Intesi Group ha raggiunto l'importante obiettivo di certificazione Secure Signature Creation Device per la propria piattaforma PkBox, un...

26.02.2015

Sempre più x86 anche nei sistemi server per applicazioni mission critical

I sistemi mission critical basati su architetture proprietarie continuano a registrare una contrazione nelle vendite, segnale di come il mondo dei server...

25.02.2015

Processo FinFET a 10nm, anche Samsung al lavoro

L'azienda koreana annuncia di essere al lavoro sul processo FinFET a 10 nanometri, ma avverte che per proseguire verso i 7nm e i 5nm saranno necessari...

25.02.2015

Sono stati 1,3 miliardi gli smartphone venduti nel corso del 2014

I dati IDC confermano il predominio di Android e iOS nel mercato degli smartphone, sistemi operativi che rappresentano oltre il 96% del totale dei modelli...

24.02.2015

Da Applied Materials nuovi strumenti di misurazione per la produzione FinFET e 3D NAND

Gli strumenti di misurazione impiegati per la produzione di transistor planari non sono adeguati per la produzione tridimensionale: Applied Materials sviluppa...

24.02.2015

ISSCC 2015: il futuro dei chip Intel è a 10 e 7 nanometri

La legge di Moore continuerà a guidare l'evoluzione nella produzione di semiconduttori anche nel corso dei prossimi anni, con il passaggio dagli attuali...

20.02.2015

Un network sempre più basato sul software per i servizi EOLO di NGI

E' un approccio simile all'Open Compute Project quello che l'italiana NGI ha scelto di seguire per la propria infrastruttura di rete, utilizzata per fornire...

20.02.2015

Si vendono più server in Italia, grazie alle soluzioni x86

Sono i sistemi server con processore AMD e Intel, stando ai dati SIRMI, quelli che hanno spinto in zona positiva l'intero settore nel corso del 2014

20.02.2015

DNA, utile per conservare l'informazione per l'eternità

Il DNA può essere usato per stoccare informazione digitale, ma presenta qualche problema nella conservazione a lungo termine. Un gruppo di ricercatori...

18.02.2015

In salita la strada di Apple Pay verso la Cina

Il sistema di pagamento contactless della Mela sta incontrando qualche resistenza da parte di UnionPay, l'unico interlocutore con cui si deve obbligatoriamente...

18.02.2015

Internet of Things: prodotti utili, ma con problemi di sicurezza

Una ricerca condotta da HP evidenzia limiti di sicurezza importanti per i prodotti dell'Internet of Things in commercio al momento, adottati per il monitoraggio...